CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
di [user #3] - pubblicato il

Elvis chitarrista? Sì e no: in realtà conosceva giusto qualche accordo, perché per lui la chitarra - di cui è stato uno straordinario promoter - era soprattutto una componente del look di scena. Eppure nei rari filmati in cui lo si sente suonare, il Re fa faville per feeling e groove. In occasione dei 40 anni dalla sua scomparsa raccontiamo la relazione tra uno dei più grandi performer della storia e le sue chitarre.
Tutto istinto e nessuna tecnica, come Muddy Waters o John Lee Hooker, il Re dei Re suonava con un feeling unico e inimitabile. Eccolo nel 1968 al Comeback Special, in forma smagliante, impomatato e coperto di pelle nera, che si accompagna con la Super-400 sottratta al docile Scotty Moore, virtuoso chitarrista relegato allo strumming sulla J-200.   



Ma non solo chitarra: Elvis aveva un dono per la musica, che sapeva creare con qualunque strumento. Eccolo, nove anni dopo, grasso e confuso da troppe pillole, nel suo ultimo concerto nel giugno 1977 (sarebbe morto meno di due mesi dopo): la sua Unchained Melody toglie il fiato anche per come il Re pesta sul pianoforte. Non è una chitarra, ma per Elvis non fa differenza, attacca a cantare e suonare e i brividi sono assicurati.



PS nelle risorse in fondo c'è il link al concerto completo, da vedere, anche se è  parecchio rimaneggiato, per capire quanto il suo talento superasse anche lo stordimento da obesità e pastiglie. A seguire va vista la versione rimasterizzata di Alhoa From Hawaii del 1973, anche quella tra i link in fondo.

Sulle chitarre di Elvis si trova il mondo in Rete, a partire dalla pagina insolitamente accurata di Wikipedia, che ci ricorda come Elvis non compaia in pubblico con una chitarra elettrica fino a metà anni '60. L'occasione è Viva Las Vega, film di culto (anche per la presenza stellare della strepitosa Ann Margret)) in cui per la prima volta il Re si appende al collo una Fender Stratocaster. 

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Fino ad allora le sue chitarre sono state acustiche, dalla prima Kay Tupelo da studente a una selva di Martin D e 00 che comincia a comprarsi a dozzine (ne regalerà moltissime ad amici e questuanti di Graceland nel corso degli anni) quando cominciano ad arrivare i primi guadagni. 

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Il passo successivo è la chitarra più flashy del momento, la Gibson J-200 di cui Elvis diventa il più popolare endorser, checché ne dicano i fan degli Everly Brothers. Bisognerà aspettare 1968 per vederlo con una elettrica sul palco, il suo Comeback Special, in cui sfoggia una Hagstrom Viking prestata da Al Casey e poi la Gibson Super 400 di Scotty Moore. 

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Nella stessa epoca comincia a farsi prendere dalla GAS per le chitarre, acquistando tra le altre una Gibson EBS-1250 doppio manico, un Fender Precision Bass, una Burns Marvin, una Gretsch Country Gentleman, tutte comparse nei film: in Spinout (Voglio sposatle tutte) del 1965, oltre a guidare una fantastica Shelby Cobra 427 bianca, sfoggia ben cinque chitarre diverse, tra cui una inglesissima Burns!

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Tra le infinite curiosità sulla vita del Re c'è l'abitudine sviluppata negli ultimi anni di gettare le sue chitarre al pubblico, anziché le sciarpe di seta e pezzi dei suoi sontuosi costumi. Si sa di una Gibson Dove lanciata all'audience di Asheville, NC e di una J-200 volata tra le fan a Springfield, MA. 

Negli ultimi anni la forma fisica va a farsi benedire: gli hamburger di cui si rimpinza sono l'elemento meno malsano nella sua alimentazione e lui ingrassa paurosamente. Nonostante le fasce di contenimento occultate sotto i regali abiti di scena, il ventre resta prominente e forse è per questo che deve tornare alla meno ingombrante dreadnought, mettendo da parte le Gibson jumbo che hanno più difficoltà a trovare spazio sulla pancia. Forse per questo la chitarra del suo ultimo periodo, tra cui il concerto finale di Indianapolis, non è l'iconica J-200 col suo nome intarsiato sul manico, ma una Martin D-28 del 1975.

