HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream
La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream
di [user #116] - pubblicato il

La Les Paul in edizione ultra-limitata dedicata a Slash ricalca le sue '58 preferite e introduce un'introvabile tastiera in palissandro brasiliano.
Gli occhi dei musicisti sono ancora puntati sulle vicende che hanno portato il gruppo Gibson sull’orlo del fallimento, ma la divisione Gibson Guitars sembra ben lungi dallo sventolare la bandiera bianca e la produzione procede a pieno regime. Il catalogo 2019 promette una semplificazione delle scelte per un ritorno ai fasti delle origini, ma non mancano chicche per i collezionisti e per chi vede coincidere la propria passione per lo strumento musicale con una vera mania per la ricercatezza.
Brazilian Dream è il nome dell’ultima Les Paul partorita dal dipartimento Custom e lancia un forte segnale a chiunque avrebbe voluto il marchio già morto e sepolto con uno strumento esclusivo, il più costoso attualmente in produzione, e con dettagli costruttivi riservati a pochi fortunati abbienti.

La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream

Progettata in collaborazione con Slash, ambassador Gibson e tra i più proficui endorser del marchio, la Brazilian Dream è di fatto una Historic cucita sulle precise caratteristiche che il chitarrista dei Guns apprezza maggiormente nelle sue Les Paul d’epoca preferite. Ciò che ne deriva è una replica maniacale di una Les Paul del 1958 in finitura Dark Burst impreziosita da un’introvabile tastiera in palissandro brasiliano.

La firma del chitarrista aggiunge alcuni tocchi esclusivi come una custodia personalizzata e una serie di oggetti da collezione a lui legati.

La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream

Immancabile è l’accostamento di un body in mogano con un top in acero, qui privo di fiammature per restare fedeli agli standard dell’epoca di riferimento.
Il manico è in mogano a tenone lungo e con profilo ’58, tondeggiante e generoso nelle misure.
La tastiera in palissandro brasiliano è sagomata in un raggio di curvatura da 12 pollici per 22 tasti medium Jescar. Slash garantisce che l’influenza di tale legno è evidente non solo per la resa estetica dell’insieme, ma anche per il modo in cui le note sono capaci di fiorire in maniera organica e profonda nei toni.

Caratteristiche d’epoca comprendono meccaniche Kluson Deluxe Single Band e l’immancabile ponte Tune-O-Matic, qui un ABR-1 con tailpiece in alluminio per contenere il peso e massimizzare le vibrazioni.
I pickup Custombucker con magneti in alnico III lasciano le plastiche nere a vista e sono cablati a potenziometri CTS da 500k per volumi e toni CTS da 500k, con dei condensatori Bumblebee e selettore Switchcraft a completare il circuito.

Anche le plastiche nere intorno al jack e al selettore con punta color ambra riprendono esattamente le caratteristiche degli originali d’epoca. Incluso nella confezione è anche un battipenna nero a singolo strato, ma non viene montato di fabbrica per lasciare al chitarrista la scelta.



