CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Liam Gallagher scomoda i Beatles e parte la caciara, ma...
Liam Gallagher scomoda i Beatles e parte la caciara, ma...

di [user #16167] - pubblicato il
"Con gli Oasis in tre anni abbiamo fatto quello che loro hanno fatto in otto". Questa è la frase che rimbalza sui social da diverse ore. Liam non è nuovo a uscite di questo genere, ma questa volta ci sentiamo in dovere di spezzare una lancia in suo favore.
La frase è di quelle toste, soprattutto se presa da sola, “abbiamo fatto in tre (anni) quello che i Beatles han fatto in otto”, SBAM! Il web in men che non si dica è tutto un twittare continuo di risate e insulti, “Chi è Liam Gallagher per paragonarsi ai Beatles”, “Gli Oasis non son degni manco di nominarli i Fab Four”.

Ne siamo consapevoli, il frontman degli Oasis non è certo una personcina a modo e nella sua carriera ci ha già regalato citazioni indimenticabili. Siamo anche convinti che un pizzico di astuzia in questa risposta ci sia. In questi giorni, infatti, è stato presentato "Supersonic", un documentario sugli esordi della band diretto da Mat Whitecross. Ed è proprio parlando con lui che Liam ha lanciato la bomba.

Non è la prima volta che il più giovane dei fratelli Gallagher tira in ballo i quattro di Liverpool, già agli esordi della loro carriera se ne uscì, citando proprio Lennon e la sua storica frase “The Beatles were bigger than Jesus” dicendo “Lennon was right. And we are bigger than Jesus. We will be as big as The Beatles, if not bigger”, capiamo quindi perché gran parte del web sia partito un poco prevenuto.
Con dei precedenti del genere non ci stupisce la cattiva interpretazione, o meglio, l’interpretazione un po’ fuorviante che il clickbait ha scelto per i titoli rilanciati da qualsiasi testata musicale e non. Obbiettivo raggiunto (quello di Liam o quello dei giornali?), i click fioccano.

Basterebbe ogni tanto però dare un’occhiata all’intervista originale per capire che forse questa volta (almeno questa) il rocker di Manchester non voleva sminuire l’operato dei baronetti, ha sparato una mezza verità.
La frase incriminata non è altro che la risposta all’affermazione “People have maybe forgotten that you went from being signed to playing those Knebworth gigs in such a short space of time.”.
In effetti gli Oasis furono chiamati come headliner Knebworth Park, di fronte a 165000 spettatori a soli tre anni dal loro esordio.

Liam Gallagher scomoda i Beatles e parte la caciara, ma...

Quello che non è ben chiaro a cosa si riferisca con quegli “otto anni” dei Beatles perché, in effetti, i conti non tornano. Se consideriamo l’anno di esordio il ’63, anno in cui hanno davvero iniziato a scalare classifiche e cuori di fan, ore del 1971 è già fuori scala per quanto riguarda la carriera dei Beatles.

