CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Quanto conta il setup?

di [user #26119] - pubblicato il
Quanto conta il setup in una chitarra, secondo voi? Personalmente mi è capitato e mi capita quasi sempre di usare una chitarra, sia molto pregiata che entry-level e non trovare mai il giusto feeling. Poi, perdendo ore tra spessimetri, accordatore e altre amenità trovo setup che in qualche modo mi fa apprezzare lo strumento e lo fa suonare secondo i miei gusti.
Le cose che io ritengo fondamentali, sono l'action, la regolazione delle ottave e dei pickup o del sistema di amplificazione. 
Non mi è mai capitato di prendere una chitarra fresca di negozio, togliere le plastiche e dire: "Ok, è pronta per salire sul palco!".
Forse sono troppo critico io, o succede sempre così? 
Voi che ne pensate?
Dello stesso autore
Fender Custom Shop 1960 Relic Stratocaster
Domandona: come avete imparato a suonare? Avete av...
Purtroppo Accordo sta diventando un posto dove chi...
Il post sui pickup Duncan mi ha fatto pensare.
Mi domando come vi trovate con questi pedali ed ef...
Scambi permute e risate
Fine gloriosa della Eko S300v
Segna-posizione fashion con poca spesa
Loggati per commentare

di Lucifer [user #46960]
commento del 25/09/2017 ore 11:37:33
Certamente che è così! Il setup va fatto su qualsiasi chitarra che compri anche quelle che costano un sacco! Di regola viene fatto un setup in fabbrica (nei pezzi economici nemmeno quello) che vada bene per essere suonata da tutti ma poi entra il fattore mano/manico/testa ecc ecc della persona che l'acquista. Ogni chitarrista ha bisogno del suo setup personale che lo faccia sentire sicuro di quello che fa. Paradossalmente non tutti i setup vanno bene per tutti ma questa è un'altra storia.
Rispondi
di Skywalker8 [user #40706]
commento del 25/09/2017 ore 12:11:29
Sembra forse un paradosso ma per me al momento dell'acquisto il setup conta zero.
Se il suono mi piace e lo strumento è in perfette condizioni allora per il setup ci penserà il liutaio.
Se andassi a cercare anche lo strumento perfettamente regolato allora forse sarei ancora con la Cort di mio padre da 150 euro:)
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 25/09/2017 ore 16:07:19
Tu pensa che sabato sono andato a ritirare una chitarra dal liutaio (grosse modifiche) e appena sono arrivato a casa ho fatto il setup. Ma non perché il liutaio non l'avesse fatto, ma perché io le chitarre le voglio in un certo modo (ponte flottante, action ad un certo modo, manico, ecc).
Rispondi
di Gasto [user #47138]
commento del 25/09/2017 ore 16:38:20
Il set up è fondamentale per me soprattutto per sentire bene la chitarra sotto le dita. Non troverai mai una chitarra settata come piace a te a meno di casi estremamente fortunati.
Di solito il problema grosso è soprattutto con l’action che è una cosa mooolto personale e la distanza dei pick up.
Io porto le chitarre regolarmente dal liutaio per sistemare i tasti, pulire e cambiare le corde (preferisco pagare piuttosto che perdere tempo per queste cose!) ma una regolatina all’action la devo sempre rifare.
Il mio liutaio è molto “blues” e tiene la action sempre relativamente alta…io invece non mi ritrovo e preferisco rivederla verso il basso.
A me piacciono un sacco le Ibanez Jem, ma non posso provarle in negozio perché non riesco a suonare con le 09 042, ad esempio….
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 25/09/2017 ore 17:16:13
