CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Vietnam

di [user #22654] - pubblicato il
Tenendo fuori discussioni politiche e ricostruzioni storiche... Qual è, tra quelli in qualche modo collegati al dramma della guerra in Vietnam, il brano musicale che più amate?

Vietnam
Dello stesso autore
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Topo cattivo - piccola demo
Live col computer: si può fare.
DC-Junior
Dalla Russia col furgone
Faccia da sbirro
È venuto a mancare Peter Florance, una spec...
Interfaccia
Loggati per commentare

di Sykk [user #21196]
commento del 24/03/2018 ore 12:48:01
Beh quelle dei Doors, certo che anche i Jefferson Airplane...

Mi hai fatto venire in mente uno spettacolo del comico Ricky Gervais in cui diceva che ogni guerra ha il suo premio: Vietnam, miglior colonna sonora, 2WW miglior finale, ma la sua preferita è quella delle Falkland perché hanno vinto. Gioca molto sul personaggio politicamente scorretto, ma è un grande.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 24/03/2018 ore 12:59:35
Devo recuperare lo spettacolo :-)

Riguardo a Doors e Jefferson Airplane, grandi classici, davvero impossibile non citarli :-)
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 24/03/2018 ore 15:24:34
Lo vedi a questo link, dura meno di 5 minuti ed è sottotitolato, divertentissimo:
vai al link

Altra scena divertente, nel film Jarhead, sulla guerra del Golfo, passa un elicottero da cui si sente "Break on through to the other side", ed il protagonista gli urla contro arrabbiato: "Questa è la musica del Vietnam, non ce l'abbiamo una musica nostra?". Film molto bello.
Rispondi
di Baden [user #39846]
commento del 24/03/2018 ore 13:02:45
vai al link
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 24/03/2018 ore 13:22:46
Davvero indimenticabile, John Fogerty ha una voce straordinaria secondo me.
Rispondi
di superloco [user #24204]
commento del 26/03/2018 ore 09:50:14
anche a me piace molto questa...
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 24/03/2018 ore 13:06:29
Masters of war di Dylan
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 24/03/2018 ore 13:10:32
Non la conoscevo, grazie! :-)
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 24/03/2018 ore 13:12:03
Prego, gran pezzo, immenso Dylan.
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 24/03/2018 ore 13:43:52
Vuoi mettere un recupero con huey a gambe per aria con "all along the watchtower"(hendrix) , un pattugliamento nelle le risaie con "green river"(CCR) o lo strazio di un villaggio in fiamme con "the end" (Doors)!
Grande botta emotiva anche se la guerra rimane una grande MERDA !!
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 24/03/2018 ore 13:51:45
all along the watchtower Hendrix version ma è Dylan
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 24/03/2018 ore 14:02:37
Si ma quella di Hendrix e' da Vietnam!!:)
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 24/03/2018 ore 14:03:31
è uno di quei casi dove la cover è più bella dell'originale.
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 24/03/2018 ore 14:22:46
Vero che e' durata quasi dieci anni ma nessuna guerra ha avuto una cornice musicale tanto bella ...quanta roba....Hush(coi Deep Purple di primo pelo), War Pigs (Black Sabbath), Surfin' birds (The trashman) ,Simpathy for the devil (Rolling Stones), the house of the rising sun (animals) These boots are made for walkin (Nancy Sinatra)ecc ecc .Dieci anni di guerra con la compilation rock piu' bella della storia!!
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 24/03/2018 ore 14:07:08
Da incorniciare, sacrosanto :-)
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 24/03/2018 ore 13:45:53
Io propongo la fantastica "What a wonderful world" di Armstrong in "Good Morning Vietnam" dove recitava un immortale Robin Williams conduttore della radio militare delle truppe americane . Mi ricorderò sempre il feroce contrasto tra la melodia struggente del pezzo e,se non sbaglio, il montaggio delle immagini del conflitto che scorrevano sullo sfondo .
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 24/03/2018 ore 14:08:19
Non ho mai visto "Good Morning Vietnam" e devo assolutamente recuperare! Grazie
Rispondi
di MicStone [user #20095]
commento del 24/03/2018 ore 14:38:28
Per me, questa:vai al link
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 26/03/2018 ore 15:35:04
Questa è di una potenza unica. Non si potrebbe trovare un pezzo più azzeccato.
Rispondi
di mdg [user #41663]
commento del 24/03/2018 ore 16:17:28
I-Feel-Like-I'm-Fixin'-To-Die Rag (Country Joe and The Fish).
Ne trovi una versione nel triplo Woodstock.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 24/03/2018 ore 16:43:45
"c'era un ragazzo che come me..." dove la mettiamo? ;) Che poi a me in fondo piace, anche se non ho vissuto quel periodo.
Rispondi
di Lpcustom [user #47755]
commento del 24/03/2018 ore 17:51:18
..io direi Born in the USA del "Boss" ;-)
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 24/03/2018 ore 18:30:27
FULL METAL JACKET, a me piaceva questa. vai al link vai al link
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 24/03/2018 ore 20:05:21
Ero a Los Angeles 1968-69, fotografo e ore a non finire in camera oscura... con radio accesa. Con una carta stampa andavo in giro di sera a fare foto. Ho assorbito un sacco di musica che allora non credevo fosse "intramontabile" ma mi sono deciso una volta per tutte a dedicarmi alla musica.
La musica Pop alla radio era con una forte prevalenza anti-guerra e pro-droga psichedelica. Era l'era Flower Power! Le parole erano anti-guerra in maniera sottintesa, erano pezzi con testi indecifrabili e canzoni d'amore nel senso tradizionale non ce n'erano. È stata anche l'era "jam onstage" e la partenza di assoli lunghi.
Su video, Woodstock e sopratutto Easy Rider rendono l'idea di come era la musica e l'atmosfera USA proprio allora. In Europa, mi sembra che solo John Lennon sia stato veramente "politico" - esempio Give peace a chance.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 26/03/2018 ore 00:53:16
I tuoi commenti sono sempre delle piccole pagine di storia pop, ci sarebbe da farci un libro! :-)

