CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

POD, Kemper & co.

di [user #699] - pubblicato il
Dello stesso autore
Urca, lo fa anche Harley Benton ... (Bass VI)..
potenziometro EQ su MOER YELLOW Comp
double muff pulito.....
Gibson Les Paul Studio ... single coil..
Moer Yellow Comp
Leva Obbligatoria..
plettri personalizzati ..
Corde Lisce su Squier Bass VI
Loggati per commentare

di adriphoenix [user #11414]
commento del 18/07/2017 ore 23:33:2
Della serie "ai posteri l'ardua sentenza" ;D
Bella comparativa, ogni macchina ha i suoi pregi e difetti, non credo che una sia meglio dell'altra nell'utilizzo semplice e comune. Discorso diverso quando si parla di poliedricità e affinamento dei suoni, dove sicuramente le macchine più moderne offrono molto di più rispetto a 20 anni fa. Per l'uso che ne farei io, il POD devo dire che è quello che mi convince di più...d'altronde si sa non esiste un suono bello o brutto, ma quello che più ci soddisfa per l'obbiettivo che vogliamo raggiungere (nel contesto, nello stile e nel genere musicale che stiamo suonando). Solo una settimana fa ho sentito un concerto live dove il chitarrista (noto e famoso, in passato spalla di Mango per fare un nome) usava chitarre Epiphone (SG e Les Paul) e come amplificatore un V-Amp Behringer su cassa Marshall e qualche pedale, niente di stra-costoso o esotico quindi, ma ragazzi...dal blues, soul al hard rock con un tocco e che suono!!
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 18/07/2017 ore 23:53:56
Se fosse così, al tour de France userrebbero la Graziella o le biciclette di Decathlon :-)
Ma non è così,una cosa è certa chi sa "usare bene" gli attrezzi fa miracoli (nel senso che riesce a tirare fuori il massimo) anche con roba da poco,chi invece no,nemmeno con roba super porfessionale tira fuori un suono decente,ma questo non vuol dire che la roba economica sia uguale a quella "buona".
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 19/07/2017 ore 15:02:06
le prestazioni degli strumenti non sono così facilmente paragonabili come quelle delle biciclette..
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 19/07/2017 ore 17:01:36
Tutto è paragonabile ed equiparabile,anche in contesti diversi.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/07/2017 ore 01:29:38
no.. per esempio perchè il suono è una questione di gusto, o anche perchè è da un bel pezzo che super professionisti usano strumentazioni nate per principianti (dalla mustang ai piccoli ampli fender vintage) o considerabili antiquate..

Insomma ci sono mille fattori che rendono difficile fare netti distinguo fra strumentazioni musicali, specialmente se elettriche, mentre penso che una bicicletta sia facile stabilire oggettivamente che è meglio di un'altra...