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Gran parte delle chitarre interessanti compaiono nei film del 1967 e 1968, probabilmente quella è l'epoca in cui Elvis si intrippa agli strumenti e ne acquista a ruota libera. Tra queste, da segnalare la Gibson SG di Easy Come Easy Go le Fender Electric XII e Wildwood di Clambake e la Coronado II del film Speedway (A tutto gas) del 1968 in cui la bionda da conquistare è nientepopodimeno che Nancy Sinatra. Non si può non menzionare la superba auto guidata da Steve Grayson (Elvis), una Dodge Charger del 1967, modificata dal mito dell'epoca Everett “Cotton” Owens detto “King of the Modifieds”. C'è una bella pagina sulle auto del film per chi ama il genere proprio sul sito Cotton Owens.

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Nonostante una tecnica che è già generoso definire approssimativa, Elvis resta uno dei più grandi promoter della chitarra nella storia moderna. Per lui la chitarra è un elemento imprescindibile nella sua performance e soprattutto all'inizio della carriera non compare mai sul palco senza. E anche se la suona poco o nulla, anzi in genere si limita a strapazzarla, più di una generazione di Baby Boomers grazie a lui ne scopre scoperto i valori simbolici:  icona del rock, ma anche manifesto dell'uscita del cupo Maccartismo per lanciarsi nei favolosi anni '60.  E non è casuale se John Lennon un giorno ha detto: "prima di Elvis non c'era nulla, senza Elvis non ci sarebbero stati i Beatles".  

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Per questo, con tutti i già ammessi limiti tecnici, è proprio per l'utilizzo scenico dello strumento che Elvis deve essere annoverato tra i più influenti pionieri della chitarra moderna nella storia, ancora di più di Buddy Holly, Hank Marvin, Johnny Cash e tanti altri. 

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

Ogni grande chitarrista ha il proprio strumento iconico. Qual è quello di Elvis Presley? Serve meno di un secondo per decidere che è la Gibson LG-1 comparsa spesso nei suoi film dopo il 1963, per esempio in Viva Las Vegas, quando il Re suona la scanzonata serenata The Lady Loves Me a una  Ann Margret tanto bella da sembrare venuta da un altro pianeta.

Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare

E' certo che dopo aver visto quel film la metà dei ventenni americani è volata a comprare una chitarra per fare colpo sulla ragazza più carina del quartiere: chiunque operi nel settore dovrebbe accendere un cero alla memoria di Elvis, primo a dare alla chitarra un valore di coolness trasversale a generi musicali e strati socioculturali. Vale la pena di gusrtare una volta di più il clip dal film per capire la forza del messaggio (oltre che il carisma straordinario del Re).



Giudicato da molti suoi contemporanei volgare e diseducativo, in realtà Elvis è stato un punto di svolta per la musica e la cultura americana, un'icona per i giovani che si ribellavano al conformismo dilagante.

Chiudo citando la bella pagina pubblcata da Rolling Stone in occasione di questi 40 anni dalla sua morte, che consiglio a chi voglia capire meglio questo fenomeno immortale della musica rock: "Elvis Presley was rock & roll’s first real star, not to mention one of the most important cultural forces in history, a hip-shaking symbol of liberation for the staid America of the 1950s. A white Southerner singing blues laced with country, and country laced with gospel, he brought together American music from both sides of the color line and performed it with a natural sexuality that made him a teen idol and role model for generations of cool rebels. He was repeatedly dismissed as vulgar, incompetent, and a bad influence, but the force of his music and his image was no mere merchandising feat. Presley signaled to mainstream culture that it was time to let go. Four decades after his death, Presley’s image and influence remain undiminished. While certainly other artists preceded him to the alter of rock & roll, he is indisputably The King." 
elvis presley scotty moore
Link utili
Le chitarre di Elvis su Wikipedia
Le chitarre di Elvis sul sito ufficiale Graceland
Il concerto del 1973 dalle Hawaii
L'ultimo concerto di Elvis nel 1977
Le auto del film Speedway
La Martin D-28 1975 di Elvis
La bio di Elvis su Rolling Stone
Elvis The Best Songs
Mostra commenti     57
Altro da leggere
Viking: guerriero semiacustico oltre le epoche
Graceland una casa da Re
Elvis Presley the best songs
Scotty Moore, la chitarra di Elvis
È morto Scotty Moore, con Elvis inventò il rockabilly
Pura masonite: le chitarre in cartone pressato
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964