Insomma, voleva far parlare del nuovo documentario e ci è riuscito alla grande, prossima volta però sarà meglio si faccia due conti, almeno sulle carriere altrui prima di citarle.
Dello stesso autore
Germano Seggio porta la chitarra in Alta Quota
Bohemian Rhapsody visto da un fan postumo
Mauro di Domenico presenta Ennio Morricone for classical guitar
Luigi Grechi: "Il CD è arrivato alla fine della corsa!"
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
RCF presenta l'amplificatore DPS 604X
Addio Elio evviva Elio (la recensione di un fan)
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 08/10/2016 ore 04:01:1
M a per piacere.....i Beatles hanno esplorato qualsiasi campo della musica ed hanno insegnato a fare musica alle generazioni successive ed in qualsiasi campo della musica pop - rock, degli Oasis ascolti una - due canzoni e le hai sentite tutte.
Nonostante ai tempi dei Beatles non ci fosse internet sono diventati la band piu' conosciuta di tutti i tempi, se gli Oasis fossero vissuti ai tempi dei Beatles senza internet non sarebbero usciti da quella fogna che e' Manchester
Per concludere devo dire che mettere gli Oasis ed i Beatles nella stessa frase mi infastidisce parecchio.
Rispondi
di poseidon [user #30697]
commento del 08/10/2016 ore 15:02:36
Beh, oddio, a dire il vero il botto forte di successo gli oasis lo hanno avuto verso la metà degli anni novanta, e non mi pare che internet fosse ancora molto diffusa, anzi. Io non avevo internet ai tempi, quasi nessuno l'aveva, qualcuno si, ma non era comunque l'internet di oggi, YouTube è arrivato solo nel 2005, e gli oasis avevano già dato. Mai piaciuti, ma hanno avuto successo un po per come si ponevano e riuscivano a far parlare di loro, un po perché qualche bel pezzo in fondo lo hanno anche fatto, non dicerto grazie a internet
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/10/2016 ore 11:32:2
Un conto e' il successo che hai quando presenti un disco e fai il tour ad esso collegato e su questo posso essere d'accordo, un altro e' il farsi conoscere a livello planetario per ogni stronzata che ti inventi e che diffondi in rete ed in questo gli Oasis sono stati maestri con le loro finte risse, discussioni e comportamenti borderline realizzati ad hoc...dal 2000 in poi questo ha consentito loro di sopravvivere altrimenti sarebbero spariti molto prima come e' successo a tanti altri magari anche piu' meritevoli di loro.
Rispondi
di hamilton [user #6193]
commento del 09/10/2016 ore 11:57:27
Scusa Manchester fogna in che senso?
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/10/2016 ore 11:22:08
Nel senso che e' un posto davvero brutto, null'altro
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 11/10/2016 ore 12:09:38
dai ma lui è la vera rock star, provocatore all'inverosimile, per me incarna la vera anima del rock
Rispondi
di Oblio [user #43248]
commento del 08/10/2016 ore 07:58:5
Questa e' grossa !! ......I cowboy hanno esplorato il west sui cavalli e gli altri dietro sono arrivati in treno!!Dovrebbero sciaquarsi la bocca certe persone ,visto che non han fatto altro che emularli , gli manca solo da dire che il modrock lo hanno inventato loro !
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 08/10/2016 ore 08:29:49
Qualcuno ha pensato di fagli un sonoro pernacchio? No perchè ci sta proprio. Sempre stato antipatico lui e la sua musica che pare una zampogna (non una cornamusa) sgonfia.
Rispondi
di giuseppefuz [user #39881]
commento del 08/10/2016 ore 08:32:19
concordo in pieno con i commenti di Gibsonmaniac e Oblio, per il resto...mah!!! vedo che non è cambiato niente, fin dal loro esordio hanno usato il nome Beatles (con tutto quello che ne consegue) pur di mettersi in primo piano...e nulla è cambiato...questo la dice lunga!
Rispondi
di franklinus [user #15063]
commento del 08/10/2016 ore 08:59:19
i beatles sono la storia,egli è solo cronaca
Rispondi
di lbaccarini [user #14303]
commento del 08/10/2016 ore 09:54:42
questi due da sempre fanno parlare di se solo grazie a sparate ridicole, la loro band è per me una delle più sopravvalutate e penso che lo direi anche se i due fratelli non mi stessero sulle palle.
Vedere qulache loro disco nelle classifiche dei dischi migilori di sempre di Rolling Stone (redatte da critici e musicisti in grande numero), mi ha sempre lasciato perplesso (senza però farmi cambiare idea)
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 08/10/2016 ore 10:23:13
Banda di "buffoni",gli Oasis naturalmente....ignorateli,è la strategia migliore.
Rispondi
di lomba [user #3864]
commento del 08/10/2016 ore 10:57:38
Canta con lo stesso tono di voce che ho io quando cago, dovrebbe darsi alla pittura.
Rispondi
di joerocker [user #11075]
commento del 08/10/2016 ore 12:16:48
Ahahah sai che mi hai messo curiosità di sentirti?
Rispondi
di lomba [user #3864]
commento del 08/10/2016 ore 12:55:47
Ascolta gli oasis!
Rispondi
di joerocker [user #11075]
commento del 08/10/2016 ore 12:16:26
I Gallagher e i media sono nemici giurati. Come i Gallagher e i fans. Come i Gallagher e le altre band. Come i Gallagher e i Gallagher. Stupidi Gallagher!
Rispondi
di silente [user #11800]
commento del 08/10/2016 ore 12:19:06
Per me di Gallagher ne è esistito uno solo e si chiamava Rory.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 09/10/2016 ore 18:57:44
Ecco,questa è la risposta migliore!! ;-) Immenso Rory!
Rispondi
di ndrecchia [user #43094]
commento del 08/10/2016 ore 14:10:5
I Beatles hanno scritto brani che a distanza di 45-50 anni ancora sono ricordati. Gli Oasis, passata l'ondata degli anni '90 e la moda del sound british sono già scomparsi, e a parte un paio di brani noti, hanno il grosso della produzione di cui si può fare tranquillamente a meno.
Rispondi
di poseidon [user #30697]
commento del 08/10/2016 ore 14:47:45
Concordo col commento di silente.