per cui se un professionista usa epiphone su ampli behringer e il suono mi piace, è molto facile che quella sia la strumentazione ottimale per fare quello che sta facendo e non è detto che con strumenti più pregiati il risultato sarebbe migliore
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 20/07/2017 ore 08:31:39
Tutto questo è molto vero.
Ho un Mustang da poco più di 100 euro e vi assicuro che produce suoni che se registrati e fatti riascoltare, paragonati ad ampli costosissimi, se non ti viene detto qual è l'uno e qual è l'altro, è molto facile sbagliarsi.
E con questo non voglio dire che la roba buona sia uguale alla economica, dico solo che le a volte le differenze all'ascolto sono così minime, che se non vedi, può capitare di preferire l'economico.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 09:49:30
Una cosa è ascoltare una registrazione,dove interbengono molti altri fattori che "appiattiscono" o "equalizzano" il risultato finale,un'altra è ascoltare o suonarci dal vivo,e allora lì le differenze (pur con tutto il ripsetto per il rapporto qualità/prezzo,ci sono e come) e mi permetto di dirlo perchè ho avuto un Mustang III v2.Ecco perchè questi video di comparazione lasciano il tempo che trovano,a molta gente che ha risposto qui sopra,io direi di provare personalmente a fare questa comparativa tra Pod,Kemper e Amplifire...poi se ne parla :-) E credo anche che molti commentatori manco hanno mai usato uno di questi aggeggi.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 09:45:26
Mi dispiace ma dissento profondamente, :-) "la musica è questione di gusto" significa tutto e nulla,qui stiamo parlando di qualità oggettiva di uno "strumento" o "attrezzo del mestiere" (che sia una chitarra o uno skateboard poco importa) quindi è vero che si può scalare il Mortirolo con una bici da 150€,come lo puoi fare con una da 1500,per cui sono uguali? No...Se tu sei un chitarrista con poca esperienza probabilmente suonando con strumenti economici non ti accorgi di molte cose,ma se hai alle spalle un pò di esperienza non mi puoi dire che imbracciando una chitarra da 300€ sia la stessa cosa che una da 3000€,quello che vedo io qui sopra è che c'è un ingabbiamenteo mentale notevole,e si vuol far passare il messaggio che la qualità non conta proprio più nulla,si possono ottenere gli stessi risultati anche con robaccia,però non è così,ma io non devo convincere nessuno quindi ognuno deve avere giustamente le sue convinzioni...però il Tavernello non sarà mai un Tignanello! ;-)
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 20/07/2017 ore 10:10:36
La musica E' questione di gusto vuol dire che a me può piacere il suono prodotto da una chitarra da 300€ ed un ampli da 200€ e ritenerlo migliore (oppure più funzionale a quello che devo fare) di un suono prodotto da strumenti che costano dieci volte tanto. La storia musicale è piena di esempi del genere ed anche youtube è pieno di blind test che confermano questo discorso. Io sono testimone del fatto che la mia chitarrina pagata usato 250€ con custodia a volte, in alcuni pezzi, la preferisco alla LesPaul da 1500€.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 10:19:52
No non è quello il punto :-) Se a te piace il suono della roba cheap non è questione di gusto ma magari che ti accontenti di poco o hai poche pretese.Il "gusto" è proprio un'altra cosa.
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 20/07/2017 ore 10:28:53
vai al link
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 10:34:50
:-) E' esattamente quello che sto dicendo io,il fattore "gusto" non è un parametro tirato lì a caso,perchè se tu fai una cosa con "gusto" questa emerge e rimane e chiunque indipendentemente dal fatto che ami o non ami un certo genere di cose non potrà metterlo in dubbio,si rispecchia in tutte le forme di arte,visive e uditive.Io non voglio convincere nessuno se è questo che ti preoccupa.Se vedi o senti una cosa bella...significa che è fatta con "gusto".
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 20/07/2017 ore 10:41:20
No, non mi preoccupa, è solo che se vedi o senti una cosa bella vuol dire che ti piace e basta, può anche essere fatta senza gusto.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 10:51:50
Si ma questo è tutto "soggettivo" io intendevo dire che c'è un "gusto del bello" a prescindere,a me piace la pittura metafisica ma la prima volta che andai alla National Gallery a Londra rimasi abbacinato dai capolavori di Canaletto,Raffaello,degli espressionisti Fiamminghi etc..questo per dire che ci sono cose fatte con "gusto" (colori,proporzioni) che travalicano il classico "de gustibus",stesso dicasi per l'architettura (senso delle proporzioni equilibrio etc..) e la musica,un Gilmour o un Santana ti colpiscono subito per il gusto che hanno nel mettere la nota giusta con la giusta enfasi,al posto giusto nel momento giusto,indipendentemente dalle tue preferenze musicali.Non so se mi sono spiegato adeguatamente.
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 20/07/2017 ore 10:59:40
Allora vuoi dire che la gente a cui piace il fagiolo non ha orecchi o gusto per intendere?
All'inizio parlavi di qualità oggettiva dei due strumenti messi a confronto. Che il Kemper sia tecnologicamente all'avanguardia non c'è dubbio, ma questo non si traduce per forza in "suona meglio".
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 20/07/2017 ore 11:20:
Secondo me la discussione sta virando su un fronte non corretto.
È palese che esiste un "gusto del bello" oggettivo, a prescidere. Ci sono un sacco di esempi oltre a quelli che tu hai citato.
Il punto, secondo me, è un altro.
Io sono convinto, perché ne ho avuto esperienza diretta, su me stesso, e su altri, che a volte capita che:
ti volti di spalle (non importa registrare e aggiungere effetti, basta ascoltare senza avere riferimenti visivi) e ti fanno sentire, suonato da un altro, un amplificatore poco costoso, poi subito dopo uno molto più costoso, senza sapere cos'è stato suonato prima... magari noti differenze, ma senza guardare capita di preferire quello meno costoso.
E lo stesso mi è capitato con una chitarra elettrica.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 20/07/2017 ore 15:14:46
In un blind test qualcuno potrà anche preferire una Squire ad una strato più... "nobile", ma bisognerebbe domandarlo anche a chi suona. Il feeling con lo strumento non traspare da un test su youtube, come anche la facilità nel suonarlo, la capacità di mantenere l'accordatura, la capacità di "tagliare" nel mix, la resa dei potenziometri e del ponte.

