CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Il default di Guitar Center: una voragine che vale 1/5 del mercato
Il default di Guitar Center: una voragine che vale 1/5 del mercato
di [user #3] - pubblicato il

Il 29 novembre scorso Standard & Poors ha declassato per l'ennesima volta Guitar Center, portando il rating da CCC+ a CCC- per il colossale debito di $ 1,6 miliardi (pari a oltre 1/5 del mercato dello strumento musicale) con $ 615 di cedole da pagare ad Aprile 2018. E' pressoché certo che la scadenza non potrà essere onorata, portando Guitar Center a un default parziale o totale, con probabili pesanti ripercussioni non solo negli USA.
Non è però il caso di unirsi ai brindisi che già si sentono nei negozi tradizionali: alcuni vantaggi per il commercio locale prodotti dal crollo del colosso non compenseranno le gravi conseguenze negative, con migliaia di imprese di ogni dimensione (tra cui alcune italiane di eccellenza) che si troveranno senza il principale cliente o addirittura senza il distributore esclusivo, dovendo inoltre far fronte a insoluti tanto importanti da mettere a rischio la sopravvivenza dei più deboli.  



La causa più evidente del disastro - ma non l'unica - è la crescita della vendita online: nonostante un mercato tornato a crescere negli ultimi 5 anni (+ 9,1%), la situazione dei venditori al dettaglio resta pesante, con il 20% dei grandi network di negozi nella zona di rating CCC, quella che indica un possibile fallimento. La crescita esponenziale dell'e-commerce è una condizione con cui tutti devono fare i conti: andava prevista e gestita con tempismo, pragmatismo e flessibilità ed è  stata invece sottovalutata e affrontata con attitudine e strategie inadeguate, cui hanno fatto seguito le prevedibili, drammatiche conseguenze. 

Né è casuale che la crisi dei negozi tradizionali vada di pari passo con quella della chitarra, lo strumento che più di tutti chiede di essere provato e acquistato dal vivo: la chitarra elettrica è assente dalle top 20 internazionali da un lustro, a dimostrare che le nuove generazioni fanno meno musica e la fanno con la console acquistata online (o non la fanno del tutto). Perché? 

E' opinione comune che i grandi produttori avrebbero potuto e dovuto fare di più anche per evitare la crisi annunciata dello strumento iconico del rock, la chitarra elettrica, tradizionale protagonista e termometro del mercato. Invece, dopo il "rinascimento chitarristico" di fine secolo scorso, sono stati ripetuti gli errori commessi da CBS e Norlin vent'anni prima, primo tra tutti quello di non voler capire che fuori dagli uffici commerciali esistono persone vere, musicisti con emozioni e passioni, non numeri aggregati da statistiche. Non sì è voluto-saputo usare linguaggi adeguati ai tempi, ripetendo invece il marketing muscolare ed esclusivo (nel senso di "escludere") degli anni '70, orientato alla quantità anziché alla qualità, contribuendo a spingere le nuove generazioni verso altri mondi più attenti e consapevoli dell'importanza di ascoltare e interagire, mondi più accoglienti e inclusivi.

Va anche aggiunto che Guitar Center ci ha messo parecchio del suo, costruendo il network di negozi più odiato nella storia del commercio, con servizi post-vendita e politiche di customertcare inesistenti, porontamente rimbalzate e condivise online, in un tamtam assordante di lamentele che ha contribuito a svuotare gli oltre 300 negozi del network, a vantaggio soprattutto degli e-commerce. 

Per quanto riguarda l'Italia, infine, ovviamente spiace per le aziende coinvolte, tra cui alcune eccellenze distribuite in USA da Guitar Center. Eppure questa crisi, che si annuncia epocale nel breve termine (anche per l'effetto domino che potrebbe dare il colpo di grazia ad alcuni grandi produttori pesantemente indebitati, come Fender e Gibson), potrebbe anche sortire anche alcuni effetti positivi nel medio e lungo termine.
L'inevitabile selezione generata dal crack (only the strong survive) sarà utile sia per riequilibrare il rapporto domanda-offerta, sia per smontare dinamiche anacronistiche e rendite di posizione consolidate, ovvero i principali ostacoli alla ripartenza del mercato.
Unico traino possibile è la voglia di fare musica, un grande valore italiano che deve tornare - ma in modo moderno e proattivo - al centro dell'attenzione degli operatori del settore capaci di confrontarsi con le difficoltà e sfruttare le opportunità offerte dal mondo che cambia.
guitar center
Link utili
Il downgrading di Guitar Center
Il sito di Guitar Center
Guitar Center su Wikipedia
Il disastro di Guitar Center sul sito ResellerRating

Mostra commenti     44
Altro da leggere
Guitar Center potrebbe evitare il baratro
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964