Detto questo, non capisco perché indignarsi per cose simili. Questo tipo di sparare provocatorie fa da sempre parte del mondo rock, se ne potrebbe fare un libro tante se ne sono sentite negli anni... è solo show, lui i Beatles li adora :-)
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 08/10/2016 ore 15:52:19
Al netto del riferimento alla musica, se Gallagher voleva intendere che la loro notorietà è giunta prima di quanto abbiano fatto i Beatles ci sta ed è normale: lo showbusiness moderno mastica gruppi e solisti come un tritacarne. Oggi in tre anni (o addirittura 3 mesi di un talent) diventi un idolo per milioni di spettatori, però si rischia che nello stesso arco temporale diventi uno dei tanti e non sempre è colpa della qualità di quel che suoni. Ovviamente quest'ultimo non è il caso degli Oasis che il loro oblio se lo sono meritato tutto. A proposito, ma suonano ancora o cazzeggiano solo?
Ciao
Rispondi
di ndrecchia [user #43094]
commento del 09/10/2016 ore 11:03:17
Gli Oasis saranno arrivati al successo anche più rapidamente dei Beatles ma ricordiamoci che quando sono usciti fuori gli Oasis esisteva già un'industria musicale con esperienza di gestione di certi fenomeni musicali di oltre 30 anni, mentre quando sono usciti fuori i Beatles, l'industria musicale era agli esordi, il numero di riviste di settore che consemtisse una diffusione delle informazioni a livello globale era quasi nullo, stesso discorso per i canali come radio e tv, il numero di media era limitatissimo. Vorrei vedere in quante settimane i Beatles avrebbero raggiunto il primo posto delle classifiche mondiali se fossero stati pompati da tv, radio stampa come somo stati pompati gli oasis, quando ti ritrovavi i loro video su MTV una trentina di volte al giorno. Inoltre gli Oasis hanno sostanzialmente scopiazzato quanto fatto in passato da altri musicisti (Beatles compresi), nulla di nuovo. Successo più rapido e declino più rapido. I Beatles ci sono ancora, le loro canzoni sono ancora conosciute. E gli Oasis? finito il successo generazionale, la loro musica non dice più nulla a nessuno.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 08/10/2016 ore 18:24:2
Yawn.....ZZZzzz.....Zzzz.....
Rispondi
di nanniatzeni [user #24809]
commento del 09/10/2016 ore 12:05:01
Di sicurio gli Oasis di sicuro son partiti meglio dei Beatles,che all'inizio erano imbarazzanti ed erano solo un gruppetto per ragazzine (una Live Forever dal debut Definitely Maybe straccia Love me do,o una Wonderwall demolisce i Wanna hold your hand),ma poi....
Ma poi i Beatles hanno evuto un'evoluzione e una crescita che mai nessuno ha avuto nella storia della musica,rimangono inarrivabili hanno fatto un disco più bello dell'altro esplorando tutte le sonorità possibili (Helter skelter è proto heavy metal,uscita ancor prima di communication Breakdown dei Led Zeppelin),gli Oasis dopo tre ottimi dischi non hanno fatto più nulla di nuovo.
Rispondi
di Oblio [user #43248]
commento del 09/10/2016 ore 12:18:44
"Beatles,che all'inizio erano imbarazzanti ed erano solo un gruppetto per ragazzine (una Live Forever dal debut Definitely Maybe straccia Love me do,o una Wonderwall demolisce i Wanna hold your hand),ma poi...."