Per riferirci al test in oggetto, ci sta che qualcuno preferisca il fagiolo al Kemper (magari per una semplice questione di "abitudine" al suo suono) ma certamente il Kemper rende con maggiore precisione il suono degli amplificatori, ha una dinamica più reale e, in registrazione, è praticamente indistinguibile dall'ampli vero. Con il Pod non è proprio così, le simulazioni hanno dei limiti in termini di dinamica e di completezza sonora, io ci sento un bel po' di plastica.
Ripeto, ci sta che qualcuno possa preferirne il suono, ma non sono attrezzi dello stesso "lignaggio".
Occhio che il (troppo) relativismo è pericoloso.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 20/07/2017 ore 15:21:42
Io sono d'accordo con te su tutto, e lungi da me relativizzare (troppo).
Ad ogni modo di blind test dove "si domanda a chi suona" ce ne sono un mare, e tanti hanno riservato sorprese, anche a colui che suona.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 20/07/2017 ore 15:27:57
Sto cercando di trovare il tempo per farlo io, un blind test!
Ve lo sottoporrò non appena riesco a registrare (sono gli ultimi giorni di lavoro e sono i più frenetici). :-)

Sono curioso di sapere cosa ne vien fuori!
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 20/07/2017 ore 20:36:07
sul fattore blind sono molto ferrato;) sul discorso test non so... però mi incuriosisce:)
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/07/2017 ore 17:30:28
ovviamente ciò che conta è il suono, e soprattutto, come risulta il suono all'interno di un brano..

però "rende con maggiore precisione il suono degli amplificatori, ha una dinamica più reale e, in registrazione, è praticamente indistinguibile dall'ampli vero" non è necessariamente sinonimo di suono bello ...

come "le simulazioni hanno dei limiti in termini di dinamica e di completezza sonora, io ci sento un bel po' di plastica" non è necessariamente sinonimo di suono brutto..

il problema della simulazione veritiera degli ampli d'epoca ce l'hanno i chitarristi non il pubblico..
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 20/07/2017 ore 22:09:30
Si, infatti ho specificato che c'è gente (tipo te) che potrebbe anche preferire il Pod al Kemper, e questa è una questione di gusto.
Ma credo troverai ben pochi chitarristi che preferiscono, in sé, il pod al kemper. Dico, va bene il relativismo, ma non esageriamo.

"il problema della simulazione veritiera degli ampli d'epoca ce l'hanno i chitarristi non il pubblico.. "

E noi chitarristi siamo. Se sotto le dita sento plastica suono lo stesso, ma non suono contento. Se il pod 2.0 non mi da il suono dell'Ac30 che cerco io (il Kemper me lo da) suono lo stesso, ma non suono contento...
Poi è chiaro che se uno cerca il suono del pod, o trova un bel suono con il pod, ok. Ma in generale credo che il Kemper abbia suoni "più belli" del fagiolone (che per inciso avevo, ho venduto, ho ricomprato e ho rivenduto).

Il fatto che per te il Pod produca un suono "bello" non vuol dire che non si possa considerare, per diverse ragioni, il Kemper come "migliore".

