HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
DigiTech Obscura Altered Delay
DigiTech Obscura Altered Delay
di [user #48645] - pubblicato il

Quattro modalità, jack stereo e una curiosa funzione Degrade, l'Obscura Altered Delay porta DigiTech nel mondo degli ambienti sperimentali più estremi.
Arriva un momento nella vita di un chitarrista in cui non ti basta quello che hai. Può trattarsi dello strumento, dell’amplificatore, del proprio arsenale di distorsori e overdrive. Nel mio caso, si è trattato del delay.

La decisione è stata sofferta, notti insonni mi hanno accompagnato e, nei momenti di sonno, incubi si ripetevano e rincorrevano. Una volta in piedi, ho capito cosa dovevo fare. Ho finalmente messo le mani sul Digitech Obscura, un delay compatto dalle funzioni molto particolari.

DigiTech Obscura Altered Delay

Comincio col dire che si tratta di un delay digitale con input e output stereo, anche se a dire la verità me ne faccio ben poco. Quello che mi ha spinto a preferirlo a un classico Boss della serie DD o un TC Nova Delay/Repeater è stata la funzione principale di questo inquietante pedalino: il controllo Degrade, che permette di degradare e distorcere il segnale nelle maniere più varie e curiose.

L'Obscura ha quattro diverse modalità: Analog, Tape, Lo-Fi e Reverse. In base alla modalità selezionata, il Degrade avrà modi diversi di contaminare il segnale, aggiungendo distorsione in quella Lo-Fi e sommando al segnale il simpaticissimo suono di un nastro che si inceppa nelle modalità Tape e Reverse.

Oltre ai comandi prima elencati, sullo chassis addobbato da uno scheletro troviamo i controlli del volume, del tono, del tempo e del numero di ripetizioni, oltre a un comodo switch che ci permette di attivare la modalità Trail, che non fa altro che far terminare il giro di ripetizioni al segnale anche quando il pedale viene spento.
Il controllo Repeats permette anche di attivare la modalità Hold/Repeat girandolo oltre le ore 3 mentre il delay sta già processando il segnale (più semplice a farsi che a dirsi). Questa modalità, appunto, mantiene il suono all’infinito ed è anche possibile suonarci sopra come se fosse un looper (tranne nella modalità Reverse che invia all’output il solo segnale wet).

È dotato anche di Tap Tempo, ma non è una delle cose più comode del mondo, detto sinceramente. Per attivare la modalità basta tenere premuto lo switch d’accensione per qualche secondo fino a quando il LED comincerà a lampeggiare. Arrivati a questo punto possiamo anche scegliere come suddividere ritmicamente le ripetizioni selezionando tra crome, crome puntate e semiminime. Per farlo basta ruotare il controllo Time a ore 9 (comincerà a lampeggiare in verde) per le crome, ore 12 (arancione) per le crome puntate e ore 3 (rosso) per le semiminime.
Come dicevo, non è il massimo della comodità visto che per spegnere il pedale una volta entrati in questa modalità bisognerà tenerlo premuto ancora una volta e, quando il lampeggiare si sarà fermato, premere di nuovo per spegnerlo.



I punti forti di questo pedale, a mio avviso, sono sicuramente la possibilità di settarlo in modalità stereo (per chi può servire) e la particolarità dei suoni degradati, è possibile però anche usarlo come un normalissimo delay senza troppe pretese. Fantastiche le modalità Tape con Degrade a manetta e ripetizoni lunghe e quella Reverse per creare effetti al limite dello spettrale (più utili di quanto possa sembrare). Inoltre all’interno della confezione sono presenti un quadratino in plastica per tenere fermi i vari controlli e un pezzo di velcro, regali molto apprezzati.
Quello che correggerei è sicuramente lo scomodo Tap Tempo. Sarebbe inoltre molto gradito anche un comando rapido per fermare il delay nei settaggi più fuori di testa, onde evitare feedback o altri sgradevoli inconvenienti: qui forse il controllo Trails potrebbe essere essenziale, anche se io sono solito tenerlo fisso su On.
digitech effetti e processori gli articoli dei lettori obscura altered delay
Link utili
Obscura sul sito DigiTech
Altro da leggere
Pubblicità
L'incompresa Les Paul Classic...
Atlantic: chorus con vibrato e boost inclusi...
12 delay, loop e suoni stereo da EHX nel...
Tornano con Waza due insospettabili classici...
Pubblicità
Commenti
di jack182 [user #41282] - commento del 03/08/2018 ore 23:39:1
Molto bello, ne avevo già sentito parlare un gran bene. La funzione degrade è proprio figa!
Rispondi
di citizenkane [user #48645] - commento del 03/08/2018 ore 23:47:26
Uno dei miei migliori acquisti, giuro!
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/08/2018 ore 00:57:48
L'ho preso ed è in vendita adesso su mercatino, rimpiazzato da un flashback 2.
Non è un pedale stereo.
Nel senso: lavora esclusivamente in mono su due canali separati.
I delay sono monofonici, non c'è un effetto stereo.