La chitarra, visibile sul sito Gibson a questo link, accompagnerà Slash nel Living The Dream Tour e sarà costruita in soli 150 esemplari per la distribuzione presso rivenditori selezionati. Data la natura esclusiva sembra che, per il momento, per mettere le mani su una Brazilian Dream sarà necessario rivolgersi al mercato statunitense.
brazilian dream 1958 chitarre elettriche gibson les paul slash standard
Link utili
Les Paul Brazilian Dream sul sito Gibson
Altro da leggere
Pubblicità
La passione segreta di Slash per la...
Come suona la chitarra in una camera anecoica...
Chi ha inventato davvero il tapping...
Calcolare la distanza dei tasti col fanned...
Pubblicità
Commenti
di c9 [user #37327] - commento del 02/10/2018 ore 11:01:59
Ancora...
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 03/10/2018 ore 13:35:21
per fortuna c'è epiphone che spara fuori un po' di signature perchè la gibson ne ha proprio pochine :(
Rispondi
di sepu89 [user #48490] - commento del 02/10/2018 ore 11:27:22
bella, niente da dire ma, immaginando che costi un'esagerazione "con dettagli costruttivi riservati a pochi fortunati abbienti" cosa cambia da una custom?
Rispondi
di Abraradam [user #1977] - commento del 02/10/2018 ore 12:16:56
solamente 150 esemplari...oggi mi sento fortunato!
Rispondi
di VgS Master [user #48819] - commento del 05/10/2018 ore 14:17:32
Le vgs sono più belle ed introvabili! Non costano 8000€ ma almeno non sono cinesate visto ke ha solo 3 pots ed i normali sd, o emg, dipende dai colori dei top... Quindi la brazilian costerà oltre i 10.000€ solo xké é na custom promozionale? Fate più pena di ki compra Fender pur sapendo ke skiavizzano l'intero sud est asiatico, per ke cosa? 2 pezzi di legno messi insieme da 4 viti e qui li avete pure massacrati per cose tipo lacabro da 7000€ o le Parallel ke sembran uscite dal Warmoth cinese😂. VgS è made in EU, approvati da Vladimir Putin e da Me! Provateli senza remora da nerd utopici, xké io li amo, anke se i bassi montano tutti dei bartolini x fissa mia
Rispondi
di VgS Master [user #48819] - commento del 05/10/2018 ore 14:17:34
Le vgs sono più belle ed introvabili! Non costano 8000€ ma almeno non sono cinesate visto ke ha solo 3 pots ed i normali sd, o emg, dipende dai colori dei top... Quindi la brazilian costerà oltre i 10.000€ solo xké é na custom promozionale? Fate più pena di ki compra Fender pur sapendo ke skiavizzano l'intero sud est asiatico, per ke cosa? 2 pezzi di legno messi insieme da 4 viti e qui li avete pure massacrati per cose tipo lacabro da 7000€ o le Parallel ke sembran uscite dal Warmoth cinese😂. VgS è made in EU, approvati da Vladimir Putin e da Me! Provateli senza remora da nerd utopici, xké io li amo, anke se i bassi montano tutti dei bartolini x fissa mia
Rispondi
di VgS Master [user #48819] - commento del 05/10/2018 ore 14:17:34
Le vgs sono più belle ed introvabili! Non costano 8000€ ma almeno non sono cinesate visto ke ha solo 3 pots ed i normali sd, o emg, dipende dai colori dei top... Quindi la brazilian costerà oltre i 10.000€ solo xké é na custom promozionale? Fate più pena di ki compra Fender pur sapendo ke skiavizzano l'intero sud est asiatico, per ke cosa? 2 pezzi di legno messi insieme da 4 viti e qui li avete pure massacrati per cose tipo lacabro da 7000€ o le Parallel ke sembran uscite dal Warmoth cinese😂. VgS è made in EU, approvati da Vladimir Putin e da Me! Provateli senza remora da nerd utopici, xké io li amo, anke se i bassi montano tutti dei bartolini x fissa mia
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 02/10/2018 ore 12:31:4
Potrebbero fare ben altro invece di queste cose qua.
Rispondi
di Jho81 [user #41556] - commento del 02/10/2018 ore 15:27:07
Ad esempio potrebbero abbassare i prezzi e tornare a fare cose di qualità.....
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 02/10/2018 ore 16:18:30
Amen!
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 02/10/2018 ore 19:01:37
