CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
di [user #116] - pubblicato il

Un Tesla coil modificato sostituisce amplificatore e altoparlante nelle chitarre elettriche degli ArcAttack: il suono è prodotto da vere scariche elettriche.
La sperimentazione musicale non ha davvero limiti e, se la chitarra-lanciafiamme in stile Mad Max aggiunge sicuramente impatto scenico a una svisata, la sparafulmini degli ArcAttack porterà qualunque concerto su un livello successivo.

La band texana è famosa in rete per le sue esibizioni basate su tesla coil e gabbie di Faraday. Un’enorme bobina scatena fulmini producendo suoni nell’aria esattamente come farebbe un altoparlante, mentre delle tute appositamente progettate consentono agli artisti di attirare su di sé le scariche per effetti scenografici incredibili, in tutta sicurezza.



La chiave dello spettacolo è un dispositivo conosciuto come “singing Tesla coil”, una versione di Tesla coil modificata per modulare la frequenza delle scariche elettriche ad altissima tensione emesse nell’aria e trasformare così il ronzio in delle note ben precise.
Di fatto, il sistema sostituisce un comune cono e viene infatti chiamato “altoparlante di plasma”. L’effetto è tutt’altro che hi-fi e il risultato si avvicina a una forte distorsione da fuzz, un’onda quasi quadra che può ricordare un sintetizzatore.

Il gruppo è da ormai un decennio sulla scena, ma ciclicamente torna sotto i riflettori con un nuovo “giocattolo”. È recente la costruzione del Teslafuzz, un dispositivo interamente analogico il cui video sta facendo il giro del mondo in questi giorni, quando il chitarrista Alex Campbell ha fatto visita al laboratorio.



Non solo chitarra, ma anche programmazioni MIDI e altri strumenti fanno parte delle performance artistiche degli ArcAttack, come quella che hanno portato sul palco di America’s Got Talent.



La loro non si può certo dire una musica convenzionale. A metà tra il concerto, lo stunt e l’approfondimento scientifico, si avvale talvolta di programmazione al computer e supporti robotici. In alcuni video sul loro canale è possibile scovare alle spalle della componente umana del gruppo anche un batterista robot come quello del progetto Compressorhead, ormai reso famoso dalla partecipazione a innumerevoli fiere di settore.

arcattack curiosità elettronica
Link utili
La chitarra lanciafiamme
Gli ArcAttack su YouTube
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Il rumore aumenta se tocco le componenti metalliche
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964