HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
LD System U506 HHD2: due radio al prezzo di uno
LD System U506 HHD2: due radio al prezzo di uno
di [user #116] - pubblicato il

Con la serie U500 LD System porta sul mercato prodotti con un rapporto qualità prezzo molto vantaggioso. Abbiamo testato la versione U508 HHD con due microfoni palmari dinamici e ricevitore in formato rack da 19’’.
La serie U500 è davvero vastissima. Comprende più di 40 prodotti, tutti accomunati da un look moderno e dalle caratteristiche tecniche. 

I ricevitori sono in formato rack standard da 19’’ o half-rack, nelle versioni con singolo trasmettitore. Sono disponibili in tre diverse bande 584 - 608 MHz and 655 - 679 MHz, dove si possono utilizzare fino a 12 sistemi contemporaneamente, e 823 - 832 MHz + 863 - 865 MHz, dove invece si possono utilizzare solo fino a sei sistemi. 

Grazie al sistema true diversity e un HF output power fino a 30mW garantiscono una portata fino a 100 metri. Il ricevitore presenta due diversi LCD, uno per sistema, nei quali vengono riportati oltre alla frequenza utilizzata e lo status del microfono connesso, anche il volume di input e la carica delle batterie. Questa ultima funzione è vitale per poter tenere d’occhio durante una serata eventuali pile da sostituire, oppure, più semplicemente, evitare di sostituire batterie ancora in grado di resister 2-3 ore di concerto. 

Sul retro dell’unità a rack troviamo oltre alle connessioni per le antenne anche le uscite sia jack che XLR. A disposizione si hanno tre diversi output, due singoli per ogni trasmettitore e uno che li somma su un unico canale. 

Veniamo ora ai palmari che si trovano nel kit, contenuti in una solida valigetta in ABS nera che contiene tutti gli accessori oltre al ricevitore rack. Nello specifico i due 506HD sono dei microfoni dinamici cardioidi. Sono abbastanza leggeri, ma non danno l’impressione di essere poco solidi, anzi. La gomma di cui sono rivestiti, poi, aumenta il grip e fa si che la presa sia sempre salda. 

Anche i gelati sono dotati di schermo lcd che ne indica lo status e la carica della batteria. Pratico anche il pulsante di accensione ben visibile, ma allo stesso tempo impossibile da azionare per sbaglio. 

LD System U506 HHD2: due radio al prezzo di uno

La capsula, inoltre, è sostituibile con quella a condensatore, acquistabile separatamente ma compatibile al 100%. 

Abbiamo portato gli U506 in giro per circa un mese coprendo tutte le possibili situazioni. Li abbiamo usati per speakeraggio e cantato, in ambienti angusti, in teatri da 3-400 posti e anche all’aperto. 

Il risultato è che mai ci saremmo aspettati da un set UHF da meno di 600 euro una risposta del genere. La naturalezza della voce viene mantenuta dalla capsula dinamica che non interviene in alcun modo sull’EQ lasciando libero il fonico di fare il suo mestiere al meglio. Avremmo preferito solo una maggiore apertura sulle basse, soprattutto per il cantato, ma nulla di grave. 

Per quanto riguarda la portata, invece, non abbiamo riscontrato nessun tipo di problema. Anche in sale affollate di gente con speaker che cammina tra il pubblico il sistema a retto senza mai sganciare. L’auto scan delle frequenze, tra l’altro, aiuta molto nella fase di setup riducendo al minimo il rischio di rumori di fondo e interferenze. 

Per un prezzo che si aggira intorno ai 600 euro gli U506 HHD2 sono un ottimo acquisto per chi ha bisogno di un sistema wireless che si avvicini al mondo del professionismo senza raggiungere prezzi esagerati. La qualità è ottima e le caratteristiche tecniche e timbriche pure. 

LD System è un marchio distribuito da Adam Hall.
ld system microfoni u506hdd2
Link utili
Visita il sito Adam Hall
Visita il sito LD System
Altro da leggere
Pubblicità
Shure Beta 181 un microfono 1000 usi...
I Maroon 5 vendono tutta la loro attrezzatura...
Shure SM7B prezioso silenzio...
Filmarsi con meno di 10 euro...
Pubblicità
Commenti
di lolloguitar [user #48123] - commento del 13/07/2018 ore 21:06:55
i sistemi wireless non mi hanno mai convinto né per la voce né per gli strumenti, probabilmente anche perché non ne ho avuto bisogno... in alcuni casi sono indispensabili ma sinceramente non ne ho mai provati di professionali, hanno raggiunto la qualità del cavo?
Rispondi
di 7cordista [user #41040] - commento del 14/07/2018 ore 10:09:35
Scusa, ma se non il wireless non ti ha mai convinto, ne lo hai mai provato, perché commenti? quale utilità ha un commento del genere?
Rispondi
di lolloguitar [user #48123] - commento del 14/07/2018 ore 10:55:49
probabilmente non hai letto tutto il mio post.... non ho mai provato sistemi PROFESSIONALI o semi professionali come quello dell’articolo! ne ho provato solo di economici e il risultato non mi é piaciuto.... taglio di frequenze e dinamica... per questo ho sempre preferito il cavo. la domanda che facevo era: chi utilizza sistemi professionali o quasi come quello dell’articolo ha avuto modo di costatare una qualità di suono paragonabile al cavo? perché non commenti l’articolo invece delle risposte?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Venti attrezzi online per chitarristi
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Bitcrusher: come funziona
Sounds.com: la fonte Native Instruments per suoni ed effetti
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964