CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Torna il Triangle Big Muff originale
Torna il Triangle Big Muff originale
di [user #116] - pubblicato il

EHX recupera il progetto del Triangle Big Muff dal 1969 e lo infila in un case Nano per inserire in pedaliera il suono che ha inaugurato i fuzz-distorsori.
Electro Harmonix celebra i 50 anni di attività nel 2018 con una replica fedele del circuito che l’ha consacrata nell’olimpo dei costruttori di effetti per chitarra. Il Big Muff originale, soprannominato Triangle e nella prima versione mai prodotta nel 1969, torna mezzo secolo più tardi in un pratico formato Nano e un prezzo accessibile a contrastare le importanti quotazioni di mercato raggiunte dalla controparte d’epoca.

Torna il Triangle Big Muff originale

Il Triangle Big Muff Pi, così ribattezzato dal pubblico per i tre vertici disegnati dalle manopole di Volume, Sustain e Tone, ha dato il via all’intera categoria di “muff”, vie di mezzo tra fuzz e distorsori caratterizzati da un timbro rombante, una pasta compressa e un sustain inverosimile, con un equalizzatore efficace che gli permette di suonare frizzante e sgraziato o gonfio e ingolfato, con tutte le sfumature che vi si trovano nel mezzo.



Per il 2018, il Big Muff V1 si arricchisce di funzionalità moderne come un LED di stato, switch true bypass e alimentazione possibile sia a batterie sia via alimentatore.
Visibile sul sito ufficiale a questo link, fa seguito al recente ritorno del Big Muff Op Amp, versione basata su un amplificatore operazionale nata negli anni ’70 e resa famosa dal rock alternative negli anni ’90.
effetti e processori electro harmonix triangle big muff
Link utili
Big Muff Op Amp reissue su Accordo
Triangle Big Muff Pi sul sito EHX
Nascondi commenti     8
Loggati per commentare

di Piazza [user #31749]
commento del 10/09/2018 ore 11:27:25
Amo la Electro Harmonix, mi piace proprio la filosofia che hanno nel realizzare i loro pedali.
Costruiscono prodotti originali (quasi tutti progettati interamente da loro) da cinquant'anni a prezzi assolutamente accessibili: odiano tendenzialmente i prezzi vintage o gonfiati per qualche componente esoterico o altro (che alla fine a livello industriale costeranno sempre qualche centesimo bene o male) e lo si può vedere benissimo dal Soul Food o da questo Triangle.

Senza contare che Bill Ruppert (insieme a RJ Ronquillo) è il mio dimostratore preferito, è troppo bravo.
Rispondi
di c9 [user #37327]
commento del 10/09/2018 ore 12:10:16
L'happy problem è che adesso con tutte le reissue che ci sono a disposizione è un bel casino scegliere il muff giusto!
A meno di non comprarli tutti... :-))
Rispondi
di eliasalis [user #46854]
commento del 10/09/2018 ore 12:28:24
L'ho ordinato nei giorni scorsi, se tutto va bene tra il 17 e il 20 dovrei riceverlo.
Sono molto curioso, adesso ho il Green Russian Reissue e mi sono trovato molto bene.
In passato ho avuto il Big Muff Pi e di quello non ero particolarmente contento, sia per il suono, ma anche per la rumorosità. Dopo sono passato al Bass Big Muff e devo dire che era già meglio.
Il Green Russian è una spanna in alto!
Attendo l'arrivo del Triangle Muff...
Poi deciderò in base al suono...
Sicuramente con queste "reissue" hanno migliorato tantissimo.
Chissà che prossimamente non arrivi anche il Ram's Head reissue...
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 10/09/2018 ore 17:45:18
Probabile, tra un modello e l'altro (OpAmp escluso) basta cambiare i valori dei componenti.
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 18/09/2018 ore 17:24:24
vai al link
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 18/09/2018 ore 20:38:55
Lo conosco, sembra un bel pedale, ma costa come un piccolo amplificatore.
La manopola agisce sicuramente sui valori dei componenti del tone stack.
Ci sarebbero anche altri componenti che cambiano ma è comunque una buona approssimazione.
Volendo un Muff versatile però ne preferirei uno con controllo continuo del range dei medi, e non che faccia selezionare solo alcuni valori prestabiliti.
Che poi ne ho già progettato uno:
vai al link
Rispondi
di c9 [user #37327]
commento del 10/09/2018 ore 22:42:09
Tra l'altro sarebbe bellissimo averli tutti in pedaliera da provare per capire effettivamente le diversità, abbinandoli a differenti overdrive messi prima o dopo anche.
So di dire un'eresia per gli intenditori ma ad un orecchio non preparato sembrano tutti molto simili.
Rispondi
di Spada666 [user #48488]
commento del 11/09/2018 ore 15:10:41
Che stile
Un must dei muff
Curiosissimo di provarlo
Rispondi
Altro da leggere
Dark Sun: delay e riverbero in uno da Seymour Duncan
MXR Custom Badass Modified OD: alternativa al TS?
Wah Joyo con pedale volume incorporato
Pugilist: da Fender una distorsione cattiva e pungente
Space Commander: gli anni ’80 si fanno in tre
Synth 1: sintetizzatore per chitarra secondo Keeley
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964