Io, invece, penso che sia una mossa commerciale azzeccata: l'azienda viene da un periodo turbolento di cui il marchio ha risentito, possiede una controllata per soddisfare il mercato cheap, quindi è coerente che tenti di riportare in alto il suo nome con strumenti di qualità. Quindi se si tratterà veramente di uno strumento qualitativamente eccelso, bene, altrimenti sarà una truffa.
Ciao
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 02/10/2018 ore 14:11:10
qui sei al TOP, poi ci sono gli accessori di slash, fantastica ma poi cosa puoi prendere di così bello?
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 02/10/2018 ore 20:20:13
Vuoi una lista in quanti punti?
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 03/10/2018 ore 13:30:51
no dai, ci sono chitarre bellissime ma questa è fantastica, solo il legno è pazzesco, poi essendo signature slash tra 10 anni vale il doppio, è pazzesca, forse la slash col PIEZO potrebbe essere meglio
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 02/10/2018 ore 14:12:20
A guardarla non ha niente di cosi esclusivo o desiderabile, anzi visivamente me par proprio cheap
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 03/10/2018 ore 13:32:07
si va be, sai almeno di che legni stiamo parlando??????? tu sei fuori
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 03/10/2018 ore 14:23:09
Considerando che non hai nemmeno provato a sentire una mia risposta a riguardo, e che stiamo parlando (come detto sopra) di un brand che spacciava (spaccia?) dei caps da 2€ per BB a venti volte tanto, mi viene da pensare che sia tu a non saperlo. Meglio così, mi risparmio il disagio di doverti rispondere a modo.
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 04/10/2018 ore 16:34:29
si va be adesso sono i caps a fare il valore della chitarra ahahahahahhahahahaha mi fai ridere
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 04/10/2018 ore 16:34:33
si va be adesso sono i caps a fare il valore della chitarra ahahahahahhahahahaha mi fai ridere
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 04/10/2018 ore 19:21:09
Bravo bravo ridi, sei più credibile.
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 05/10/2018 ore 14:17:45
ma si, scusa ma te lo devo chiedere, l'hai mai provata una les paul del custom shop? un slash magari.. non cambi più te l'assicuro
Rispondi
di VgS Master [user #48819] - commento del 05/10/2018 ore 14:19:13
Pure la slash goldt
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 05/10/2018 ore 17:32:50
Les Paul CS diverse, mai una Slash tuttavia. E ti dirò, mentre alcune mi hanno piacevolmente attirato, come è giusto che sia per uno strumento di quel prezzo, altre mi hanno lasciato indifferente quando non perplesso per le problematiche estetico funzionali che ho visto. Voglio dire, per quei soldi non puoi mettermi in mano uno strumento con le sbavature di colla che escono dai tasti, con il fillering grossolano attorno agli inlays (di cui alcuni storti), con una tastiera di circa 1 mm complessivo più larga del manico che la ospita (con sgradita sensazione tattile al seguito, ovviamente), con il manico non perfettamente allineato e conseguentemente fuoriuscita del cantino nei registri altri,con il nut malsagomato e la conseguente perdita di accordatura ogni tre minuti...non me le puoi far vedere 'ste robe!
Rispondi
di stratocaster2006 [user #14426] - commento del 02/10/2018 ore 15:41:
Riguardo i prezzi delle Gibson se ne potrebbe parlare per giorni, vorrei porre l'attenzione solo su una cosa, se finalmente riusciamo a comprare un Gibson, magari dopo aver fatto dei sacrifici spendendo 2000/3000 euro, scopriamo per esempio che il nostro amato condensatore "bumblebee" è un tarocco.
Un condensatore Wesco (USA) da circa 2 $ messo dentro un'involucro finto bumblebee che sul sito Gibson vendono a circa 40 $ la coppia e che normalmente montano sulle Historic e/o VOS, molti di voi già sapranno di questa cosa cmq chi non è al corrente guardi il video che vi allego. Ciao
vai al link

Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 02/10/2018 ore 15:54:11
..si guarda, scandalosa sta cosa
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 03/10/2018 ore 09:22:49
verissimo ma non attaccabile legalmente in quanto Gibson non ha mai parlato di condensatori bumblebee ma di specifiche simili....furbetti
Rispondi
di BillyU [user #14094] - commento del 03/10/2018 ore 22:24:11
Finchè continueremo a credere che il carta e olio suona meglio del condensatore in mylar o polipropilene e altre amenità simili ci meritiamo queste prese in giro.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 02/10/2018 ore 15:48:34
L'unico "brazilian dream" che riesco a concepire...vai al link
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 02/10/2018 ore 15:55:48
ahahahahaahah :D
Rispondi
di vandergraaf [user #24385] - commento del 07/10/2018 ore 14:15:06
altro che custom shop....ahahahahah
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 02/10/2018 ore 15:54:25
Lasciamo stare l'operazione di marketing,lasciamo stare pure la chitarra in questione,ma a Gibson io non darei mai 3000 euro quando esistono alternative come Heritage,Fgn,Esp etc etc per non citare Duesenberg,Knaggs....
Lo stesso discorso vale per Fender.
Magari dovremmo smetterla di pensare al blasone,del resto pure il Pro Vercelli s'è vinto N scudetti e ora chi lo sa in quale serie è...
Rispondi
di Jho81 [user #41556] - commento del 02/10/2018 ore 16:36:23
Infatti io mi accaparro a breve una bellissima vintage lo usata ;)
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 02/10/2018 ore 19:04:04
Concordo con te al 100%, ma spesso mi devo scontrare con la dura realtà di chitarristi che considerano una chitarra progettata 60 anni fa e realizzata a macchina, migliore di una progettata 10 anni fa con a bordo soluzioni tecniche oggettivamente migliori e che costa 1/3. Pazienza
Ciao
Rispondi
di Jho81 [user #41556] - commento del 02/10/2018 ore 19:51:0
:) mi fa piacere. Nel mio post di qualche giorno fa sono stato criticato perché ho detto che le uniche gibson les paul valide erano quelle degli anni 90 X°D! Io se trovassi una studio di quegli anni la prenderei al volo. Ma comprare una LP ora no... non vale quei soldi. Adesso quando mi arriva la Vintage la tengo così per un po' poi ci monto i pickup di slash. Secondo me suonerà più quella da les paul che una attuale gibson!
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 02/10/2018 ore 21:28:03
Scusami ma quanto si può prendere sul serio questa affermazione?
😁😁😁
Non sarebbe bello gioire di ciò che si ha senza stare a pensare che suona meglio di questo o di quell'altro?

Non penso che la tua chitarra e una Gibson Les Paul appartengano alla stessa categoria quindi perché porle in competizione?
Potresti seriamente paragonare una Panda ad una Audi?

La tua affermazione poi sulle Gibson LP studio degli anni 90 non la commento neanche..

Con rispetto.
Rispondi
di diaul [user #33456] - commento del 03/10/2018 ore 08:22:38
"La tua affermazione poi sulle Gibson LP studio degli anni 90 non la commento neanche..
"
Sorry, me la puoi spiegare?
Nel senso, come finiture sicuramente è inferiore alle Std (ed anche il prezzo del usato lo è), però per il resto se la gioca tranquillamente con la sorellona.
E lo dico in quanto possessore di entrambi (una del 92, l'altra del 94).
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 08:46:3
Niente da spiegare, leggi e valuta😔
vai al link
Rispondi
di Jho81 [user #41556] - commento del 03/10/2018 ore 09:06:33
Ma infatti quelle degli anni 90 e 80 erano vere Gibson LP ma dopo queli anni stop ci hanno propinato solo legna per il camino. Quelle demi oggi non suonano..... Non c'è niente da fare. Prova a suonare una Gibson anni 80 e una di oggi sentiari la differenza!
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 09:29:00
Guarda, ti dico solo questo.
Da sedici anni possiedo una Gibson Les Paul Custom1980, quindi so di cosa parlo.
Possiedo altresì una 335 recente ed una R8 di una decina d'anni.
Nel frattempo ho suonato molte Gibson, i miei amici ne hanno parecchie di tutte le annate.
Risultato?
Tu dici una grossa stupidaggine.
Fai anche solo un sondaggio qua dentro, però fra persone che suonano Gibson e ti rendi conto della cretinata che hai scritto.
Dai davvero perdi credibilità a fare queste affermazioni.
Fatti un po'di esperienza poi vedrai che te ne rendi conto da solo.