........ma poi si dovrebbe imparare a considerare i fenomeni contestualmente ai periodi , ragionando sul materiale musicale che avevano i Beatles e su quello che hanno avuto gli oasis 30 anni dopo . Francamente il gap e' mostruoso e mettendo il tutto in scala, gli oasis non hanno proprio fatto un ca**o in confronto!!
Rispondi
di nanniatzeni [user #24809]
commento del 09/10/2016 ore 17:04:4
Insomma però,gli Oasis dei primi dischi avevano un loro perchè e hanno sfornato canzoni bellissime.Ma restano immensamente meno importanti dei 4 di Liverpool.
Volevo semplicemente dire che i Beatles non sono partiti subito con Strawberry fields forever,A day in the life o Something,ma ci sono arrivati evolvendosi,roba che gli Oasis non hanno fatto.
Poi bisogna dire che forse la tua considerazione è più un handicap che un vantaggio per gli Oasis,che arrivavano quando il rock ormai aveva già detto tutto e ogni loro canzone veniva paragonata alla sacra triade Betles/Stones/Who uscendone per forza sconfitta.
Rispondi
di mattconfusion [user #13306]
commento del 12/10/2016 ore 09:48:33
Come ha già detto Oblio prima di me il paragone è sbagliato perchè non tiene conto dei 30 anni di storia del rock e di bombardamento musicale dal quale le band degli anni 90 hanno potuto attingere senza inventare nulla. Senza contare la tecnologia e il supporto di un mercato discografico di musica leggera ormai industria affermata.
E' sbagliato anche perchè ignora come ho già scritto sotto le origini da band rock'n roll pura dei Beatles, della loro esperienza ad Amburgo negli anni precedenti il loro debutto discografico. In ultimo bisogna imparare ad ascoltare con le orecchie dell'ascoltatore dell'epoca in cui il pezzo è uscito. "Love me do" fu di fatto un flop. Ma per un giovane inglese del 1963 sentire dei tizi che urlano "Per favore fammi godere come faccio godere te" - perchè è questo il senso di Please Please Me - beh immagino che sia stato abbastanza divertente e nuovo.
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 09/10/2016 ore 18:58:56
Oasis: da Beatles come look di capelli, ispirazione, cercare di riprodurre una cosa simile pur non avendo George Martin hanno fatto cose grandi! All'inizio non mi piacevano ma mi sono dovuto ricredere. E ho anche apprezzato ispirazioni video presi dai Beatles e pure la copertina di Beano - e i testi lo confermano. "Wonderwall" è quel muro nella propria stanza dove si appendevano posters di idoli vai al link
Il problema di Liam è che Noel ha composto tutto - lui era da essere lo "schiavo"!
Rispondi
di mdg [user #41663]
commento del 10/10/2016 ore 20:17:54
Fra l'altro, "Wonderwall" è un "prestito d'autore" da Harrison, vai al link
Rispondi
di FenderStratoFender [user #29391]
commento del 10/10/2016 ore 00:40:30
Ragazzi sono tutte sparate un po' farina del suo sacco e un po' gonfiate ad arte dai media. Il figlio l'ha chiamato Lennon....
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 10/10/2016 ore 11:34:4
C'è anche Keef e il suo commento su Sgt Pepper's"... È una battuta come quella di Liam. Nessuno ODIA The Beatles! Inconcepibile, impossibile tra musicisti.
Rispondi
di xstrings utente non più registrato
commento del 10/10/2016 ore 11:57:47
della serie, bene o male l'importante è che se ne parli ...
Rispondi
di Zango [user #42812]
commento del 10/10/2016 ore 15:17:06
Un sacco di gente indignata che commenta questo articolo, gente che apprezza gli Oasis che commenta questo articolo, io che sostanzialmente me ne frego che commento questo articolo...
Cazzata o meno, mi sembra che abbia ottenuto ciò che voleva, quindi bravo lui!
Rispondi
di mdg [user #41663]
commento del 10/10/2016 ore 19:47:04
Dei Beatles ricordiamo ogni pezzo senza problemi, così, naturalmente... Degli Oasis... Oasis chi? Aspetta che frugo nella memoria...
Rispondi
di sifo [user #32245]
commento del 11/10/2016 ore 15:00:27
Dimentichi lo spazio tempo...un classe 90o giù di lì ti chiederà "ma chi erano poi questi Beatles"? mentre fischietta wonderwall😁
Rispondi
di Ghira [user #19856]
commento del 10/10/2016 ore 22:54:06
Hanno fatto in 3 anni quello che i Beatles hanno fatto in 8? Peccato però che l'avevano già fatto i Beatles e molti anni prima
Rispondi
di Lelinho [user #44984]
commento del 11/10/2016 ore 02:33:44
la lancia spezzategliela in testa cosi rinsavisce
Rispondi
di Lelinho [user #44984]
commento del 11/10/2016 ore 02:35:57
tra 60 anni chi parlera delgi oasis ?
Rispondi
di alcor72 [user #16133]
commento del 11/10/2016 ore 14:51:04
...boh forse è meglio tacere, sembra una provocazione messa li da chi vuol fare solo parlare di se.