Il setup e' fondamentale anche per me. Con l'esperienza pero' ora vado molto cauto ad acquistare strumenti che non abbiano già un setup buono, che almeno permetta di escludere eventuali problemi. Questo chiaramente se ho la possibilità di provarli: visto che acquisto anche molto da internet. Ad esempio mi e' capitato un paio di anni fa di prendere nuovo in negozio un basso Rickenbacker. In negozio sembrava avere giusto bisogno qualche intervento di setup e invece alla fine ho dovuto far rettificare i tasti (per altro a mie spese, visto che il negoziante -nonostante il basso fosse in garanzia- ha fatto veramente orecchie da mercante).
Rispondi
di Repentless [user #45400]
commento del 25/09/2017 ore 17:50:59
Io suono con 08/38 e qualunque liutaio da cui ho portato le mie chitarre è sempre partito con la solita solfa: Ma come fai a suonare con questi spaghettini?
E' inutile spiegare loro che soffro di pesanti tendiniti da anni e se voglio suonare l'unico modo è quello di usare corde ultra sottili per ridurre lo stress alle articolazioni del braccio.
Poi le lascio comunque per il setup, ma non lo azzeccano mai, c'è scarsissima attenzione per le richieste del cliente. Ergo, a casa mi rifaccio il setup da me.
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 26/09/2017 ore 20:08:26
Billy Gibbons usa le 007 e le produce jimdunlop se ti può interessare.
vai al link
Rispondi
di Faus74 [user #41023]
commento del 25/09/2017 ore 20:32:43
Io le porto dal mio liutaio, ogni 6/7 mesi, dipende.
E lui le riporta in vita, quando le suono le sento mie, vive sotto le dita. Grande Giò.
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 25/09/2017 ore 21:26:49
io invece adoro farmi sanguinare le dita, suono con corde grosse e action alto, così quando poi prendo in mano strumenti perfettamente equilibrati mi sembra di sorseggiare un caffè mentre passeggio quando sto suonando;)
Rispondi
di Gasto [user #47138]
commento del 26/09/2017 ore 10:30:53
Grande! Si! Anch'io ne tengo sempre una con l'action alta!
Rispondi
di Oblio [user #43248]
commento del 25/09/2017 ore 21:51:5
Andresti in giro con una macchina che ha le ruote sgonfie ,gli ammortizzatori traballanti e il motore fuori fase? :)
Si che e' importante ...e' fondamentale ( secondo me )!!
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 26/09/2017 ore 03:33:3
Le PRS e le Gibson che ho provato in negozio non avevano bisogno di nessun setup. Nemmeno le tele e le strato di fascia medio alta. Le acustiche escono con action mediamente alta e possono richiedere un setup.
Rispondi
di fa [user #4259]
commento del 26/09/2017 ore 08:27:53
Importantissimo il setup! In particolare, a mio avviso, l'intonazione dello strumento, quindi la regolazione delle ottave. Puoi avere la chitarra più bella e comoda del mondo ma se non è intonata ciò che esce è fastidioso...
Rispondi
di Quick utente non più registrato
commento del 26/09/2017 ore 08:53:19
Leggo i vostri commenti e ora so che non sono solo! :-) :-) :-)
Rispondi
di 77casual [user #25849]
commento del 26/09/2017 ore 15:48:21
Quando acquistai la LP l'ho portata subito dopo dal liutaio che mi ha risposto: "che me l'hai portata a fa? Sta chitarra è perfetta!". Stessa cosa per l'SG.
Quindi si. Il setup è fondamentale.
Detto ciò io le porto almeno una volta l'anno (in corrispondenza del cambio di stagione) dal liutaio, per regolare il truss-rod e action...a fare il tagliando insomma :)
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush
Nembrini Audio PSA1000 Analog Saturation Unit e PSA1000Jr
Slö: riverbero Multi Texture
Anche Way Huge nella guerra dei Klon
L'ottava edizione di Piano Milano City
Game Of Thrones suona Fender
Carbon Copy aggiornato e in miniatura
Brian Johnson tornerà in tour con gli AC/DC
Batteristi al centro dell'attenzione
MOD 5: patch bay e IR loader in pedaliera
Gibson: conto alla rovescia per il nuovo catalogo
Schertler in Italia con Aramini
Godin fa ascoltare le sue prime acustiche

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964