Fa benissimo tape e analog delay. Digital delay mancante anche se si può emulare con lofi .
Solo in mono.
Rispondi
di citizenkane [user #48645] - commento del 04/08/2018 ore 01:01:21
Ah cavolo, ero convinto fosse stereo. A questo punto a cosa servono le doppie entrate e uscite, a splittare a random?
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/08/2018 ore 09:17:47
Gli ingressi e uscite stereo consentono di mantenere le due tracce stereo indipendenti. Il delay viene applicato in modo identico sulle sue tracce. Quindi se hai un effetto stereo come ad esempio un tremolo , un chorus, ecc. si potrà mantenere la separazione dei canali .
Altrimenti, questo effetto non produce suoni stereofonici nonostante le due uscite left right inducano a pensarlo. Per me questo pedale è stato una fregatura più che una delusione, cavarci fuori uno slapback decente è dura, ogni volta che giri una manopola fa i suoni di guerre stellari (scordati di utilizzarlo dal vivo).
E in più è finto stereo. Non lo consiglio a nessuno.
Rispondi
di aghiasophia [user #35493] - commento del 04/08/2018 ore 02:42:18
Io ho da anni fisso in pedaliera il dl8 hardwire. È molto simile a questo obscura, ne è in pratica l'antesignano: ha in più Digital fino a 8 secondi, slapback, modulated e un looper di venti secondi. In meno le interessanti funzioni tone e degrade.
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/08/2018 ore 09:21:54
Rispetto al DL8 questo ha le manopole per il degrado del segnale, ma non ha un Echo digitale, non ha un looper, e in sostanza fa bene solo questa cosa dell'eco a nastro rovinato. Dopo 1 settimana lo si prende, si rimette in scatola e via di mercatino.
Il DL8 è un'altra storia . Mica per niente da usato, pur essendo vecchio , costa quasi quanto un nuovo Obscura (Thomann: 110 pagato io).
Rispondi
di aghiasophia [user #35493] - commento del 04/08/2018 ore 16:46:35
Mica per niente ce l'ho a portata di piede da 7 anni ;)
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/08/2018 ore 18:02:31
Pazzesco quanto valida sia ancora adesso la serie hardwire!
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 05/08/2018 ore 13:23:38
gusto personale: a me non piace, perché sono per i pure analog (ad es. Carbon Copy).
gli effetti di degradazione sono uno sfizio del momento, ma credo si possano emulare con qualche plug-in personalizzato della TC electronic.
ovviamente le mie parole non significano che il pedale non sia buono o che il tuo acquisto sia errato: se ti piace, allora è un ottimo pedale, a prescindere dalle opinioni altrui ;)
Rispondi
di citizenkane [user #48645] - commento del 05/08/2018 ore 13:28:52
Gli analog mi sono sempre piaciuti ma non ne ho mai posseduto uno per troppo tempo, vedevo una limitazione nel ritardo, che era sempre troppo breve. Come suono però sono imbattibili!
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 05/08/2018 ore 20:49:30
confermo, sono bellissimi... non si vede proprio che mi piacciono eh?! ahahah

comunque prima anch'io la pensavo come te, il problema è che alla fine non ero mai contento; alla fine mi son deciso, ho preso l'analog che volevo, complice anche il fatto che avevano fatto uscire un nuovo modello completo delle featurings che lamentavo mancanti nel precedente.

nel caso in cui mi servisse un digitale per qualche suono in particolare o per qualche situazione (dato che per il mio suono è perfetto l'analogico), allora lo acquisterò.

prima o poi passerai anche tu al lato oscuro del delay ahahhahaa
Rispondi
di citizenkane [user #48645] - commento del 05/08/2018 ore 20:57:01
Fosse per me collezionerei vecchi Binson Echorec ahahah
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 05/08/2018 ore 22:38:
ahahahah grandeeee!!!
e marshall plexi, aggiungerei ;)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Viking: guerriero semiacustico oltre le epoche
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
Da EMG due set passivi per Stratocaster senza saldature
Il fascino del DynaSonic senza fruscii da Lindy Fralin
I più commentati
Doyle Bramhall II, "Shades": splendida ruvidità e genuinità artistica.
Chi ha inventato davvero il tapping
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
Maurizio Solieri, curiosando "Dentro e Fuori dal Rock'n' Roll"
Basso elettrico: studiare con il metronomo
I vostri articoli
L'incompresa Les Paul Classic
di Sykk
Altamira N200CE: una bella sorpresa
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
Una stratoide di nome Silver Sky
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964