CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

La guerra Prs-Fender continua

di [user #461] - pubblicato il
Ecco la risposta di Fender alla Silver Sky: un nuovo prototipo, che sarà la base per la futura Santana Signature:
La guerra Prs-Fender continua
...ma alla Fender sono davvero capaci di incollare un manico?
................................
................................
................................
................................
................................
................................
...............................
P.S. ho anticipato un po' il 1° aprile :D
Dello stesso autore
David Gilmour venderà 120 chitarre per beneficienza
Una storia emblematica
Addio a Otis Rush
Visto il caldo che fa, volevo chiedere a quei poch...
---
Creare ibrido da 2 classici ;)
Largo ai giovani!
---
Loggati per commentare

di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 11:47:00
Ahah io invece mi ricordo bene la "Starcaster",fecero un buco nell'acqua che ancora si vede da Vega!
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 13:00:01
Si vede che alla Fender piacciono i buchi nell'acqua vai al link
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 13:28:18
Io me la ricordo al tempo quando uscì,ce n'era una sola nel negozio dell'"ebreo" a Viareggio in vetrina era nera,prezzone assurdo (come sempre) ma paragonata ad una semi Gibson/Guild/Gretsch faceva davvero pena,ci avevo sbavato sopra un bel pò (al tempo le notizie ci mettevano mesi non c'era internet) ma quando la provai rimasi deluso totalmente.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 13:42:0
Te la sei proprio dimenticata, il manico era (ed è) avvitato :D
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 13:44:50
Assolutamente no,lo so che il manico era bolted,però era un semi e doveva suonare come tale,invece faceva "cagare" ;-)
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 13:46:55
Allora non ho capito che ci azzecca la Starcaster con quello che ho postato :DDD
Cmq Fender sapeva incollare i manici, la Robben Ford era abbastanza simile come filosofia a una Prs (anche come prezzo!)
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 13:54:47
Ma certo che sanno incollare i manici,sarebbe da ridere il contrario con una esperienza produttiva così lunga,non è la loro filosofia ma non significa che non potrebbero farlo.Però quando fai una cosa la devi "fare bene" ogni ibridazione ti porta un passo più vicino al fossato,la Robben Ford era un'ottimo strumento,ma i tempi non erano quelli giusti un cliente Fender "tradizionale" non l'avrebbe mai comprata al tempo,ed un aficinado Gibson o similari non si sarebbe azzardato a fare il salto visto che costava cara e non offriva certo niente di meglio a quanto già c'era nel settore specifico.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 14:12:2
Non l'ho provata, ma a sentirla vai al link e a detta di chi l'ha provata non ha niente da invidiare a Gibson anche come qualità, poi i suoni sono abbastanza personali e un costo elevato, ed è per quello che non ha avuto successo.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 14:17:13
E' quello che ho detto io sopra,certo era bella suonava bene,ma un cliente Gibson non avrebbe fatto il salto,l'endorsement di Ford poi ha fatto lievitare il prezzo ovviamente ma altrimenti chi l'avrebbe notata una Fender così? Strategie di marketing,che però vanno fatte se ci sono le condizioni di mercato,altrimenti sono flop.
Edit: anche Robben poi l'ha usata solo il tempo necessario per "onorare" i termini di contratto.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 14:29:30
Dici che non offriva niente di meglio di quanto c'era nello specifico, per me invece è un po' il contrario, cioè offriva forse il meglio nel ristretto campo delle chambered, manico incollato, ponte fisso e doppio humbucker (non hi gain), anche se a un prezzo superiore.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 14:31:37
Se tu avessi avuto una Gibson al tempo,cosa ti avrebbe dato in più questa? Visto anche il prezzo? Ecco cosa intendo,io non avrei cambiato sponda assolutamente,ed il mercato l'ha dimostrato.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 14:38:38
Il mercato è una cosa, la qualità intrinseca è su un altro piano. Avessi suonato fusion me la sarei comprata sicuramente, soldi permettendo.