Con rispetto.
Rispondi
di diaul [user #33456] - commento del 03/10/2018 ore 09:41:05
Mah, non concordo molto con questo tuo pensiero (con rispetto parlando chiaramente).
Pure io preferisco roba anni 90, ma è più che altro questione di feel per quanto mi riguarda.
Per un periodo ho avuto 6 Les Paul di varie annate; la più vecchia era del 1990, la più giovane del 2007. Scambiando opinioni con miei amici (chitarristi), 2 di loro comunque preferivano quella del 2007.
Solo che non capisco perché ci sia questo accanimento contro le Studio, e dal tuo articolo precedente non ne traggo alcuna conclusione.
C'è da dire, a tua difesa, che ho provato di recente una Studio Alpine white (mi pare 2012 o giù di li) che aveva una vernice plasticosa da far schifo.
Rispondi
di Jho81 [user #41556] - commento del 03/10/2018 ore 09:49:58
Mica mi sto accanendo contro le studio. Ho detto che le studio degli anni 80 erano chitarre fatte come si deve... Quindi ottime. Le Gibson LP di ora non potranno mai essere come quelle di una volta perché hanno messo paletti sui legni e quindi per guadagnarci su la Gibson ti mette lì una chitarra che ti sembra suoni bene ma è fatta con legni che non valgono una cippa. Te la fanno bella a vedersi per convincerti che vale quei 4000 mila euro che tu devi spendere per comprartela......
Rispondi
di diaul [user #33456] - commento del 03/10/2018 ore 10:03:05
Il mio commento sulle Studio era riferito a dale (ammesso e concesso che non ci sia stato un fraintendimento) e più in generale a tanta gente che negli anni ha espresso opinioni negative sulle Studio; quindi forse mi son espresso male, ma non mi riferivo a te ;-).
Ti dico però, senza offesa, di non illuderti sulle copie economiche; sicuramente c'è roba buona anche in questa fascia di prezzo, ma credo che il gap con le originali (anche di recente produzione) sia comunque palpabile. Forse il delta di prezzo non è proporzionale, non lo so perché non ho competenza in materia, però c'è.
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 10:15:28
Le Studio sono buone chitarre, Gibson a tutti gli effetti.
Mi pare pacifico.
A me piacciono pure le Tribune con P90, mi hanno colpito favorevolmente.
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 12:17:02
Guarda,io non credo siano "fatte male",ne che i materiali/legni siano scadenti.
E credo sia "sbagliato" paragonare uno strumento di 300 ad uno di 3000.
Questo non vuol dire,a rigore di logica,che assolutamente uno strumento di 3000€ suoni 10 volte meglio,o anche solo 5,ma c'è un criterio di qualità oggettiva.
Top ultrafiammati,binding in madreperla,segnatasti a volo d'uccello e quant'altro non faranno suonare meglio una chitarra,ma comunque la elevano qualitativamente,così come fanno assemblaggi a regola d'arte e materia prima di livello che anche se (in maniera del tutto ipotetica,faccio un discorso di principio) non dovessero influire sul suono,influiscono su altri aspetti.
Che poi gli strumenti blasonati (e specialmente mmmericani) abbiano un rapporto q/p svantaggioso sono il primo a sostenerlo.
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 03/10/2018 ore 17:02:02
Mi intrometto: ho una Les Paul anni 90 (97) e una PRS, tra le varie altre. La differenza della LP rispetto quelle di ora a colpo d'occhio c'è: body in un pezzo, top plain ma molto uniforme, verniciatura e finiture impeccabili. Ho toccato con mano delle standard recenti che erano veramente troppo tirate via, nemmeno curando la giuntura del body, o con top con nodi. Poi per il suono è difficile, bisognerebbe portarla a casa e tenerla una settimana, sulla mia anche solo sistemando l'altezza dei pickup passo dall'amore all'odio. La PRS è forse la cosa migliore che abbia suonato in vita mia, una McCarty soapbar, è fuori scala.
Rispondi
di sidale [user #29948] - commento del 03/10/2018 ore 01:40:04
Eh ti piacerebbe...ma credimi non sarà così.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 03/10/2018 ore 08:40:42
scusa Jho81, c'è stato un fraintendimento: io concordavo con Vicius, sulla questione generica, sinceramente sulle tue posizioni pro o contro Gibson posso dire poco in quanto io mi sono sempre trovato bene, ma ho una les paul studio comprata circa 23 anni fa ed un'explorer acquistata usata che mi piacciono molto.
Ciao
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 03/10/2018 ore 09:28:02
Heritage fanno grandissimi strumenti ma han fatto delle scelte estetiche a mio parere discutibili ed a me una chitarra prima di tutto mi deve piacere esteticamente....gli altri marchi che citi, perdonami ma dopo averne provati parecchi non li ritengo a livello... Duesemberg e Knaggs non le conosco pero' non e' che spendi meno anzi....
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 11:01:5
Sull'estetica non discuto,ognuno ha i suoi gusti.
Dire che una FGN o una Esp Eclipse non siano al livello di una Gibson è giusto,perchè il rapporto q/p è più alto a favore di queste due,e nemmeno di poco visto l'approccio maniacale giapponese.
Duesenberg e Knaggs non spendi meno...ma le hai viste? Liuteria,rifiniture,materiali? L'equivalente di nashville (che nemmeno esiste) costerebbe un rene più mezzo fegato.
Sempre secondo me,ma mi rendo conto che essendo io completamente disinteressato a brand e blasoni magari certe logiche non le capisco.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 03/10/2018 ore 11:31:43
Secondo me stai straparlando soprattutto quando parli di ESP e FGN...non importa, ti leggo tanto convinto e determinato che non spendero' nemmeno una parola per esporti le mie ragioni anche perche' se dovessi dire cio' che penso a proposito di cio' che hai scritto probabilmente mi butterebbero fuori da Accordo
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 12:00:38
Addirittura :D
Pensa un po' io credo che molti marchi "mmmericani" siano sopravvalutati e che il rapporto q/p sia svantaggioso.
Non sono determinato,è semplicemente il mio pensiero,mica mi pagano..
Ho avuto diverse Gibson,tra cui una bellissima lp custom che suonava davvero bene e credo fosse dei primi 80 e che ho venduto solo per il peso eccessivo,ho suonato tante volte le controparti giapponesi di livello (pensare di paragonare una asiatica di 300€ ad una chitarra di 3000 non è fattibile) e mi son fatto le mie idee.
Il perchè del "non spenderò nemmeno una parola" e "mi butterebbero fuori" poi non lo capisco,ma vabbè,fa nulla.
Sulla chitarra in questione..è marketing,ci guadagna bene e fa benissimo.
Rispondi
di esseneto [user #12492] - commento del 03/10/2018 ore 21:50:39
Anch'io ho una custom del 1990 presa nuova lo stesso anno che pesa maledettamente ma ancora non ho trovato niente che suoni meglio e probabilmente non me ne separeró mai.
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 03/10/2018 ore 13:33:3
ahahahahahahahah
Heritage,Fgn,Esp etc etc per non citare Duesenberg,Knaggs....

