VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream
La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream
di [user #116] - pubblicato il

La Les Paul in edizione ultra-limitata dedicata a Slash ricalca le sue '58 preferite e introduce un'introvabile tastiera in palissandro brasiliano.
Gli occhi dei musicisti sono ancora puntati sulle vicende che hanno portato il gruppo Gibson sull’orlo del fallimento, ma la divisione Gibson Guitars sembra ben lungi dallo sventolare la bandiera bianca e la produzione procede a pieno regime. Il catalogo 2019 promette una semplificazione delle scelte per un ritorno ai fasti delle origini, ma non mancano chicche per i collezionisti e per chi vede coincidere la propria passione per lo strumento musicale con una vera mania per la ricercatezza.
Brazilian Dream è il nome dell’ultima Les Paul partorita dal dipartimento Custom e lancia un forte segnale a chiunque avrebbe voluto il marchio già morto e sepolto con uno strumento esclusivo, il più costoso attualmente in produzione, e con dettagli costruttivi riservati a pochi fortunati abbienti.

La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream

Progettata in collaborazione con Slash, ambassador Gibson e tra i più proficui endorser del marchio, la Brazilian Dream è di fatto una Historic cucita sulle precise caratteristiche che il chitarrista dei Guns apprezza maggiormente nelle sue Les Paul d’epoca preferite. Ciò che ne deriva è una replica maniacale di una Les Paul del 1958 in finitura Dark Burst impreziosita da un’introvabile tastiera in palissandro brasiliano.

La firma del chitarrista aggiunge alcuni tocchi esclusivi come una custodia personalizzata e una serie di oggetti da collezione a lui legati.

La Gibson più costosa del 2019 è la Brazilian Dream

Immancabile è l’accostamento di un body in mogano con un top in acero, qui privo di fiammature per restare fedeli agli standard dell’epoca di riferimento.
Il manico è in mogano a tenone lungo e con profilo ’58, tondeggiante e generoso nelle misure.
La tastiera in palissandro brasiliano è sagomata in un raggio di curvatura da 12 pollici per 22 tasti medium Jescar. Slash garantisce che l’influenza di tale legno è evidente non solo per la resa estetica dell’insieme, ma anche per il modo in cui le note sono capaci di fiorire in maniera organica e profonda nei toni.

Caratteristiche d’epoca comprendono meccaniche Kluson Deluxe Single Band e l’immancabile ponte Tune-O-Matic, qui un ABR-1 con tailpiece in alluminio per contenere il peso e massimizzare le vibrazioni.
I pickup Custombucker con magneti in alnico III lasciano le plastiche nere a vista e sono cablati a potenziometri CTS da 500k per volumi e toni CTS da 500k, con dei condensatori Bumblebee e selettore Switchcraft a completare il circuito.

Anche le plastiche nere intorno al jack e al selettore con punta color ambra riprendono esattamente le caratteristiche degli originali d’epoca. Incluso nella confezione è anche un battipenna nero a singolo strato, ma non viene montato di fabbrica per lasciare al chitarrista la scelta.



La chitarra, visibile sul sito Gibson a questo link, accompagnerà Slash nel Living The Dream Tour e sarà costruita in soli 150 esemplari per la distribuzione presso rivenditori selezionati. Data la natura esclusiva sembra che, per il momento, per mettere le mani su una Brazilian Dream sarà necessario rivolgersi al mercato statunitense.
brazilian dream 1958 chitarre elettriche gibson les paul slash standard
Link utili
Les Paul Brazilian Dream sul sito Gibson
Mostra commenti     91
Altro da leggere
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Ronciswall: una visione italiana per la chitarra elettrica del futuro
ST-Modern Plus HSS è la Strat-style ultramoderna di Harley Benton
La mia LadyBird
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964