Gli Oasis sono stati "miracolati" dalla critica, anche una loro originalità ce la avevano...di qui a paragonarsi con 4 di Liverpool.....
Rispondi
di sifo [user #32245]
commento del 11/10/2016 ore 14:55:48
Piacevano solo a me i gallagher dei primi 4 album?
Si tra 60 anni si ricorderanno degli oasis..Liam è diventato famoso grazie a ste sparate sui colleghi ma entrambe i fratellini venerano i Beatles e lo palesano da sempre..
Rispondi
di sifo [user #32245]
commento del 11/10/2016 ore 15:15:17

Tra i difensori a spada tratta dei Beatles c e qualche fan che aveva 20 anni quando è uscito il loro primo singolo?
In quei pochi documenti live che girano mi pare che ci fossero soltanto bambine che si strappavano le moutande.. Sono stati gli antenati delle boy band moderne oltre che inventori del pop e dei testi "profondi"che condiscono il genere..4 bei ragazzi che San mischiare bene 8 accordi e canticchiano canzoni piacevoli!oggi nn mischiano più gli accordi ma il resto è uguale
Rispondi
di mattconfusion [user #13306]
commento del 12/10/2016 ore 09:38:54
Mmh no, non direi. I Beatles del 1960/61 erano praticamente dei teppisti che suonavano, nei locali della zona a luci rosse di Amburgo, roba presa dal rock'n roll e dal suo equivalente nero, il rythm'n blues (figlio dell'epoca in cui le classifiche erano divise tra musica bianca e musica nera). A Liverpool suonavano in un club parecchio all'avanguardia per i tempi, il Cavern, e piacevano per il tiro che avevano imparato suonando in Germania. Proprio in Germania il pubblico non era di bambine, ma di marinai incazzati e ubriachi e giovani artisti come Astrid Kircherr, diventata famosa per le foto scattate ai Beatles in quel periodo e per averli influenzati nello stile "caschetto e vestiti neri", che poi era quello adottato da lei e i suoi amici.
Effettivamente il primo singolo "Love me do" è una filastrocchina a confronto. Ma già l'album "Please Please Me" del 1963 fa mostra della band di allora, melodica ma grezza nel suono. Belli non erano di certo, è vero che il pubblico femminile era quello che faceva più casino e che li perseguitava, ma da qui a dire che erano una boyband.... è un paragone storicamente sbagliato, anche perchè stando ai fatti non c'è stata alcuna costruzione a tavolino.
Rispondi
di alcor72 [user #16133]
commento del 11/10/2016 ore 16:27:46
Non sono un fan (nel senso stretto) dei Beatles, ma quello che hanno fatto gli Oasis nei loro primi 4 album (che comunque è degno di nota) i 4 di Liverpool l'hanno fatto in metà di Sgt. Pepper.