aahhahaahahhahaha
è come dire: non andrei a spendere 1000 per una ferrari quando posso spendere 10 per una punto... nn ha senso
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 14:50:50
Il senso,se rileggi,magari è chiaro ma proverò a spiegarmi meglio.
Io non spenderei MAI 1800€ per una Gibson,li spenderei per una Fgn (listino thomann)
Non spenderei MAI 4000€ per una Gibson,li spenderei per una Knaggs (sempre listino thomann)
Ti spiego anche il perchè: secondo me il rapporto qualità prezzo e nettamente superiore.
Ora il senso è chiaro?
Per me,e ripeto,per me,ci sono alternative che a parità di prezzo ti danno uno strumento migliore.
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 04/10/2018 ore 16:38:06
io non sono d'accordo, qualità prezzo non è comparabile una ferrari con una punto, certo se la tua valutazione la fai sul fatto che tutte e due ti portano al lavoro ok, ma se la fai per la potenza, la bellezza, le emozioni... li qualità prezzo è meglio la ferrari
mi spiego?
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 04/10/2018 ore 23:42:
@5maggio2001
"se lo fai per la potenza,la bellezza,le emozioni".
Io con le chitarre ci devo SOLO suonare.
Per me le chitarre devono SOLO suonare.
Non devo farmi il figo col marchio,sentirmi che suono meglio perchè ho lo strumento x.
Finchè uno strumento suona come dico io ed è fatto come dico può avere qualsiasi marchio e fatto in qualsiasi buco del globo,non mi interessa..
Tra due strumenti "virtualmente" identici scelgo quello che costa meno. Le emozioni me le da quello che riesco a tirare dallo strumento,non dallo strumento in se.
Questo è il mio criterio,ovviamente,se tu vuoi l'emozione della Gibson o di qualsiasi altra marca fai benissimo. Se potessi comprarmi il Ferrari invece di avere il pandino l'avrei comprato,ma sta di fatto che se devo andare fuoristrada...
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 05/10/2018 ore 14:23:1
ok, io non ci SUONO SOLO, per me sono qualcosa di più, c'è quasi amore verso la chitarra, se mi piace, la suono meglio.
Vedo che chi suona veramente crea dei legami con gli strumenti, poi chiaro, posso suonare qualsiasi cosa anche con una squier, probabilmente anche su un palco di uno stadio.
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 04/10/2018 ore 19:33:05
Ma parlassi anche di cifre sui 8-13k hai builders che sono letteralmente MANIACALI nel replicare le Gibson storiche, gente che si è studiata i PAF fino alla morte, che ha legni stra selezionati e stagionati, che come passatempo tira di hide glue. Domanda a Bartlett o Gil Yaron. Vuoi un modern-take sul progetto single cut? Huber, oppure Collings. Oppure tanti altri brand che la gente nemmeno si sforza di conoscere, obnubilata per un fanboysmo che manco le fans dei tokio hotel negli anni 00
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 04/10/2018 ore 20:09:45
Riguardo ai PU dopo aver montato i Wizz sulla mia R8 ho avuto la certezza che Gibson i PU li sa ancora fare, non togliendo nulla alla qualità di Wizz, aspetto di provare degli Stephen Design...
Riguardo alle repliche prezzolate di Les Paul ci vuole sempre un po' di cautela, parlando di Tom Bartlett per un prezzo doppio di una R9 hai alla fine la stessa chitarra in mano, non è che la differenza sia così evidente ed a favore della replica, stiamo parlando di livelli comunque molto alti.
Forse solo una Vintage o una LP studio del 90 possono suonare meglio... Ops mi è scappata ahahah
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 04/10/2018 ore 21:13:12
😂😂😂😂
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 04/10/2018 ore 22:56:50
Sui pickups che fanno non discuto (per quanto ve ne sia più di qualcuno che francamente non vorrei su una mia chitarra), quanto discuto io sono le parole di semi idolatria di diversi qui dentro verso un marchio che, a mia esperienza, é lungi dall'essere ineccepibile; dipenderà dai negozi, dipenderà da quel che vuoi, ma ho provato LP tutt'altro che desiderabili appartenenti ad una fascia di prezzo neanche lontanamente economica.
La chitarra qui sopra costa cifre simili in quanto oggetto di culto e collezionismo, oltre all'avere sopra una firma di rilievo che consente di rincarare a piacere, che tanto il compratore lo trovi sempre.
Non credo si possa biasimare chi, come @vicious , decide di optare per soluzioni con un rapporto q/p sicuramente più elevato.
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501] - commento del 05/10/2018 ore 14:26:07
Va be, invece di studiare i PAF potrbbero farsi il loro pu se sono così furbi..