Leggi l'intervento di Tubes, più sotto.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 21/07/2017 ore 01:05:5
beh.. non capisco l'idea di considerare uno strumento "migliore" sulla base di qualcosa che non sia il suono. Per cui il kemper, soggettivamente, è migliore se ci ricavo, sempre soggettivamente, risultati musicali migliori.
Io non so se preferisco il Pod al Kemper, dico solo che sulla base dell'ascolto del video, trovo i due suoni identicamente utilizzabili..
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 21/07/2017 ore 01:17:39
non mi convince nemmeno tubes.. mi convincerebbe sentire nell'apparecchio costoso e moderno un suono bello e in quello vecchio e cheap un suono brutto. Invece sento, semplicemente, un suono differente, o meglio, un'interpretazione leggermente differente di alcuni suoni..
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 21/07/2017 ore 12:44:12
Il fatto è che tu ti riferisci solo al tuo gusto, valuti il suono in sé (ma dal video di Youtube si capisce davvero poco), il che è ok perché tu sei così, perché a te interessa il suono in sé.

Ma per quanto riguarda la simulazione (o profilazione) di ampli, che poi è quello che questi prodotti fanno, non si può non dire che il Kemper suona più dettagliato, più dinamico, più aderente agli ampli simulati... In una parola, il suono è semplicemente migliore, e sotto vari aspetti.
Se uno vuole il suono di un Vibrolux con il Kemper riesce ad ottenerlo, con il Pod ha un'approssimazione (dalla dinamica limitata, per i miei gusti).

Non tutti comprano un prodotto del genere per ricavarci semplicemente "un suono" in sé.
C'è chi cerca di ottenere i suoni degli ampli reali, cioè un buon suono Fender, un buon suono Vox, un buon suono Marshall e tutto il resto... E in questo il Kemper è molto più realistico del Pod 2.0 del video.

Tu sei fortunato! :-)


Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 21/07/2017 ore 13:43:33
si, sono al corrente del fatto che la gente spesso non compra gli strumenti per il suono, ma per qualcos'altro... però beh, insomma, bah, mah !

:-D
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/07/2017 ore 16:17:1
certamente la musica è questione di gusto, ma io ho detto altro.. ovvero che il suono è questione di gusto. E quello che ho detto inizialmente è che "le prestazioni degli strumenti non sono così facilmente paragonabili come quelle delle biciclette.. ". Il mio punto principale è sul "facilmente" :-)
E' innegabile il fatto che certi strumenti che erano, inizialmente, economici o da principianti, poi siano entrati negli equipaggiamenti dei vip, come anche è successo che strumenti considerati qualche anno fa, superati, poi siano entrati nel top degli equipaggiamenti più desiderati..
Il fatto stesso che non tutti i vip siano dotati di Les Paul Custom a 3 pick up, ma che usino, che so, Telecaster, che in confronto alla prima, a livello costruttivo, è un'asse da stiro, significa che il pregio non corrisponde necessariamente ad un suono preferibile..

... per cui non è escludibile che tutto ciò possa succedere anche con apparecchi e strumenti più moderni...

