DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Osvaldo Di Dio festeggia dal vivo un anno del suo disco
Osvaldo Di Dio festeggia dal vivo un anno del suo disco
di [user #116] - pubblicato il

Primo compleanno per "Better Days" disco solista di Osvaldo Di Dio. A un anno dall'uscita, tracciamo con l'autore un bilancio di questo lavoro che ci ha colpito per la grande qualità della produzione, i suoni deliziosi e un originale bilanciamento tra vigore rock blues e ricerca melodica vicina alla tradizione napoletana. Osvaldo che è un prezioso collaboratore della nostra Didattica e un session man tra i più apprezzati del paese, festeggerà nella migliore delle maniere questo evento: dal vivo, con due concerti, accompagnato da Lele Melotti, leggenda italiana della batteria.
A un anno dall'uscita di "Better days" ci fai un bilancio di com’è andato il disco? Che spazi ci sono per un album strumentale in Italia?
"Better Days" dal punto di vista della diffusione e della vendita è stato un mezzo miracolo, frutto delle grandi potenzialità che oggi internet mette a disposizione di chi ha un prodotto valido da proporre e le idee giuste per veicolarlo. Personalmente mi sembra di osservare che viviamo tutti in un grande talent, che ormai non è più televisione, è vita vera. Le persone vogliono osservare, essere coinvolte, vogliono stare al tuo fianco mentre scrivi, mentre provi, mentre registri, durante i tuoi concerti, i social dà loro questa possibilità ed esigono che tu gliela riconosca e vogliono essere partecipi e testimoni del processo creativo che sta alla base di un disco. Se sei bravo in questo, poi il pubblico ti premia, anche un disco strumentale arriva in vetta alle classifiche e non è solo un tuo traguardo, è anche il loro, è un risultato che si raggiunge insieme, alla faccia del vecchio mondo della discografia che vedeva il pubblico come una mandria da foraggiare con prodotti spesso e volentieri “artificially flavoured”.

Osvaldo Di Dio festeggia dal vivo un anno del suo disco
 
In Better Days esploravi la tua personale visione della musica: un connubio tra rock blues e la tradizione melodica italiana, napoletana. Oggi percorreresti la stessa strada scrivendo del nuovo materiale?
Better Days è il mio modo di vedere la musica, il mio modo di raccontare storie. Nel prossimo album, che sto scrivendo proprio in questi mesi, ho intenzione di dare più spazio alla parte acustica, un elemento essenziale del mio bagaglio che, per scelta, ho messo in risalto poco nel primo disco.

Hai già deciso come festeggerai questo compleanno?
Gustandomi il regalo che un grande amico, Lele Melotti, mi ha fatto: Lele suonerà con me venerdì e sabato in due concerti che, per quanto mi riguarda, saranno memorabili.

Stai vivendo un momento straordinario della tua attività da session man: com’è, invece, rimettersi la chitarra al collo per suonare le proprie cose?
Sicuramente sono molto più esposto, ma non soltanto tecnicamente, anche e soprattutto a livello emotivo. Suonare le proprie composizioni ti mette a nudo totalmente, ma è il fine ultimo della musica secondo me. Comporre è prima di tutto un’esigenza, una necessità del tuo essere creativo, e questa spinta poi devi avere il coraggio di portarla avanti fino in fondo, di condividerla con gli altri.



Per chi volesse seguire Osvaldo nei prossimi concerti con Lele Melotti alla batteria ecco le date e i riferimenti:
Venerdì 9 settembre, Zio Live Promozione Cultura, via Boncompagni 44, Milano tel. 02 5680 8206;
Sabato 10 settembre, Mi-Rò, Via Adige, 5 Badile (MI) Vito Miolli: 349 392 3097
concerti interviste osvaldo di dio
Link utili
Il sito di Osvaldo Di Dio
Compera "Better Days" nello store di Accordo
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Per Steve Vai, andare in tour non è più sostenibile
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
Il groove interiore: quello che ti fa sorridere mentre suoni
La versatilità della Telecaster con Gennaro Porcelli
Pantera: lo speciale Gibson su Rex Brown
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964