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 10/03/2018 ore 14:41:5
Va bene dai,ognuno vede le cose a modo suo non bisogna convincere/ne essere convinti,funziona così da sempre :-)
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 20/03/2018 ore 21:34:47
Uh? Cucù! Pietro non c'è più! Devo dire che se è stato bannato se l'è cercata (penso agli insulti ad Alberto che sono stati cancellati). Qui sopra avevo soprasseduto ai suoi vari vaneggiamenti, compreso purtroppo l'insulto razzista, che avrei dovuto segnalare subito alla redazione. Poco male alla fine della fiera, anzi.
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 10/03/2018 ore 19:30:04
No, costava molto di più!
Ora vale uno sproposito.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 11/03/2018 ore 08:54:29
Non parlavo di cifre ma di filosofia di prezzi. Cmq è vero, se non ricordo male ai tempi era una delle più costose del mercato, forse seconda solo alla Gibson L5 CES. Era ed è una delle chitarre che più mi piacciono in assoluto, mi sono anche andato a vedere su YT vecchi filmati di Robben Ford con questa meraviglia vai al link vai al link . Che suonone!
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 10/03/2018 ore 16:14:26
"Roasted Earth"... e se di un altro colore? Questo modello Fender mi ricorda i famigerati "lawsuits" Giapponesi (certi erano però meglio del modello originale in copia). Questa copia ha esteticamente, a livello di copyright, solo paletta "hendrixiana" e l'assenza di uccelli in volo su una tastiera ora ornata da umili "dots" (che dalla foto mi sembrano poco riuscite, meno visibili). Sarà interessante averne il prezzo di acquisto. Sono andato sulla HP del solito negozio per redermi conto (!) di come è il mercato 2018, competizione generale in giro per "i grandi" e per fortuna non sono più afflitto da GAS. Alltrimenti, Danelectro Baby Sitar e una Strat 3/4 Pink per la figlioletta appena battezzata stamattina :D
A giudicare da quanto vedo, Gibson ha prezzi "tribute" esosi - LP Lifeson a 11mila €. A quel livello, le Fender tribute costano la metà. Le variazioni di prezzo tra versioni dello stesso modello partono da ca. 150-200€ per Epi e Squier andando ai top tribute Gibson e Fender. Sarà interessante sapere in quale fascia di prezzo sul mercato Fender intende posizionarsi con questa loro "PRS"! Per l'audio ci vuole un test Quaini.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 10/03/2018 ore 16:31:17
Non ci posso credere, sembra davvero un pesce d'aprile :D
Chissà se alla Fender volevano solo dimostrare di saper copiare anche loro o se hanno voluto prendere in giro PRS :D
Visto che scrivono che hanno impiegato 2 anni e mezzo per progettarla, credo più la seconda!!!
Rispondi
di carlo80 [user #38042]
commento del 10/03/2018 ore 17:10:32
secondo me è un fake non si puo regolare il truss rod alla paletta a meno che è un bolt on
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 10/03/2018 ore 17:52:44
Un typo e un paio di imprecisioni grammaticali grossolane fanno gia' intendere che si tratta di un fake... ma buono lo stesso ;)
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 10/03/2018 ore 18:57:46
Raga, l'ho pure scritto che è un pesce d'aprile anticipato... certo che è un fake! :DDD
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 10/03/2018 ore 19:33:5
haahahah
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Studiare Jaco Pastorius
Mark Knopfler spiega perché scelse Sting per "Money For Nothing"
FireBrand: mini-hi-gain da Joyo
30 Vintage Hot per l’anniversario Fralin: già rarità da collezione...
Alex Lifeson: la chitarra alata dei Rush
Nel nuovo album dei Queens of the Stone Age anche Dave Grohl e Billy G...
Adam Hall Pad Eco 1: fine delle trasmissioni
Torna il primo catalogo Charvel per i 40 anni
Lavorare con la musica all'estero
Galaxy: versatilità Supro a valvole
Il suono del sud in un combo: Club 40 MkII Kentucky Special
Chase Bliss Mood trasforma il suono con micro-loop e ambienti eterei
G290: la super-Strat Cort fa la voce grossa
Una performance di Levante apre da Malpensa il viaggio verso la Milano...
Life Pedal: distorsore, octaver e boost in serie limitata

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964