DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Vai, Morse, Petrucci, Luke e Albert Lee: “The Mutual Admiration Society”
Vai, Morse, Petrucci, Luke e Albert Lee: “The Mutual Admiration Society”
di [user #116] - pubblicato il

Uscirà a fine gennaio un disco che si preannuncia divertente e con una serie di ospiti incredibili; Steve Lukather, Steve Morse, John Petrucci, Albert Lee, Jay Graydon e Steve Vai. Deus ex machina di questa operazione è Sterling Ball (sì, proprio lui, quello delle corde e delle chitarre Music Man) che è riuscito a costruire attorno a un terzetto di amici che suona assieme per divertirsi da quarant’anni (lui, John Ferraro e Jim Cox) un cast di chitarristi stellari.
Sterling Ball, John Ferraro e Jim Cox hanno iniziato a suonare assieme nel 1972. Molto prima che Sterling diventasse il di CEO di Ernie Ball Music Man. Negli anni ’80 formarono  la Biff Baby's All Stars, un collettivo divertente e libero di musicisti che girò il mondo per 30 anni.
Oggi, a quarant’anni dall’inizio di questa scanzonata avventura musicale, arriva l’idea di fotografare in un disco quell'amicizia musicale di una vita.

Vai, Morse, Petrucci, Luke e Albert Lee: “The Mutual Admiration Society”

L’album si chiama “The Mutual Admiration Society” e sintetizza bene la filosofia del disco: un gruppo di amici e musicisti che accomunati dalla stima e passione reciproca per le proprie attività musicai decide di spassarsela suonando assieme. Tant’è che molte delle collaborazioni di questo disco sono nate proprio tra jam session e situazioni conviviali. John Petrucci si è proposto per suonare nell’album a seguito di un barbecue a casa di Sterling Ball; Steve Mors, invece, dopo infuocata jam session a una festa di compleanno. Per non parlare di Albert Lee si è letteralmente auto invitato alle sessioni di registrazioni del disco dopo aver visto la combriccola all’opera in alcune foto su Facebook.
 Lo spirito scanzonato che caratterizza il disco è ben rappresentato anche dalla scelta dei brani. Steve vai, per esempio, ha scelto di suonare “Sugar Shack” una  vecchia hit del 1963 di Jimmy Gilmer e le Fireballs motivando la sua scelta raccontando che quel pezzo lo faceva impazzire quando era un bambino di solo 4 anni.
Il disco è già disponibile in pre-order sul sito dell'etichetta Mascot.

Oggi invece è stato lanciato il singolo che anticipa l'uscita del disco. E il pezzo è proprio “Sugar Shack” con la sei corde di Steve Vai in bella mostra.
 
 
albert lee dischi john petrucci novità steve lukather steve morse steve vai
Link utili
Acquista il disco in pre-order sul sito della Mascot
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

di f.n [user #3760]
commento del 06/12/2017 ore 15:32:57
Hey, ma è stato cancellato l'unico commento, di un tizio (evidentemente psicolabile...)
Rispondi
di pacemakerdie [user #30623]
commento del 08/12/2017 ore 11:56:59
si si...è stato cancellato....il tizio che diceva che steve vai doveva praticamente cambiare mestiere....auhauhauhauhauhauah....hanno fatto bene; condivido la censura nei confronti dei commenti puerili, disfattisti e privi di senso logico, culturale e sociale nonché offensivi e distruttivi....grandi tutti
Rispondi
di RedPuma [user #43439]
commento del 10/12/2017 ore 20:15:59
Concordo!
Rispondi
Altro da leggere
Corde fini, cervello grosso
La chitarra di Ty Tabor tra grunge e progressive
Intervista a Steve Vai: da Flex-Able a Passion And Warfare
Steve Lukather con Gibbons e Ford sul palco dei Supersonic Blues Machine
Gary Hoey,"Dust & Bones": hard blues di classe
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Bonamassa: "B.B. King mi diceva, occhio alla grana!"
"Star Of Sirrah" nuovo video degli Ayeron con un Paul Gilbert incontenibile
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Sonny Landreth, dal vivo con la slide
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964