CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Togliere sporco nero da tastiera acero

di [user #39871] - pubblicato il
Ciao a tutti, ho una Strato con manico in acero, verniciata con uno strato sottile di nitro. Da poco sono comparse delle macchie nere sulla tastiera proprio in prossimità delle parti che uso maggiormente.

Non penso sia relic perché il relic di una tastiera di acero dovrebbe essere bianco, in quanto quando se ne va via la vernice, il legno riprende il suo colore originale, ovvero il bianco dell'acero.
Tempo fa ci passavo il lemon oil (olio di limone) della dunlop, ora invece ci passo un prodotto a base di cera d'api.

Cosa potrei usare per togliere queste macchie nere?
Dello stesso autore
Ponticellare input di una testata a 4 input. Come funziona?
Hiwatt Custom 100 e impedenza
Uscita Headphones nel mixer?
Sondaggione: Pedaliere inclinate vs Pedaliere "con scalino"
La prova che la Stefy Line fa cose davvero buone
Appendere la chitarra al muro: pro e contro?
Amplificare Acustica piezo o trasduttore? E il pre?
Consulenza: TC Electronic Flashback x4 toneprint editor
Loggati per commentare

di pg667 [user #40129]
commento del 10/09/2018 ore 13:13:10
l'acero quando perde il trattamento protettivo tende ad annerirsi, non credo sia sufficiente pulirlo.
a me è successo su una SG con tastiera in acero, si sta scurendo tutta, ma è una cosa naturale.
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 10/09/2018 ore 13:53:20
Come sta scritto sul flacone, il lemon oil NON va usato su tastiere in acero, quindi potrebbe proprio essere stato compromesso lo strato superficiale della vernice.
Vai da un liutaio.
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 10/09/2018 ore 14:03:09
C'è scritto di non usare il lemon oil sulle tastiere in acero perché essendo verniciate non ha l'effetto nutrente che ha su quelle in palissandro. Lo puoi leggere sul sito della dunlop nelle domande frequenti.
Rispondi
di Lucifer [user #46960]
commento del 10/09/2018 ore 16:42:
Non si deve usare il lemon oil sulle tastiere di acero perchè lo stesso essendo acido corrode la vernice protettiva della tastiera. Questo il sito della Dunlop non te lo dice! :)
Rispondi
di umanile [user #42324]
commento del 10/09/2018 ore 14:15:13
Ciao!
Se le macchie sono semplice sporco (e d'estate le chitarre tendono a sporcarsi di più per via delle mani più umide), basta un panno umido (umido non fradicio!) e olio di gomito per le tastiere in acero.
Se invece sono segni dovuti al troppo suonare, c'è poco da fare, te li devi tenere!
Ma onestamente hanno il loro fascino!

Questi sono i tipici segni dovuti all'avere suonato tanto un manico in acero, non sono bianchi per nulla:
vai al link
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 10/09/2018 ore 16:40:37
Non sono proprio così marcate, ma per il momento si vedono solo controluce. Ho cambiato le corde e ho pulito il manico con il prodotto a base di cera d'api e si sono sbiadite un po'
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 10/09/2018 ore 14:15:43
Devi capire se il sottile strato di vernice alla nitro è ancora presente.
Perché se la vernice non è sparita, è semplice sporco depositato, quindi lo togli anche con un semplice straccetto appena bagnato con acqua.
Se invece la vernice si è consumata, l'acero si è impregnato, quindi difficilmente lo togli... fa l'effetto di quelle tastiere di acero reliccate, naturalmente, o artificialmente, che piacciono tanto.
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 10/09/2018 ore 16:46:04
Quando ho cambiato le corde, con un po' di prodotto e di olio di gomito sono diminuite, ma se guardo in controluce si vedono un po'
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 10/09/2018 ore 17:46:15
Allora credo che la vernice si sia consumata in quei punti e il legno abbia assorbito.
L'acero è molto chiaro e il contrasto si vede subito.
Presumo che tu li debba tenere così, anzi col tempo aumenteranno.
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 10/09/2018 ore 18:16:34
Le ombrature sulla vernice le togli con uno spray disossidante tipo Philips o WD40, imbevendo un cotton fioc e strofinandolo leggero (sono a base petrolifera e sono compatibili sia con la nitro che con la poliuretanica), come per tutte le prime volte prova solo in un punto sporco e vedi il risultato; finita la pulizia ripassa con alcool per togliere i residui untuosi. Se manca la vernice il legno berrà il prodotto e di conseguenza la sua base untuosa, eviterei, anche se probabilmente sarà di un colore giallo pallido, quindi meno scuro della colorazione che ti infastidisce. Buon lavoro, Paul.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 11/09/2018 ore 07:54:53
Non diamo informazioni sbagliate, sulla nitro il WD40 non si usa, in generale tutti i lubrificanti non vanno bene, men che meno l'alcol, a meno che tu non voglia rimanere senza vernice!!

