HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Epiphone presenta
Epiphone presenta "il catalogo più grande degli ultimi anni"
di [user #116] - pubblicato il

Il Summer Namm 2018 è alle porte ed Epiphone svela in anteprima 21 modelli tra acustiche, archtop e solid body. Inversione di tendenza, invece, per Gibson.
I problemi finanziari in casa Gibson non si ripercuotono sulla salute dei suoi brand chitarristici. Per l'imminente Summer Namm 2018, Epiphone annuncia il catalogo più ampio degli ultimi anni con 21 strumenti, tra inediti e reinterpretazioni dei classici, strizzando l'occhio ai settori elettrici, acustici e semiacustici.

La AJ200SCE è una dreadnought a spalla mancante con top in abete massello e finitura Mahogany Burst. Elettrificata di fabbrica, è provvista di un sistema Shadow.
La AJ220S si aggiorna invece con una tavola armonica in mogano massello.

Rivista anche la classica EJ200SCE. La grossa cassa tondeggiante accoglie ora una tavola armonica in abete massello e un sistema stereofonico Shadow e-Sonic-II. La jumbo di casa Epiphone conserva lo sfarzo degli intarsi su tastiera e ponte, insieme alle ricche decorazioni sul battipenna.

Epiphone presenta "il catalogo più grande degli ultimi anni"

Per l'estate 2018, Epiphone guarda anche agli ukulele con due modelli ispirati agli shape più famosi del marchio. La Hummingbird si rimpicciolisce in formato tenore e associa un top in abete massello con un pickup piezoelettrico sotto il ponticello.
La Les Paul, anch'essa in formato tenore, si trasforma in una cassa acustica con una buca al centro del top fiammato e un piezo sotto il ponte.

Gli amanti dei suoni acustici con la praticità del solid body possono guardare alle corde in metallo e a quelle in nylon con la SST e la CE Coupe. Entrambe provviste di pickup Shadow Panoramic, promettono di ricostruire la tridimensionalità della cassa armonica in un formato perfetto per i viaggi.

Epiphone presenta "il catalogo più grande degli ultimi anni"

Particolarmente nutrita è l'offerta riguardante archtop e semiacustiche.
Per i jazzisti, Epiphone porta la Broadway nel nuovo millennio direttamente dagli anni '40 del secolo scorso con una coppia di humbucker Alnico Classic e una finitura Vintage Natural.
Ridisegnata con finitura Vintage Natural anche la jazzbox di Joe Pass, ora Emperor II Pro con meccaniche Grover e pickup splittabili ProBucker.
Una nuova finitura Turquoise accoglie invece la Casino e la più piccola Casino Coupe, entrambe con pickup P90 in stile dog ear.
Si arricchisce invece di una sgargiante finitura Aquamarine la Dot Deluxe in edizione limitata, ora con pickup Alnico Classic.
Più compatta, la ES-339 Pro conta sulla flessibilità di una coppia di humbucker Alnico Classic Pro con possibilità di split.
La Sheraton II Pro fa infine spiccare un ricco hardware dorato su una serie di nuove colorazioni e accoglie ora due humbucker ProBucker.

Epiphone presenta "il catalogo più grande degli ultimi anni"

Le elettriche di casa non restano indietro e ad aprire le danze è la G400 in edizione Pro con due pickup splittabili Alnico Classic Pro.
La Prophecy Les Paul Custom Plus GX preferisce invece dei Gibson 490R e 498T di fabbricazione americana con un lussuoso top in acero quilted e hardware dorato.
Aggiornata anche la Les Paul Standard, ora con due Alnico Classic a sedere in un tradizionale body in mogano.
La Standard Plus Top Pro aggiunge alla formula un top in acero fiammato di grado AAA, due pickup ProBucker dalla timbrica vintage e meccaniche Grover.
La versione Studio torna agli Alnico Classic e confeziona una Les Paul senza fronzoli, leggera e funzionale.
Agli antipodi si trova l'eccentrica Les Paul Tribute Prizm Plus Outfit, con meccaniche Grover bloccanti, pickup Gibson USA '57 Classic e switch per la configurazione in serie o parallelo.
Per chi preferisce le nuove tecnologie, torna in catalogo anche la Ultra in edizione III con pickup ProBucker e uno Shadow NanoMag per catturarne il sound acustico, collegati alle uscite per l'uso mono, stereo o USB trasformando lo strumento in un'interfaccia audio a tutti gli effetti.

Epiphone presenta "il catalogo più grande degli ultimi anni"

L'intera collezione può essere vista sul sito ufficiale a questo link. Nei prossimi giorni sarà sollevato il sipario anche sulla nuova collezione Gibson per la quale si prevede, in controtendenza rispetto all'ampia offerta Epiphone, una semplificazione del catalogo verso modelli più tradizionali.
chitarre acustiche chitarre elettriche chitarre semiacustiche epiphone ukulele
Link utili
Novità Summer Namm 2018 sul sito Epiphone
Altro da leggere
Pubblicità
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe...
John 5 alle prese con la Troublemaker Tele...
Gold 08: Cort ancora più in alto...
Jazzmaster diventa Contemporary con Squier...
Pubblicità
Commenti
di Sykk [user #21196] - commento del 28/06/2018 ore 16:44:55
Nooo, il binding sulla G400??!!
Incredibbbile!
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 28/06/2018 ore 21:02:10
Fra la nuova G400 è semplicemente M E R A V I G L I O S A. Non so come potrò fare a resistervi.
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 29/06/2018 ore 08:51:4
eh... in foto somiglia proprio tanto alla Gibson '61 reissue, se non fosse per le venature che fanno intuire una selezione di legno meno pregiato.. ma basta prenderla nera o bianca!
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 29/06/2018 ore 09:04:39
Infatti sto sbavando sulla nera. Mammamì... me la sono sognata stanotte, ti giuro. :D
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 29/06/2018 ore 09:21:24
Assurdità del sito Epiphone, sulla pagina della G400 Pro, selezionando i colori, la rossa e la bianca hanno il binding e la nera no...
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 29/06/2018 ore 09:24:17
Per vederla vai da Thomann. E' l'unica che hanno già col binding. Ma non è solo quella la novità. Sembra anche che abbiano modificato la forma del corpo. L'hanno assottigliato, reso più simile alla Gibson. Ora è slanciato e meno tozzo.
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 29/06/2018 ore 16:28:39
spero abbiano fatto anche qualcosa per il manico, troppo sproporzionato, per niente comodo.
è stato il motivo per cui l'ho venduta anni fa
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 29/06/2018 ore 16:35:06
Non saprei... però è una cosa molto personale. Io mi trovavo molto bene col manico della Epiphone. Molto meno con quello della Gibson. Sicuramente avranno lavorato sui bordi della tastiera essendoci il binding.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 29/06/2018 ore 16:54:53
Ci sono le nuove varianti delle solite... mi manca una Coronet a 1 p/u ma è chiedere troppo! È una LP Junior double-cut P90 dog-ear che non in visto su cataloghi Gibson.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
John 5 alle prese con la Troublemaker Tele
GT1000: in prova l'ammiraglia Boss del 2018
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
Gold 08: Cort ancora più in alto
Line 6 rimpicciolisce lo Spider V
I più commentati
Ringo Starr & His All-Starr Band live a Lucca
Clapton and friends live at Hyde Park
GT1000: in prova l'ammiraglia Boss del 2018
John 5 alle prese con la Troublemaker Tele
Line 6 rimpicciolisce lo Spider V
I vostri articoli
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964