Poi se proprio volgiamo essere terra a terra, non prenderei mai uno strumento sconosciuto o replicato ecc.. so che poi se volessi rivenderlo ci perderei un sacco, guarda quante chitarre ci sono a prezzi stracciati.

Invece se prendi una signature di marca e fascia alta, tra qualche ANNO SEI SICURO che ci guadagnerai
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 05/10/2018 ore 17:27:23
Non avrebbe altrettanto senso produrre qualcos'altro, i PAF (nelle loro varie declinazioni storiche e varibili) sono in assoluto gli humbuckers più richiesti e venduti sul mercato, credo non esista produttore di pickups che non faccia almeno un paio di modelli ispirati al Patent Applied For (o perlomeno, al mito che ci gira attorno), persino la EMG ha in catalogo i 57 e 66 che si ispirano a quel suono (e parliamo di un segmento di mercato che non li riguarda minimamente eh).

Sul discorso del rivendere hai sicuramente ragione, ma qui partiamo da una premessa importante, cioè l'acquisto di uno strumento di una certa portata con l'idea di poterlo rivendere in futuro...è una discriminante non da poco se consideri che con essa praticamente uccidi il concetto stesso di liuteria, no? Per questo sono d'accordo con te se mi parli di fattore-investimento piuttosto che di aspetto meramente qualitativo per quanto concerne il prezzo finale dello strumento.
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 02/10/2018 ore 21:54:01
Bellissima chitarra e grande valore collezionistico.
Suonerà bene come tutte le chitarre fatte in un certo modo. Vale il prezzo che costa? Probabilmente no ma non è questo il punto. Chi si avvicina ad uno strumento di questo tipo considera parametri diversi rispetto ai classici.
Normalmente chitarre di questo tipo vengono polverizzate in tre giorni, forse meno. Gibson in questo caso ha fatto centro.
Rispondi
di diaul [user #33456] - commento del 03/10/2018 ore 08:18:38
Esatto.
Rispondi
di Shorelinegold [user #48316] - commento del 03/10/2018 ore 07:25:56
Ormai la notizia di Slash e la sua nuova Les Paul sembra una barzelletta, però c’è chi le compra e chi ne trae guadagno spesso rivendendola a prezzo maggiorato...insomma uno schiaffo alla miseria e alle difficoltà che di giorno in giorno aumentano per chi gli strumenti li usa per campare di musica.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 03/10/2018 ore 09:31:14
ma che vuol dire "uno schiaffo alla miseria"? che palle.... E' un'operazione commerciale come un'altra.....le venderanno tutte in pochi giorni se non ore e chi vive di musica ma non se la puo' permettere comprera' qualcos'altro
Rispondi
di Shorelinegold [user #48316] - commento del 03/10/2018 ore 12:15:3
Che palle Slash più che altro...
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 12:06:03
Ma non credo sia così,è marketing.
Sforni N strumenti di altissima fascia e con prospettive di aumento del valore collezionistico,non sono strumenti pensati "per suonare" ecco,sono investimenti,sicuramente un musicista normale non portrebbe mai considerare di prenderla.
Sarebbe come se un operaio si lamentasse di non poter andare a far la spesa con il ferrari...
Rispondi
di Shorelinegold [user #48316] - commento del 03/10/2018 ore 12:25:22
Sì probabilmente è così però...che tristezza e lo dico da antico fan di Slash, non lo posso vedere a fare queste marchette...
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 12:39:12
Ma perchè "marchette"?
Si tratta di lavoro,ci sono contratti stipulati,soldi in mezzo,pubblicità e compagnia cantando. Tutto questo fa parte da sempre della vita di ogni artista di altissimo profilo.
Sento spesso questi discorsi anche a livelli medio/bassi quando si tratta di suonare magari cover oppure ai matrimoni: se non lo fai come lavoro suona quello che vuoi e con quello che vuoi ma una volta che sei professionista ti devi comunque adattare ed è normale fare delle scelte anche solo per il portafogli o comunque vantaggiose. Se poi uno sei come Slash e potendoti permettere di un contratto con Gibson,Fender,Prs lo rifiuti,beh sono "contento" per te se lo ritieni sbagliato.
Rispondi
di Shorelinegold [user #48316] - commento del 03/10/2018 ore 12:45:34
Vabbè dai scusa lo sfogo a me poi sinceramente di quello che fa la Gibson adesso non me ne può fregare di meno ho già tutto ciò che desidero.
Rispondi
di c9 [user #37327] - commento del 03/10/2018 ore 07:40:00
Ma questo palissandro brasiliano c'entra nulla col CITES? O chi pagherà 98 euro per andare al concerto di Slash si vedrà la finanza che gli sequestra i 5 modelli di questa les paul che si porterà appresso?
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 07:49:31
Sarebbe il top😂😂

Io comunque una slash signature (la Classica) l'ho provata e vi assicuro che era veramente una gran bella chitarra. Chiaramente costava molto ma c'era anche molta qualità, una grande suonabilità e a livello di finiture all'altezza della situazione.
Rispondi
di LuckyPierluigi [user #40183] - commento del 03/10/2018 ore 14:26:43
-- Sarebbe il top --
Non è il top, è il manico ad essere in palissandro brasiliano.