la chitarra, specialmente se elettrica e i suoi "accessori" non sono una scienza esatta..
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 18/07/2017 ore 23:54:5
Il Pod rosso l'ho avuto anni fa, e dato via alla svelta,non mi piaceva allora,figuriamoci adesso paragonato al digitale odierno.
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 19/07/2017 ore 01:45:41
Ti dirò... io invece non solo non l'ho mai dato via, ma non ho sentito il bisogno di acquistare nessuno degli altri due che pure sono infinitamente superiori a livello di tecnologia e di funzioni...!! :-)
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 19/07/2017 ore 08:20:44
Eh lo so Luca,ognuno di noi ha le sue percezioni e preferenze,è normale :-)
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 19/07/2017 ore 13:28:25
Assolutamente d'accordo! :-)
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 19/07/2017 ore 04:00:54
Ha detto bene il Captain, sorprende come il Pod non sembri obsoleto come mi sarei aspettato, anzi, ancora molto valido. Il Kemper suona decisamente meglio di tutti, e l'Amplifire mi sembra inutile, suono bruttino e controlli di EQ inutili direi.
Comunque alla fine della giornata, un bel valvolare se li magna tutti quanti.
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 19/07/2017 ore 12:43:14
..e ti do proprio ragione su tutto.... !!
Rispondi
di fa [user #4259]
commento del 19/07/2017 ore 08:32:42
Il kemper suona decisamente meglio, soprattutto sui distorti più spinti. Però fa riflettere che con un Pod di 20 anni fa si riescano a tirar fuori suoni credibili, anche confrontati con un prodotto top di gamma moderno. E l'hanno pagato 50 pounds, usato. L'Amplifire è appena sufficiente sugli ultimi due ampli, per il resto non pervenuto. Ciao Fab
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 19/07/2017 ore 15:04:48
vedendo questo video, prima di tutto mi è venuta voglia di riprovare il "pod" che ho, ormai da anni, in un cassetto... e poi, molto semplicemente, le differenze fra i tre devices sono, al 99%, equalizzazione. Per cui, se con un pò di eq sul pod, si fa il kemper.. evviva ;-)
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 19/07/2017 ore 18:18:5
a me il fagiolo rosso me lo fecero provare tanti anni fa anche in studio di registrazione, ma non mi aveva mai convinto, in particolare i distorti. infatti ho continuato con testata e cassa per anni:)
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 20/07/2017 ore 20:09:09
Ho avuto il POD, sia il primo che il 2.0 e adesso da un anno e mezzo suono con il Kemper . Sì, è possibile che alcuni suoni del POD siano validi, altrochè, ho delle registrazioni che ancora riascolto con grande piacere . Ma come si può comparare una macchina dalle possibilità infinite (alla tecnologia attuale, s'intende) come Kemper con un device simpaticissimo quanto vogliamo ma comunque limitato sia nella programmazione che nell'ampliamento delle simulazioni ? Da una parte abbiamo un'attrezzatura con la quale possiamo scendere nei dettagli della profilazione/simulazione sonora fin quasi al capello, fino a rendere indistinguibile il simulato dal vero, dove ogni giorno decine di utenti arricchiscono il parco amplificatori con nuovi profili e addirittura case produttrici vendono i profili dei propri valvolari di pregio ; dall'altra una macchina che era agli albori di questa tecnologia, già faceva intravedere grandi,grandissime possibilità, ma che comunque era limitata nell'interfacciamento con il resto del mondo chitarristico e dove salvare i preset mi ricordo era un girone dantesco . Poi, andando a confrontare i prezzi, un POD nuovo mi sembra stava sui 4/500 euro, per cui non propriamente un regalo . La differenza di prezzo tra le due macchine è ampiamente compensata dalle caratteristiche avanzate che ormai tutti conoscono . Poi,ripeto, un POD settato bene, sparato in una PA decente,suonato da una mano sapiente, è del tutto degno di fare la sua figura ovunque . Però se vogliamo fare un viaggio in autostrada a 130 all'ora con una utilitaria,nuova e con una discreta dotazione di serie, e una macchina di lusso, senza scomodare una Ferrari, alla fine del viaggio arriveremo sempre allo stesso orario e raggiungeremo lo stesso obbiettivo (arrivare a destinazione) , ma quali sensazioni ci avrà restituito la macchina costosa ? Ci possiamo ubriacare anche con un vino di supermercato, ma farlo con un Barolo.... non ha prezzo !
Saluti a tutti
Rispondi
di rollo5100 [user #28890]
commento del 12/03/2018 ore 16:57:50
sono discorsi che non riesco ad afferrare. Nell'ascolto mi vengono tanti dubbi.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
“Bella Ciao” la versione di Marlene Kuntz e Skin
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Raf e Tozzi , il 30 aprile inizia il tour
Eko CS 10: una buona classica per tutte le tasche
Kleisma: piattaforma professionale per musicisti
Trasformare il nervoso in una melodia allo slide
Teoria, musica d'insieme e ascolti guidati per i batteristi
Frontiers Rock Festival VI , il 27 e 28 aprile al Live Music Club
Gli artisti devono essere inguaribili ottimisti
Millencolin due date live in Italia
Bose Professional, innovazione e tradizione a MIR 2019
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964