CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
di [user #116] - pubblicato il

Possedere uno strumento Signature è una delle più grandi ambizioni per un musicista. Uno strumento scolpito sulle proprie esigenze capace di garantire, sempre, il proprio suono. Per questo, però, è necessario che il musicista possegga una consapevolezza matura e profonda del suono, in armonia tra personalità ed esigenza di versatilità. Traguardo non facile. Ne abbiamo parlato con Federico Malaman, bassista italiano più seguito e apprezzato a livello internazionale.
Quando ritieni che per un musicista siano maturi i tempi per avere un suo strumento Signature? 
Questa domanda non è per niente facile…a parere mio, il Signature può essere qualcosa che costruttore e musicista hanno deciso assieme, una sorta di tributo da parte del marchio verso il musicista. Ovviamente, ogni Signature dovrebbe avere delle caratteristiche diverse dallo strumento standard. Solo che, spesso, ci si dimentica quale sia il vero “signature” del musicista, ciò che lo differenzia da tutti gli altri: la mano, il gusto musicale, il modo di suonare.
A volte il Signature è fatto semplicemente per “vendere di più”, illudendo chi acquista il prodotto di avere, poi, lo stesso identico suono del musicista legato al modello dello strumento…
Molto probabilmente i tempi maturi per un signature ci sono nel momento in cui il musicista vuole qualcosa che ancora non trova, oppure c’è già, ma non soddisfa pienamente i gusti personali dell’artista. La combinazione con i marchi la vedo come quella che esisteva tra artista e mecenate di una volta: l’artista concede la propria immagine e abilità nel suonare ed il marchio supporta a livello pubblicitario il musicista, in modo che possa essere messo in risalto nelle riviste, nelle fiere, nei concerti. E' un Do ut des.

Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono

Tu hai il merito di esserti conquistato una condizione nella quale crei e fai  passare il tuo suono attraverso una catena ( basso, corde e amplificatore) che porta il tuo nome...
Sì, ho la fortuna di avere dei marchi straordinari che mi supportano e sopportano; che mi accontentano nelle richieste.

Esiste un filo rosso, una caratteristica che in qualche modo accomuna con un’impronta specifica i tuoi strumenti signature?
La cosa che voglio da qualsiasi strumentazione è che suoni bene già in flat (senza Eq) e penso non sia così facile trovare strumenti che non ti condizionino fortemente il modo di suonare.

Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono

Perchè il suono di uno strumento ti condiziona nel modo di suonare....
Certo: se un basso ha già di suo un suono troppo caratteristico, inevitabilmente, quando lo suono farò alcune cose e magari ne eviterò altre perché il suono con cui escono, non rispecchia il mio gusto. Soprattutto con lo Slap: se non mi piace il suono, non lo faccio!

A proposito di suono: sull'ampli del basso hai operato una ricerca accurata...
Si, con l’ampli ho fatto sudare sette camice a Donato di Proamp, per riuscire a farmi capire; non è facile intendersi se non padroneggi i termini tecnici,
le frequenze...I miei amplificatori Signature hanno delle differenze, rispetto ai modelli normali. Per esempio il Combo Malaman signature ha 550W, anziché i 300W di quelli standard. Nella testata, invece, l'EQ è stata customizzata  enfatizzando le frequenze medio-alte.

E le corde?
Le corde Iqs Malaman Signature  sono più morbide e scorrevoli. Brillanti il giusto, senza esagerare. Comode al tatto. Lunga durata. E, soprattutto, hanno un Low B che suona!

Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono

Chi sono stati, in termini di suono, i bassisti che ti hanno maggiormente inspirato? 
Uh troppi! Marcus Miller, John Patitucci, Jaco Pastorius, Andrew Gouchè, Richard Bona, Mike Porcaro, Flea, Alain Caron, Alan Henry Spenner, John Richard Deacon, Polo Jones, Randy Jackson, Faso, Saturnino, Paolo Costa, Alfredo Paixao, Massimo Moriconi, Dino D’Autorio, Dario Deidda…la lista è infinita. Che faccio, continuo? (risate)

Esistono due tipi di musicista: quello che impone il suo suono in ogni contesto e magari, proprio per questa caratteristica e forte personalità, viene coinvolto; e quello che - forse - non ha un suo suono così personale ma riesce ogni volta a creare quello giusto a seconda della situazione in cui si cala... Ti è mai capitato di chiederti quale fosse la cosa più giusta da fare?
Mi chiedo sempre quale sia il suono giusto per vestire un determinato brano.
Penso che sia giusto avere più di un suono e anche più modi di suonare, perchè il mondo musicale con il quale un musicista si confronta è vastissimo. Tento sempre di essere molto versatile: e mi piace anche ingannare chi mi ascolta, in modo da fargli scaturire la domanda “Ma veramente sei tu questo? Ma se fai sempre 1000 note?!…"
Essere versatili è fondamentale per chi come me ha svariati progetti con generi diversi: dal Funk al Pop, dal Jazz al Prog, dalla Fusion alla musica per Orchestra Ritmico-Sinfonica. Massimo Moriconi mi ha sempre parlato di “attinenza stilistica”, sia nel modo di suonare che nel suono. Te lo immagini un suono alla Jaco in “Smoke on the Water”? Oppure un suono Slap alla Flea in “Autumn Leaves” in trio con il piano? 



Il consiglio che ti capita più di frequente di dare ai tuoi allievi per raddrizzare, ottimizzare, mettere a fuoco il loro suono?
Solitamente tento di far nascere un suono dall’impostazione corretta delle mani, qualsiasi strumentazione lo studente possegga.
Purtroppo questo tipo di abilità, non la compri: se ti faccio un risotto, molto probabilmente potrà essere mangiabile; poi però, arriva mia mamma che è un artista in cucina e magari, con la sua manina fatata, lo modifica e quello stesso risotto diventa un piatto prelibato.
Questo per dire che ho visto grandi musicisti suonare e mettere le mani su ruderi riuscendo a ottenere suoni incredibili.
Il suono, comunque, è dentro di te: ovviamente, se hai anche un’ottima strumentazione, è più facile che la ricchezza sonora venga espressa in maniera totale.

 
Bassisti federico malaman intervista interviste
Link utili
Il sito di Federico Malaman
Il modello signature Mayones di Federico
La pagina di Federico sul sito di Proamp
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16
Simon Phillips: Suono & Accordatura
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Virgil Donati: mai farsi fuorviare dalle opinioni altrui
Sostituzioni Cromatiche
Adam Deitch: batterista e produttore
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
E' il suono che comanda
Quando il batterista è diventato protagonista
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Non ascoltare il metronomo. Sentilo
Lettura & versatilità
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
Seguici anche su:
News
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)
L'invenzione del talkbox: la storia del pupazzo Stringy




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964