Al massimo un polish senza silicone ma proprio al massimo.

Solo per l'autore il lemon oil non si usa su tastiere verniciate.
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 11/09/2018 ore 09:57:3
Sulla mia strato mapleneck made in japan dell'83, alla prima comparsa di ombre su tre tasti le ho eliminate così, ripeto sulla vernice con un cotton fioc. Uso, per lavoro lo spray Philips dall'gli anno '80 (per eliminare adesivi e pulizia in generale) e da quando non si trova più il suo clone il WD40 su tutti i tipi di apparecchiature verniciate (smalto sintetico, nitro, poliuretanica, povere ecc.), in plastica, plexiglass ecc. (non su legno vivo), mai avuto un problema. Come per tutte le prime volte ho consigliato di provare in un piccolo punto laterale. Tutto ciò che leggiamo va considerato INDIZIO da verificare, mai prendere per oro colato, ma prima di contestare occorrerebbe provare. Saluti Paul.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 11/09/2018 ore 12:27:09
Paul, la tua made in japan dell'83 è verniciata alla poli tastiera compresa, puoi pulirla anche con il napalm non si rovina. la vernice alla nitrocellulosa è altra cosa e non è un "INDIZIO" il FATTO che alcol e derivati non vadano bene, guarda un semplice poggiachitarra cosa può fare vai al link
Anni fa c'era la moda di usare la nafta per la nitro, non ovviamente direttamente sulla chitarra, solo che anche questo a lungo andare rovina la vernice, c'è ampia letteratura in merito, vai su TGP ad esempio.
Un polish dedicato senza silicone è sempre la migliore scelta, poi uno è libero di sperimentare ciò che vuole sui propri strumenti ;)
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 11/09/2018 ore 12:59:42
La mia strato made in japan è verniciata alla nitro con spessore finissimo. La vernice alla nitro, quella che per diluirla occorre il diluente nitro, quella usata per le auto fino a d alcuni anni fa, ora vietata in quanto tossica (e sostituita sulle auto con quella all'acqua che dura solo pochi anni a differenza della nitro), è una vernice robustissima; la poliuretanica (plastica) deve la sua robustezza soprattutto all'elevato spessore, che mal si addice a strumenti che devono risuonare, eppure ora molti sono verniciati così. Avendo esperienza di ciò ho utilizzato il metodo sopradescritto con esito positivo e senza nessuna conseguenza. Ho raccontato la mia esperienza, poi ognuno può fare quello che vuole; tieni presente poi, che il Philips è un disossidante per contatti elettrici a base di petrolio, e a ciò deve il suo potere detergente e non un lubrificante, lascia, è vero, dei residui oleosi, da togliere con l'alcool. Tu, a differenza di me, parli solo per aver letto, almeno per quanto hai scritto fin' ora. Saluti Paul.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 11/09/2018 ore 14:26:37
ah... quindi la tua è una ST85 o 115 le uniche con finitura nitro, mentre le altre seppur coeve hanno una finitura in poliestere bella sottile a dire il vero, in ogni caso una bella chitarra.
il tuo seppur ammorbidito "Tu, a differenza di me, parli solo per aver letto..." non lo commento.
In ogni caso a differenza della poli, come ben saprai, per la nitro è essenziale utilizzare prodotti che non fungano da diluenti della stessa vernice e quindi vista la maggior delicatezza della finitura, è importante porre tutte le attenzioni del caso nella scelta del prodotto da utilizzare, nella fattispecie un polish è sempre più indicato vista la plasticità del materiale da trattare.
Va meglio così?
Ciao
Ale
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 11/09/2018 ore 14:54:36
Ciao Ale, la mia è una STC '57 dell' '83, ed è verniciata alla nitro.
La "kriptonite" della nitro è il solvente nitro che anche passato con un cotton fioc ha il potere di opacizzare prima e scolorire poi la vernice; la spray Philips, ti ripeto, non ha nessuna controindicazione a riguardo, è normalmente usato per togliere adesivi e ripulirne la colla dalle carrozzerie delle auto verniciate a nitro, ed anche quelle odierne ad acqua molto più delicate, non solo non le opacizza ma dopo la pulizia la superficie risulta più brillante in quanto riportata a pulito. Relativamente al fatto che io abbia notato che tu, a differenza di me, non parli per esperienza personale è un dato di fatto oggettivo: questo si evince dalle tue parole e null'altro.
