CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

legni e pick up

di [user #5] - pubblicato il
Toh, scanniamoci...

Dello stesso autore
Il mio approccio all'ampless
HX STOMP. Cambio ma resto in famiglia...
Mesa Boogie. Altro che helix, fractal o hea...
Pinuccio Cardano Jazz Bass (kelino signature)
Non mi piego al digitale. Visto che da un p...
HX Line 6. Cambio ma non troppo...
Clip TUNER. Dopo averne provati ta...
headrush nun te temo...
Loggati per commentare

di aleck [user #22654]
commento del 03/10/2018 ore 10:30:07
Mboh... Sul contenuto non mi esprimo perché tanto una soluzione definitiva al quesito iniziale non c'è. Tutto conta. Sulla chiosa finale riguardo alle chitarre cinesi, invece, dico che c'è chitarra cinese e chitarra cinese: tra una Eko, una Benton, una Classic Vibe e, chessò, una Eastman ci passa un abisso. Ci sono produzioni cinesi e produzioni cinesi, impossibile generalizzare oggi come oggi.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 03/10/2018 ore 16:17:55
Infatti! Di Eastman ne ho provato diverse (ho uno dei più forniti rivenditori vicino casa mia negli States) e li' veramente il confronto si potrebbe fare con gli strumenti made in USA. Chiaramente siamo su tutt'altra fascia di prezzo rispetto ad una Harley Benton.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 03/10/2018 ore 20:08:51
E' un po' come la pasta italiana. Garantisco che tra quella di mia suocera e quella che faccio io c'è un abisso (in favore di mia suocera).
Eppure sono entrambe paste italiane.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 03/10/2018 ore 21:22:44
Esattamente così :-) Un po' come "la pizza a New York fa schifo"
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 03/10/2018 ore 12:02:25
Vai col flame!!!!

Io ho intenzione di vendere tutte le mie Gibson e Fender per prendere copie cinesi con pick up americani.
E col resto vado in vacanza a Tahiti
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 03/10/2018 ore 17:25:41
:-D
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 03/10/2018 ore 12:07:13
Bah l'unica evidenza dal video è che, se ce ne fosse bisogno, che una copia economica non è che possa suonare uguale all'originale solo perchè ha la stessa forma e colore.
Pur con le dovute limitazioni del tubo, la Vintage con i PU originali non suona da LP e men che meno con PU di quasi pari al valore della chitarra stessa, il confronto con la Cutom è lampante.
Confronti che secondo me lasciano sempre il tempo che trovano, son più utili a chi cerca click sui propri video.
Rispondi
di McTac [user #47030]
commento del 03/10/2018 ore 12:52:57
Anche secondo me questi video servono a ben poco.
Poi scusatemi ma il messaggio implicito di questi video che una copia economica in fondo vale una gibson non lo riesco a digerire. Possiamo discutere sui costi che sono eccessivi (quindi rapporto qualità prezzo), o su qualche operazione deprecabile (vedi condensatori camuffati ..) ma la differenza assoluta resta abissale. E secondo me anche su una gibson "economica".
Ciao
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 03/10/2018 ore 16:10:3
Quoto in pieno. Inoltre bisogna vedere come reggono il tempo gli strumenti economici. Una Gibson vera, se tenuta bene, te la godi per la vita e la lasci pure in eredità a figli e nipoti. Su molte delle copie economiche ho dei dubbi. Alcuni difetti si possono manifestare dopo qualche anno, con manici che si imbarcano, hardware che va in pezzi etc.
Rispondi
di theripper76 [user #31689]
commento del 03/10/2018 ore 21:24:13
Idea personale:il mondo degli strumenti elettrici e' estremamente manipolato dal pensiero magico.
Regole che valgono solo all'interno di una comunita',non universalmente.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 04/10/2018 ore 08:28:4
Io non credo che gli autori della prova abbiano voluto dire: la chitarra economica coi pick-up cambiati, suona come la Les Paul dal prezzo 10 volte maggiore.
Credo invece che dalla prova risulti evidente l'abisso che c'è tra il suono della Vintage coi pick-up di serie (Wilkinson) e il suono dopo il cambio coi Seymour Duncan Slash.
Lo stesso vale per la semiacustica.
Forse non c'è lo stesso abisso, tra la Vintage con i pick-up cambiati e la Les Paul Custom, la forbice mi sembra molto più stretta.
Poi è chiaro che va valutata la costruzione, il settaggio, le sensazioni di suonabilità, questo è chiaro; e il marchio, è il marchio.
Io ho una Godin coi P90 Seymour Duncan di serie, pagata 900 euro e assicuro che liuteristicamente è impeccabile, perfettamente rifinita, stabile, suona benissimo, le ha tutte. Sono quasi certo che se la confronto con una Gibson con gli stessi pick-up, che magari costa almeno il doppio, credo la forbice si azzeri.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 04/10/2018 ore 08:42:11
È la semiacustica??
Madonna quanto mi attizza quella chitarra..

In casa Gibson il mio desiderio va verso la330 VOS, un sogno.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 04/10/2018 ore 09:03:01
No, molto bella anche la semiacustica.
La mia è la Core CT, forma simile alla Les Paul, ma con camere tonali.
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 04/10/2018 ore 10:37:16
alla fine si finisce sempre li.. ahahahahahahahaheheheheheh;)
prima o poi si leggerà sui quotidiani:
lite fra 2 chitarristi;
giovane Gibsoniano finisce all'ospedale, malmenato violentemente da un ragazzino che sosteneva la sua chitarra da pochi spiccioli fosse alla pari di una vera Gibson Les Paul del 59:)
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 04/10/2018 ore 10:45:35
È già così perché dietro la tastiera del computer tutti sono esperti di tutto. Magari poi la chitarra in questione non l'hanno nemmeno mai vista non dico suonata..
😀😀
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 04/10/2018 ore 12:05:51
io comunque tra tutti i musicisti che ho frequentato e conosciuto, non ho mai sentito accennare a questi dibattiti, da quando sono iscritto qui sopra ho letto spesso di questo argomento, che per alcuni sembra molto significativo, ma che per me non significa niente, a me interessa solo suonare e divertirmi con ciò che ho, poi se la mia Gibson fa schifo a qualcuno perche è del 92 ed è un annata di merda o meno, poco importa, l'importante che piaccia a me, poi qua sopra possono scrivere tutte le cazzate del mondo, che quello è meglio di questo e viceversa, che per quanto mi riguarda è un argomento che non porta da nessuna parte, porta solo ad arrovellare le persone.
ora ti saluto torno di la a suonare ciao:)
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 04/10/2018 ore 15:44:16
Idem.
Non mi sono mai preoccupato di annate, di modelli signature o meno di relic o meno io valuto lo strumento in quanto tale.
Perché mi serve per suonare.
Io e miei amici abbiamo chitarre di tutti i tipi di tutte le annate senza badare troppo alle masturbazioni mentali tipiche dei forum
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Eric Gales due live in Italia a giugno
Nuovo shape single-cut da Solar Guitars
Mi Ami Festival la programmazione completa
A day with the Mixing-Lord!
Lost Highway: Fender testa il phaser super-versatile
Quanto conta l'immagine di un musicista
David Gilmour racconta la Black Strat
Phil Demmel mostra le sue due Fury
Boomwhackers: la didattica innovativa
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964