CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Come suona la chitarra in una camera anecoica
di [user #116] - pubblicato il

L’ambiente è un fattore chiave nel suono di un amplificatore. Un video mostra cosa accade a una chitarra elettrica suonata in totale assenza di rifrazioni.
Una camera anecoica è un ambiente virtualmente privo di riverberi di sorta e completamente isolato dall’esterno. Spesso utilizzati per misurazioni acustiche da produttori di microfoni casse e sistemi audio in generale, sono i luoghi più silenziosi al mondo, in cui non si ha alcuna interferenza dall’esterno e i suoni non si riflettono sulle pareti, venendo invece completamente assorbiti generando una situazione surreale.
La completa assenza di riverberi fa percepire i suoni in maniera pura e assoluta, con un’impronta impossibile da replicare in un comune ambiente dove qualunque suono che sentiamo è il risultato di tutta una serie di rifrazioni delle onde sugli oggetti circostanti. Questa particolare condizione può addirittura fare degli scherzi alla mente: in pochi minuti di permanenza nel silenzio assoluto di una camera anecoica si può sentire distintamente il proprio respiro, poi il battito del proprio cuore e, dopo un po’, c’è chi avverte strani e inquietanti rumori provenienti dall’interno della propria testa, talvolta sperimentando nausea, emicrania e stati d’ansia.

Come suona la chitarra in una camera anecoica

La sede Boss di Hamamatsu, in Giappone, ne ha una e Ola Englund ha approfittato della sua visita per produrre un interessante esperimento: suonare una chitarra elettrica e ascoltare il suono risultante tutto intorno all’amplificatore, scoprendo per la prima volta la sua voce pura senza alcuna rifrazione ambientale.

Quando si riprende un amplificatore con un microfono appoggiato direttamente al cono, la resa può essere paragonabile a quella di una camera anecoica in quanto l’influenza dell’ambiente è ridotta al minimo. Quando si allontana il microfono, invece, in una normale sala di ripresa il suono si arricchisce di riverberi, rifrazioni, cancellazioni di fase e quant’altro che modificano il suono in maniera naturale e riconoscibile. In una camera anecoica questo non accade in quanto ciò che il microfono capta arriva unicamente e direttamente dall’amplificatore. Se si è alle spalle del cabinet, non si sentirà il suono riflesso sulla parete anteriore della stanza, ma solo le vibrazioni provenienti dal retro del cono, e se ci si posizionerà di fianco all’amplificatore il volume percepito si ridurrà in maniera spaventosa, perché le onde sonore del cono si muovono solo verso avanti e dietro, quasi per niente lateralmente: l’altoparlante di un amplificatore per chitarra è un trasduttore estremamente direzionale, studiato per proiettare il suono davanti a sé, non tutto intorno.

Il video è da gustarsi tutto d’un fiato. A partire dal minuto 3, Ola fissa il microfono alla cintura e gira intorno all’amplificatore per rendere un’idea di come cambia il suono alle sue orecchie a seconda di dove si posiziona rispetto alla cassa: è facile intuire quanto il risultato sia diverso ed estraniante rispetto a quello che si otterrebbe microfonando l’amplificatore in una sala convenzionale o ascoltandolo con le proprie orecchie.



Il video di Ola arriva a pochi giorni di distanza da un nostro esperimento sul versante opposto. In un recente articolo con relativo video abbiamo provato a registrare una chitarra acustica in diversi ambienti, ascoltando come ogni luogo caratterizzasse in maniera anche evidente la resa dello strumento.
chitarre elettriche curiosità il suono ola englund
Link utili
Come suona la chitarra in base agli ambienti
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di Claudio80 [user #27043]
commento del 14/10/2018 ore 16:38:20
Molto interessante!
Rispondi
di c9 [user #37327]
commento del 14/10/2018 ore 18:29:11
Mah... utilità dell'esperimento?
Rispondi
di Steven6336 [user #38845]
commento del 19/10/2018 ore 08:48:39
Uno strumento suonato in camera anecoica, suona come veramente....suona.
Tutto il resto, ovvero lo strumento suonato in altri ambienti, è adulcorazione, dipendente dall'ambiente.
Riferire al fenomeno della rifrazione non è corretto.
Meglio "Riflessione ed Assorbimento/Attenuazione/Cancellazione".
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 20/10/2018 ore 17:32:57
Molto interessante. Devo provarla almeno una volta la body noise experience in una camera anecoico.
Rispondi
di wirelessblack [user #46725]
commento del 12/01/2019 ore 23:35:04
mi ha fatto venire un idea: un microfono con la capsula rotante. Potrebbe captare il suono generando un effetto leslie
Rispondi
Altro da leggere
Game Of Thrones suona Fender
Gibson: conto alla rovescia per il nuovo catalogo
Noce fiammato e mogano caramellato: Phil Collen mostra la sua Jackson
Le tentazioni del Diavoletto
Max Cottafavi: così provo una chitarra
LG 350T: ritorna un classico giapponese
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964