Quanto ad armonie e prestazioni vocali (senza dimenticare il lato compositivo)...non c'è proprio gara
Rispondi
di sifo [user #32245]
commento del 11/10/2016 ore 17:03:42
E loro stessi lo ammisero a suo tempo giustificando il titolo di standing on the sholders of giant come un tributo ai giganti grazie ai quali loro non sarebbero mai esistiti..Noel attinge dai Beatles da sempre e lo ammette ...comq c e poco da fare se sono arrivati prima loro .. Io sento un po di Beatles ovunque ..tanti scopiazzano e basta Noel scopiazza e ammette
Rispondi
di mattconfusion [user #13306]
commento del 12/10/2016 ore 09:27:50
ripeto lo stesso commento che ho fatto alla condivisione di sta sparata (tra l'altro mi pare il tizio qui sia in aria di nuovo disco) una settimana fa:
"sì, come no."
Rispondi
di CHALKIE [user #13556]
commento del 14/10/2016 ore 09:39:5
E` ridicolo, e molto bravo a far parlare di se`, far parlare male. I Beatles sono musica classica del ventesimo secolo, li ascolteranno sempre e avranno sempre qualcosa di bello da dire e da imparare. Gli Oasis non li ascolta piu` nessuno (io non li ascoltavo neanche ai loro tempi, un gruppo che ho messo senza dubbi nella categoria "pallosi e scontati"). Liam, campione di seghe mentali.
Rispondi
di CHALKIE [user #13556]
commento del 14/10/2016 ore 09:41:23
E poi cosa avrebbero fatto gli Oasis? Io non me ne sono accorto
Rispondi
di cisco [user #1569]
commento del 14/10/2016 ore 09:49:03
sopravvalutati stronzetti megalomani viziati e drogatelli cattivi imitatori del peggior Lennon
Rispondi
di shaolin61 [user #22600]
commento del 14/10/2016 ore 10:33:15
Aha aha
In effetti hanno rifatto (male) in tre anni quello che i Beatles avevano già fatto in otto anni
Rispondi
di WilsonS [user #42009]
commento del 16/10/2016 ore 21:45:28
Ma qualcuno ha letto l'articolo fino alla fine prima di commentare?
La frase di Liam non metteva in paragone i meriti artistici di Beatles e Oasis, ma la velocità con cui hanno raggiunto il successo.
Poi boh, adesso linciatemi pure, ma a me gli Oasis piacciono, magari non avranno fatto niente nuovo, ma non tutto ciò che non è innovativo è da buttare.
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 17/10/2016 ore 14:51:4
Liam e interviste varie: sono andato su YouTube per esaminare quanto c'era... molto! Dal lato statistico usa la parola "fuck" più di ogni altra! Ha uno spiccato senso umoristico sarcastico e si posiziona da ragazzaccio di strada maleducato da questo punto di vista. Divertente - è di certo un "showman" D.O.C.! Su YT vi è persino un best of di sproloqui suoi... Io non me la prendo per queste cose.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964