Io gli odori, i ritmi e le procedure della camera oscura li vivo tutt'ora ogni volta che ho tempo da dedicarci, per il resto non posso che immaginare :-) Hai ricostruito un quadro completo e veritiero... È per fortuna che la musica e la cultura "hippie" avevano anche la loro dimensione mediatica: oggi anche noi giovani possiamo farci un'idea di cosa fu, guardando quei video e quei documenti che ci sono arrivati! :-)
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 26/03/2018 ore 11:19:48
W YouTube! È incredibile quanto c'è da vedere di mai visto. Da ascoltare sono pezzi con chitarristi senza effetti (a parte Hendrix). Stava però arrivando di brutto il Blues UK con covers USA, sia Pop che Blues/Rock. "Beano" in primis con Eric Clapton e ampli Marshall. Ho poi letto la storia di QUEL sound: Clapton è in studio e chiede al fonico dove posizionare l'ampli dato che il fonico deve metterci il microfono. OK, e poi sposta l'ampli il più lontano possibile e alza il volume al massimo su un combo Marshall (credo un 45W).
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880]
commento del 25/03/2018 ore 09:13:11
Sicuro Jimi Hendrix - All Along The Watchtower.
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 25/03/2018 ore 10:51:16
Paint it black.
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 25/03/2018 ore 21:03:5
vai al link
vai al link
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 26/03/2018 ore 10:36:38
2 pezzi leggendari. Link 1 Buffalo Springfield For what it's worth era già un pezzo adorato dai hippies Flower Power USA quando sono arrivato io... alla fine della loro carriera. Membri hanno poi formato Crosby Stills Nash (più tardi pure aggiunto Young). Link 2 si presenta da solo!
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 26/03/2018 ore 10:37:51
Hai citato due "cavalli di battaglia"! Ho semre amato questi brani e questi artisti! :-)
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 26/03/2018 ore 10:39:06
Grande! Questi son due brani che ho in mente quando si parla di quella parentesi storica e li ho da sempre nel mio piccolo repertorio acustico! :-) piccoli pezzi di storia!
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 25/03/2018 ore 21:43:2
Pensando al Vietnam, la prima cosa che mi viene immediatamente in mente è il sergente Hartman di Full Metal Jacket e poi questa vai al link Hello Vietnam di Johnny Wright.

Soldato semplice Joker, tu credi alla Vergine Maria?
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 26/03/2018 ore 15:22:22
"piccoli pezzi di storia" USA! Giusto. C'era pure la lotta per l'abolizione della segregazione e la partenza della musica Soul ritmica col supporto di case discografiche e producers. La musica Country stava guadagnando terreno e pure cantautori armati di chitarra acustica. È partito Santana... A pensarci adesso, un periodo confuso.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 26/03/2018 ore 15:36:13
Una vera polveriera!
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?
Boss RC-10R: loop station stereo con drum machine
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Il palco degli Skunk Anansie all’Arena Flegrea
Boss SY-1: il synth polifonico si fa stompbox
GR BASS Dual 1400
Dolcetti in Rolls Royce
I Toto in Italia per i 40 anni di carriera
Antonello D’Urso: la finitura cambia il suono di una chitarra
Entry level estremo da Vintage con Paul Brett
Gretsch Trestle Bracing e Sound Post: cosa cambia

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964