HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Brother & sister
Brother & sister
di [user #37384] - pubblicato il

Un acquisto a scatola chiusa è sempre un rischio ma, quando si cerca il vero suono Fender d'annata, l'accoppiata di un Vibro Champ silverface e una Telecaster Baja è una garanzia. Un lettore ci racconta la sua storia tutta californiana tra twang e Vibrato.
Dopo una vita spesa a consigliare a tutti di toccare con mano prima di comprare, ecco che rinnego totalmente quanto detto e mi lancio in un acquisto online, ma la fortuna aiuta gli audaci.
È la solita storia. Da un pezzo cercavo un'accoppiata chitarra-ampli per giocare col classico suono Fender, magari pure con un buon Vibrato. Per quanto possessore di Les Paul e Stratocaster, sparati dentro il mio vecchio Mesa Boogie avevo le mie buone soddisfazioni, ma quel suono lì non veniva fuori. Pure nel Yamaha (G100-210) dal clean superbo, appena volevo sporcare un po' il suono non c'era verso. Sì certo, esistono i pedali ma, un po' per l'età un po' per fissazione personale, volevo portarmi a casa un mucchietto di valvole da scaldare. Tra le varie possibilità, la più appetitosa (per le mie necessità) restava il Fender Vibro-Champ, non più in produzione ma con le caratteristiche perfette e solo 6W, cosa fondamentale per salvaguardare il mio matrimonio.
Insomma, capita che devo andare a Milano molto spesso e vedo in rete che un negozio di Sesto ha in magazzino il mio sacro Graal, così un umido pomeriggio di dicembre varco la soglia del suddetto e il tipo dietro al bancone, gentilissimo e disponibile, tira fuori l'oggetto dei miei desideri e lo collega in quattro e quattr'otto, poi mi chiede: "con cosa vuoi provarlo? Tele? Ok". Mi porta una Telecaster messicana che, vabbè, intanto vediamo come suona. Ed ecco che dal vecchio ampli viene fuori proprio quello che volevo, appena modulato dal vibrato che era rimasto inserito.

Brother & sister

Colpo di fulmine! Dopo mezz'ora me lo stavo già portando a casa, ma a quel punto dovevo assolutamente completare l'opera, colmare la lacuna che da tanti anni affliggeva i miei attacchi di GAS più sfrenata: la Telecaster!
Così è iniziata una ricerca maniacale e alla fine, per farla breve, ho fatto quel che sconsiglio a tutti di fare: ho ordinato la chitarra online. La scelta è caduta sulla Baja Classic '60, con pickup '58 al manico e '52 al ponte, tastiera in palissandro eccetera in uno sfavillante color Candy Apple Red.

Brother & sister

Dopo pochi giorni di snervante attesa, arriva. Menzione d'onore per il packaging a Thomann.
Prima sorpresa: la custodia gigbag, da me sempre snobbata, è fatta benissimo, imbottita ed ergonomica. Una figata. Quindi vado a estrarre la creatura, avvolta in un ulteriore velo di poliuretano. Ho dovuto proprio sgusciarla fuori. Gioia per gli occhi!
Sembrava tutto ok, anche il setup generale era più che accettabile, e così non mi restava che suonarla.
Beh... non ho più smesso! Sarà che quando desideri a lungo una cosa poi te la godi il doppio, ma le altre ragazze per un  po' se ne staranno a guardare. 

Il pickup al manico è proprio quello che volevo, si può premere la manopola del volume per comprimerlo un po' ma io lo uso sempre così com'è, caldo ma asciutto, profondo ma presente. Con il Vibrato inserito, voli sul delta.
A dire la verità l'effetto non ha l'estensione che mi aspettavo, ma il risultato è magico comunque.
Il pickup al ponte è cattivo e twangoso, ci fai di tutto. E vorrei aggiungere che, senza spendere follie per modelli blasonati, con un mínimo di equalizzazione tiri fuori quello che vuoi.
C'è poi la posizione intermedia tra i due, funky classico oppure, con un po' di eq, il sound di Mark Kopfler.
E poi c'è la prima posizione, che ho lasciato per ultima perché decisamente fuori dai canoni. Praticamente, complice il  push-pull sul volume, un boost sui bassi e uno sugli alti, come dire che se fai ritmica e ti serve subito un suono lead, voilà te lo trovi pronto, se ti piace. Quello sugli alti sembra quasi che passi per un TS9, non so, per ora preferisco i suoni classici dei due pickup.
Se posso proprio dire, mi ha colpito la tastiera in palissandro, secca come non ho mai visto. Dato che la muta in dotazione (fender .009) va alla grande, aspetto il primo cambio corde per oliarla un po'.

