HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Costruire un riff: tra accordi & melodia
Costruire un riff: tra accordi & melodia
di [user #17404] - pubblicato il

Non esiste una maniera giusta o sbagliata per scrivere, un riff, un assolo o una canzone. Ci sono tanti diversi approcci che vale la pena sperimentare tutti, per fare pratica e scoprire quello più funzionale al proprio estro artistico. Lavoriamo alla creazione di un riff partendo da una parte di batteria. Appoggiamoci degli accordi e vediamo come immaginare e costruire il riff partendo proprio da quegli accordi che lo ospitano e sottintendono.
Il punto di partenza è stato creare sopra la parte di batteria, una progressione armonica, una successione di accordi su cui costruire il riff.
Si è partiti da uno scheletro molto semplice, composto da due soli accordi, un A maggiore e un E maggiore.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

Il passaggio successivo è stato quello di vivacizzare l’armonia di questi accordi, colorandoli con diverse voci ed estensioni. Nel farlo se ne è anche definita l’armonia: la progressione sarebbe stata interpretata come in E maggiore. Il A quindi sarebbe stato il IV della tonalità, il E il primo.
A questo punto si è deciso di enfatizzare la sonorità lidia, e quindi la quarta eccedente, nota che caratterizza il modo.
Questa la progressione di accordi trovati.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

Per agevolare la lettura e memorizzazione delle varie diteggiature, proponiamo isolatamente le griglie dei vari accordi.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

Da qui, è iniziato il lavoro di creazione del riff. Ogni accordo è stato sviluppato in maniera melodica, a note singole. Si creavano così delle cellule melodiche sulle quali si sarebbe creata la struttura ritmica del riff.
L’utilizzo di una chitarra a sette corde, con la settima corda abbassata da B a A, sarebbe stata perfetta per valorizzare la sonorità lidia. Il A poteva essere fatto risuonare  a vuoto in corrispondenza dei colpi di gran cassa portanti della batteria e,  in risposta a questi, ci sarebbero state delle risposte melodiche, costruite sulle note degli arpeggi sottintesi.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

Questi invece gli sviluppi melodici creati sui vari accordi di E.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

La sfida è stata quella di cercare di incollare il più possibile il disegno ritmico del riff alla linea di batteria, cercando di creare praticamente un unisono.
Questo è interrotto solo in corrispondenza dell’accordo finale con la chitarra che si slega dalla batteria per eseguire un arpeggio di C#m11 sviluppato su due ottave.

Costruire un riff: tra accordi & melodia

Per chi volesse approfondire lo studio e le possibilità esecutive fornite da queste tipologie di arpeggi, raccomando la visione del mio manuale “Tecnica, Fraseggio & Esercizi”

A questo punto, ci si può cimentare nello studio della partitura completa del riff.



La parte di batteria sulla quale è stato costruito questo pezzo è di Paolo Caridi. Presto ospiteremo una lezione di Paolo nella quale spiegherà nel dettaglio questa funambolica parte di batteria.



Il riff analizzato in questa lezione fa parte di un brano completo, chiamato "Buldoggala". Eccolo, per chi fosse interessato ad ascoltarlo per intero così da sentire come si sviluppa e articola il riff lungo l'arrangiamento del pezzo.


 
Link utili
Acquista "Tecnica, fraseggio & Esercizi" di Gianni Rojatti
La pagina dei Dolcetti, la band di Gianni
Altro da leggere
Pubblicità
Chitarra Fusion: Lidio e la nona diesis...
Una pentatonica per suonare Lidio...
Luca Colombo: Pentatoniche da Misolidio...
Studiamo i modi: Lidio con le triadi...
Pubblicità
Gus G: "Shred estremo per pentatoniche estreme"...
Ripassiamo Eolio, Frigio & Locrio...
Dave Hill: fraseggio, triadi e modo Lidio...
Studiamo il Misolidio...
Matt Schofield: un'idea per il misolidio...
Bruce Bouillet: "Lo sweep più famoso dei Racer X"...
Raffinatezze varie su shred ignorante...
Scott Mishoe: meteora shred che influenzò Govan...
Marty Friedman: un piccolo fraseggio in frigio maggiore...
Giacomo Castellano: Mixolidio Penta Blues...
Frigio Maggiore: diteggiature, utilizzo & esercizi...
Nick Jonston: legati su frigio, cromatismi e scale alterate...
Commenti
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 09/07/2018 ore 14:37:38
dov'è la melodia?
Rispondi
di Gianni Rojatti [user #17404] - commento del 09/07/2018 ore 15:12:42
Gli intervalli musicali possono essere eseguiti in maniera armonica quando le note che li interessano sono suonate contemporaneamente. In maniera melodica, quando le note sono suonate singolarmente. Noi siamo partiti da degli accordi (insieme di note suonate armonicamente) e - per trovare il riff - li abbiamo sviluppati suonandoli a note singole, appunto, melodicamente.
Rispondi
di Carrera [user #31493] - commento del 09/07/2018 ore 15:14:28
Un bel canovaccio per lavorare. Molto stimolante.
io di solito faccio il contrario: e parto da un riff e ci metto sotto gli accordi.
Ma è stimolante partire da quelli per trovare delle frasi ritmiche. Bello!
Rispondi
di Gasto [user #47138] - commento del 10/07/2018 ore 14:37:5
Bellissima questa serie! Molto interessante approfondire i vari approcci alla composizione! Questo in particolare è veramente molto stimolante.
Rispondi
di Ninheresy [user #48102] - commento del 11/07/2018 ore 09:40:52
Anch'io tendo di solito ad avere una "melodia" in testa e poi svilupparci attorno gli accordi... non è stato immediato provare in questo metodo ma il risultato è stato particolarmente interessante: ho composto qualcosa che suonava "diverso" dai miei soliti giri!
Grazie per lo spunto!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Peppino D'Agostino: respirazione e meditazione prima del concerto
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964