:-)
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 15:35:57
😂😂😂😂😂 manico o tastiera??
😁😁
Rispondi
di LuckyPierluigi [user #40183] - commento del 03/10/2018 ore 16:55:35
Diavolo, mi sono incartato! Sigh...
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 03/10/2018 ore 08:46:41
Approfitto della domanda di c9 per sfatare un mito: il Cites non impedisce l'uso del palissandro brasiliano, ne' di quello comune, lo regola. In sostanza impone, nel caso di commercio verso l'Europa e dall'Europa (oppure nel caso anche solo di trasporto per il palissandro brasiliano) di certificare da dove proviene il legno utilizzato, esistendo un regime di tutela e rimboschimento. Quindi se il produttore o il commerciante rilasciano il certificato di provenienza la chitarra può liberamente circolare per tutto il mondo.
Ciao
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 12:07:59
sto cercando lumi pure io,si prospetta un'estate tra le comunità italiane in canada e visto le poche informazioni invece di portarmi la strat o la mia ibba onde evitare casini alla frontiera
Rispondi
di Quick [user #26119] - commento del 03/10/2018 ore 14:32:02
Ragazzi, sempre i soliti discorsi e le stesse idee. Suvvia dai! 150 esemplari, la firma di un chitarrista famoso e il marchio Gibson. Tutte quete cose le paghi se le vuoi. Poi ci saranno chitarre che suonano meglio alla metà del prezzo. Ma il prestigio non si discute.
Per fare un controesempio ci sono orologi con caratteristiche costruttive identiche al Rolex submariner che costano 500 euro. Ma un Rolex originale ne costa 7900. Li vale? Chi lo sa? Però è l'unico e vero. La qualità e il blasone del marchio si pagano. E non è questione di prestazioni.
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 14:53:25
Finalmente...
Provo a spiegare che se uno vuole il blasone lo paga,se si vogliono certe caratteristiche a parità di materia prima/assemblaggio/rifiniture ci sono alternative.
Mi sa che per alcuni criticare certi marchi è come bestemmiare in faccia al papa...
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 05/10/2018 ore 15:42:14
ehmmm...il movimento Rolex non costa meno di 2000euro usato....
Ho capito cio' che intendevi dire ma hai sbagliato oggetto per il paragone e comunque credo che ti sbagli
Per restare sulla chitarra in questione se non fosse per le firma, l'endorsement, i gadget e i bla bla bla non costerebbe comunque meno di 3500 - 4000 euro che e' il prezzo per una normale Les Paul del Custom shop il che vuol dire che oltre ad un'attenta selezione dei materiali c'e' una quota di manodopera molto piu' elevata rispetto agli strumenti della divisione USA e questo inevitabilmente porta su i costi, tale manodopera inoltre e' il top di quello che si trova in Gibson e quindi costeranno anche piu' degli operai che lavorano nella divisione USA...e' questo l'origine del prezzo di una Custom shop....poi con gli ammennicoli, le firme, il numero limitato il prezzo va a 12.000$ di listino ed a quest'ora le avranno gia' fatte fuori tutte.
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 03/10/2018 ore 15:39:29
Dai ragazzi ma è chiaro che le chitarre top di gamma hanno un rapporto qualità prezzo molto sfavorevole.
costano una fucilata.
Tutti i marchi importanti sono così, Fender, Gibson, Martin, National, Gretsch, Mesa ma anche oltre le chitarre, tutte le cose belle e fatte bene di marca hanno un rapporto qualità prezzo sfavorevole. anche Rolex Mercedes Cartier... tutto.
Rispondi
di c9 [user #37327] - commento del 03/10/2018 ore 16:02:15
Diciamo che sicuramente da più fastidio la trovata "Epiphone Slash AFD LP Performance Pack"... che costando relativamente poco può ingolosire i principianti che, seguendo il loro idolo (Slash in questo caso) si fanno ingolosire.
Immagino sia più difficile per un ragazzino chiedere al padre di regalargli per Natale questa Les Paul da 13.000 Euro :-)
Comunque si è certamente liberi di non comprarla nè di guardarne le specifiche... però che aziende come Gibson si trovino nelle condizioni di risollevarsi affidandosi al cilindro
di Slash fa un pò tristezza.
Rispondi
di diaul [user #33456] - commento del 03/10/2018 ore 16:12:45
In realtà, dato contestabile entro certi limiti, Slash già contribuì col successo di AFD alla rinascita della Gibson (sebbene utilizzasse delle copie).
In fin dei conti, come già detto sopra, è solo marketing.
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 03/10/2018 ore 17:25:37
Poco conta che utilizzasse delle Derrig, in fondo anche le Gibson che acquisti ora non sono fatte dagli stessi liutai che operarono ai tempi d'oro del marchio, l'unica cosa che resta è il template del body e il font del logo
Rispondi
di vicius [user #4317] - commento del 03/10/2018 ore 17:00:30
comunque,sempre bazzicando sul noto sito germanico,leggo che ci sono le super400ces a 14k e le citation tra i 23 e i 25k...
(saranno fatte coi legni dell'arca di noè o con la croce originale..)
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 05/10/2018 ore 15:50:45
le super 400 non sono chitarre costruttivamente paragonabili, sono per la maggior parte fatte a mano, le tavole sono abbastanza sicuro che siano scavate a mano, la quota di manodopera e' elevatissima e con tutti quei binding ed intarsi le ore vanno su che e' un paicere....non si possono paragonare, sono pezzi unici, in particolare le citation
Rispondi
di oTTovonkraun [user #33775] - commento del 05/10/2018 ore 13:06:05
Se ne sentiva la mancanza....!!!! Se costa tutti quei soldi, qualcosa in oro e platino la deve pur avere.
Rispondi
di Quick [user #26119] - commento del 05/10/2018 ore 16:40:07
Ciao, rileggi bene: non ho parlato di movimento ma di orologi con le stesse caratteristiche: in pratica quelli che gli appassionati chiamano homage. Il discorso sulle chitarre è lo stesso: ci saranno pure chitarre che suonano bene o meglio di questa oggetto del post è costano una frazione, ma il prestigio del marchio e della fabbricazione esclusiva si paga.
Ciao
Rispondi
di sand1975 [user #46451] - commento del 08/10/2018 ore 07:29:23
Immagino già i geni del marketing di Gibson intorno ad un tavolo: ‘signori, dobbiamo trovare un’idea geniale che ci consenta di risollevare il marchio e salvarci dalla bancarotta, qualche suggerimento?’. ‘ potremmo ricominciare a fare strumenti di qualità a prezzi ragionevoli...’ silenzio... ‘licenziato, qualcun’altro?’... ‘ signore, potremmo fare una nuova Slash signature’... silenzio... ‘perfetto! Geniale! Riunione finita: champagne come se non esistesse un domani, benefit e bonus per tutti e vacanza premio.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
Da EMG due set passivi per Stratocaster senza saldature
Viking: guerriero semiacustico oltre le epoche
12 delay, loop e suoni stereo da EHX nel Grand Canyon
I più commentati
HX Stomp: alta tecnologia Line 6 in formato pedale
Doyle Bramhall II, "Shades": splendida ruvidità e genuinità artistica.
Chi ha inventato davvero il tapping
A scuola di fusion: vedere Greg Howe in concerto
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
I vostri articoli
Altamira N200CE: una bella sorpresa
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
Una stratoide di nome Silver Sky
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Fender Modern Player Telecaster Plus
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964