In ogni caso se vuoi passare dalle letture ai fatti, puoi provare su di un punto nascosto della tua auto (così non corri rischi) sia che sia verniciata a nitro od acqua e vedrai che viene più bella. Il mio comunque voleva essere un contributo di esperienza personale a Steve15, che tra l'altro per ora non è intervenuto, non un contraddittorio fra me e te che penso non interessi a nessuno, considero perciò concluso il mio contributo all'argomento, a meno che qualcuno non abbia domande diverse sulla questione. Ciao Paul.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 11/09/2018 ore 15:18:56
Ad maiora!
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 10/09/2018 ore 16:24:26
Ti dirò: al manico della mia sono stati tolti i tasti, cartavetrata, rilucidata e rimessi i tasti e le macchie sono rimaste.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/09/2018 ore 23:04:36
per la pulizia di parti verniciate a nitro ho ottenuto ottimi risultati con prodotti a base di cera di carnauba
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 11/09/2018 ore 10:14:2
Grazie a tutti, ovviamente prima di provare qualsiasi cosa verificherò. Su una cosa mi sembrate tutti (o quasi) d'accordo, ovvero di non mettere l'olio di limone sui manici verniciati. Quindi mi sa che partirò da questo
Rispondi
di Toby [user #27677]
commento del 11/09/2018 ore 13:18:35
La verniciatura si è consumata e lo sporco ha scurito i tasti, normale!
Solitamente uso chitarre con tastiere in palissandro, che pulisco con prodotti cera d'api o cose del genere, cremose e non aggressive. Per eliminare i segni di sporco un panno umido o delle sgrassante non aggressivo.
Comunque ci sono molti prodotti specifici per chitarra adatti a risolvere il tuo problema!
Ciao!
Rispondi
di acevh63 [user #47139]
commento del 11/09/2018 ore 16:58:52
Per Stewe15:
...ma hai mai notato il fascino della tastiera in acero della prima Frankenstrat di Edward Van Halen..?
Magari fra un paio di annetti la osserverai felice... ;-)...
Comunque, sul lemon oil starei tranquillo... non è lui il responsabile. La vernice nitro è delicata per i graffi e per qualche prodotto molto aggressivo, ma non è sensibile al lemon oil della Dunlop, che è invece molto delicato. Per dirti...: sulla mia flying v, body nero verniciato a nitro, ci finisce abbondantemente sopra da trent'anni nel pulire la tastiera e non ha mai avuto alcun effetto, anzi mi toglie l'alone di sudore creato dall'avambraccio destro nella parte alta del body.
É semplicemente il sudore delle tue mani che agisce, cosa normalissima, combinato con lo sfregamento delle corde, che è - questo sì - molto abrasivo. Ma non è stato certo il pannetto di cotone imbevuto con il lemon oil.
Rispondi
di Quick utente non più registrato
commento del 12/09/2018 ore 15:08:32
Mi aggiungo ai commenti: NO Lemon oil su nitro: a lungo andare la opacizza e se ci metti troppa foga nel fregare la diluisce. Se la finitura è ancora presente prova con il gentle polish per vernici nitro della Gibson. Sì acquista in molti negozi ed è un prodotto specifico per questo tipo di finitura. Ne posi poco su un panno di cotone senza pelucchi, freghi poco e con movimenti più larghi possibili e dopo un minuto torna tutto come nuovo.
Se la finitura se n'è andata e lo sporco nerastro è sul legno c'è poco da fare: resta lì perché ha impregnato le fibre. Non c'è rimedio efficace. Ma è il bello delle tastiere di acero un po' vissute.
Rispondi
di Quick utente non più registrato
commento del 12/09/2018 ore 15:14:54
Aggiunta: il prodotto qui sopra come altri del resto si presta anche ad un uso più intensivo sul retro del manico verniciato alla nitro, se ti da fastidio il classico feel "appiccicoso" che questa finitura dona ai manici.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
“Bella Ciao” la versione di Marlene Kuntz e Skin
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Raf e Tozzi , il 30 aprile inizia il tour
Eko CS 10: una buona classica per tutte le tasche
Kleisma: piattaforma professionale per musicisti
Trasformare il nervoso in una melodia allo slide
Teoria, musica d'insieme e ascolti guidati per i batteristi
Frontiers Rock Festival VI , il 27 e 28 aprile al Live Music Club
Gli artisti devono essere inguaribili ottimisti
Millencolin due date live in Italia
Bose Professional, innovazione e tradizione a MIR 2019
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964