Brother & sister

Quando finisco di suonare, prima di andarmene me li guardo un po': sembrano proprio fratello e sorella. Sì, lo so, è patologico.
amplificatori baja chitarre elettriche classic 60 fender gli articoli dei lettori telecaster vibrochamp
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Les Paul sì, ma Ibanez...
Un cono più potente è sempre un bene?...
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo...
Da Black Widow il modeling analogico e...
Pubblicità
Commenti
di aleck [user #22654] - commento del 06/05/2017 ore 11:57:26
Ottimo acquisto :-) I Silverface mi ronzano in testa da un po'...
Rispondi
di JFP73 [user #29480] - commento del 06/05/2017 ore 14:15:28
A fare certe cose sei proprio uno zozzone.
Ti capisco, io la tele me la,sono fatta fare e l'ho accoppiata col palmer 5 watt. L'idea era giusto quella
Rispondi
di SilverStrumentiMusicali [user #36241] - commento del 06/05/2017 ore 14:57:19
Ottimo amp, ottima chitarra e ottime foto! Bravo! :)
Rispondi
di LordAxel [user #32439] - commento del 06/05/2017 ore 15:27:47
Ottimo acquisto e ottimo articolo, si vede proprio che sei soddisfatto.
P.S. La occhio che la Tele dà dipendenza :-D
Rispondi
di zabu [user #2321] - commento del 06/05/2017 ore 17:49:26
Ho la tua stessa accoppiata praticamente: Fender Vibro Champ del '79 e una Tele '63 CS in Candy Appple Red. Io aggiungo al Vibro Champ anche un po' di effetto reverb tramite un Hall of Fame della TC electronic. Acquisti online? Io sono spericolato compro spessissimo online e quasi sempre usato da eBay. Si risparmi un bel po', esperienze veramente negative non ne ho avute, e alla fine forse meno di acquisti in negozio.
Rispondi
di bluscuro [user #46699] - commento del 06/05/2017 ore 19:30:1
Evidentemente abbiamo gli stessi gusti, anch'io ci piazzo il HOF...ed in effetti se non abiti in quelle tre/quattro grandi città, comperare online è un'ottima risorsa, almeno fino ad un certo budget. Il mio sogno segreto è farmi una 339! Ma su quei prezzi lì DEVO prima provarla.
Rispondi
di zabu [user #2321] - commento del 06/05/2017 ore 20:37:14
Bella la 339! Io non ho mai avuto una Gibson (ho pero' una Casino Elitist made in Japan) e prima poi ne metterò una in scuderia, ma non sono ancora sicuro del modello: 335, 339 o Les Paul mi piacciono tutte.
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 06/05/2017 ore 22:04:27
Gran bella accoppiata, un classico che non passerà mai di moda, poche cose fatte come dio comanda.
Niente simulazioni.
Ottimo.
:-)
Rispondi
di E! [user #6395] - commento del 07/05/2017 ore 02:38:04
Sembrano fatti per andare assieme.
Sicuramente il suono sarà... Evocativo!
Se tu facessi un video parecchi utenti lo guarderebbero con piacere. :-)
Rispondi
di fa [user #4259] - commento del 07/05/2017 ore 09:17:25
Ho la tua stessa chitarra e come ampli un twin reverb. L'accoppiata è fenomenale! Menzione d'onore per la Baja, che suona bene e per me ha le dimensioni del manico perfette... bello corposo e cicciotto. Sono anche riuscito a provarla prima di acquistarla e confrontarla con una sorella giapponese e una americana... beh ho scelto lei!!! Complimenti per la coppia e divertiti!! Ciao Fab
Rispondi
di Ermo87 [user #33057] - commento del 07/05/2017 ore 13:19:3
mi aggiungo felicemente al club delle baja, accoppiata sta volta ad un fender blues deluxe reissue. in tema di reverb mi servirebbe un consiglio, che ne pensate del BOSS FRV1? ho l'opportunità di trovarne uno a buon prezzo.
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 08/05/2017 ore 10:08:33
Io sono da sempre Stratomane, ma a forza di leggere tutti 'sti elogi della Tele finisce che me ne prendo una... :)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
AC Noises Vola: personalità con rispetto
Da Black Widow il modeling analogico e valvolare
Les Paul sì, ma Ibanez
Boss mette riverberi e modulazioni in due pedali programmabili
I più commentati
Migliorare l'accordatura sulla Les Paul
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
Les Paul sì, ma Ibanez
AC Noises Vola: personalità con rispetto
Seymour Duncan PowerStage 170: l'ampli in pedaliera
I vostri articoli
Les Paul sì, ma Ibanez
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
Stupende chitarre, meravigliose rovine: l'approccio migliore al restauro
Valeton Dapper Mini: come suonare leggeri
Beatles: gli insospettabili Stratocaster Hero
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964