HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Tanti auguri Dan Hawkins!
di [user #42202] - pubblicato il (Modificato) 

Tanti auguri Dan Hawkins!
In data 12 dicembre 1976 nasceva un grande uomo, un grande musicista, il suo nome è Daniel Francis Hawkins, meglio conosciuto come Dan Hawkins. Lui è il chitarrista nonché fondatore dei The Darkness, il mio gruppo rock preferito. Mi ero promesso di dedicargli una cover per festeggiare i suoi 40 anni, e perché non farlo proprio con una canzone del mitico primo album "Permission To Land"?
Tanti auguri Dan Hawkins!
Avevo 13 anni quando pubblicarono questo album, ricordo ancora che andai a comprarlo da un negozio di dischi qui a Bari con un mio amico (il batterista del mio gruppo) sotto una pioggia che non finiva mai. Questo disco me lo sono letteralmente consumato nel mio lettore CD. Iniziai a suonare la chitarra proprio grazie a quest'album e alle canzoni dei Queen, mi feci crescere i miei capelli proprio per somigliare a lui e a Brian May.
Tanti auguri Dan Hawkins!
Ormai son passati gli anni e un po' dei miei capelli li ho persi strada facendo però, sono rimasti i Queen e i Darkness a riempire le mie giornate con la loro ottima musica.
Tanti auguri Dan Hawkins!
Sicuramente qui non si parla di un musicista a pari livello con Steve Vai, Yngwie Malmsteen o Joe Satriani, ecc. però, parliamo di un musicista che sa metterti la nota giusta al posto giusto, specialmente sulle ritmiche. E' un fissato maniaco di Gibson Les Paul come suo fratello Justin. Riesce a fare certe ritmiche dal tono e dal ritmo accattivante, direi molto nello stile degli AC/DC. Il punto di forza dei Darkness è proprio la chitarra ritmica di Dan legata al falsetto tagliene della voce di Justin. Amante indiscusso delle testate Marshall e del Tube Screamer, ogni tanto fa qualche assolo ma, ripeto, ha una tecnica chitarristica molto limitativa se paragonata ai chitarristi più virtuosi citati sopra. Il suo stile è praticamente cucito sopra al marchio del gruppo.
Tanti auguri Dan Hawkins!
In tutti questi anni li abbiamo visti sciogliersi dopo il flop delle vendite del 2° album "One Way Ticket To Hell...And Back" (anche se a me piacque molto quest'album). Li abbiamo visti cambiare bassista per poi tornare col mitico Frankie Poullain (bassista del primo album) e li abbiamo visti cambiare il batterista in formazione almeno 2 volte e attualmente suonano col figlio di Roger Taylor dei Queen (che coincidenza XD). Avrei preferito suonare una canzone dove Dan fa un assolo di chitarra ma alla fine, avendo suonato già molte canzoni del primo album, ho preferito fare la cover di "Holding My Own" non avendola mai fatta. Come è loro solito, il brano parla in modo ironico di masturbazione..figuriamoci, la loro Growing On Me parla di gravi problemi di forfora. XD
Tanti auguri Dan Hawkins!
A causa della memoria piena del mio telefono, la cover l'ho realizzata suonando solo l'ultimo ritornello e l'assolo finale. Che dire? Nulla di difficile. Il brano è una ballad malinconica in tonalità di Re, le scale usate sono la pentatonica di SI minore e la scala maggiore armonica Eolia di SI. Ripeto, la loro tecnica non è particolarmente tosta, anche se l'assolo è nato dalla mente brillante del fratello Justin, vivono costantemente sulla pentatonica e qualche volta ricorrono al tapping. Scordatevi sweep picking o altre tecniche strane. Avendoli visti in concerto due volte dal vivo (a Milano nel 2006 e a Roma nel 2013), ho potuto sentire con le mie orecchie che Justin non ha un'ottima padronanza della leva del vibrato, tanto meno Dan. XD
Nella registrazione ho usato una Yamaha pacifica in ontano con tastiera in palissandro e con un pickup alnico 5 cinese al ponte. La chitarra è stata registrata in presa diretta dall'amplificatore col canale distorto che entra nella scheda audio Focusrite 6i6. Come DAW ho usato l'affidabile programma Logic Pro X con simulazione di testata e cassa Marshall vintage (Dan usa amplificatori Marshall originali degli anni 70). Se avessi voluto "simulare" alla precisione il suono di Justin, avrei dovuto usare la simulazione del MESA BOOGIE Dual Rectifier. Poi è stato fatto come sempre un mini mixaggio con compressione media, equalizzazione, leggero chorus e riverbero. Per poter fondere la mia chitarra con la traccia originale, ho dovuto scavare leggermente le frequenze medie: questo è un passaggio obbligato per poter far sedere bene la mia chitarra nel mix generale. Infine è stato fatto il montaggio video col programma iMovie. La qualità video non è ottima in quanto la ripresa è fatta col mio iPhone4 del 2011, mi chiedo come possa resistere ancora tutti questi anni il mio povero telefono. XD Se siete amanti di questo gruppo british rock, vi auguro una buona visione. Grazie a tutti e soprattutto, tanti auguri Dan!! :) \m/_

Dello stesso autore
Benvenuta Pinecaster!...
These Are The Days Of Our Lives - Queen...
Il tubescreamer e i suoi utilizzi....
Fender Telecaster Blacktop: che magia...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I piĆ¹ letti
George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra
Duncan cattura il PAF in single coil per Billy Gibbons
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Il ponte si inclina se uso il top wrap
Inizio a studiare chitarra
I vostri articoli
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Fender Modern Player Telecaster Plus
DigiTech Obscura Altered Delay
Sterling St Vincent Signature
Clapton and friends live at Hyde Park
I compleanni di oggi
Liuteria Elettrica
Ota
lawash
LeoCobain
AleGates
MecPex66
rchie80
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964