CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
L’inaspettata versatilità di Chris Broderick e la sua Jackson
L’inaspettata versatilità di Chris Broderick e la sua Jackson
di [user #116] - pubblicato il

Irriducibile metalhead e raffinato solista, Chris Broderick ha infuso anche la sua passione per musica classica e jazz nella sua gamma signature.
Da quando la prima chitarra del marchio ha visto la luce con la Concorde di Randy Rhoads nel 1980, Jackson è sempre stata sinonimo di heavy metal, ma un insospettabile affezionato del brand statunitense ha dimostrato che la versatilità non è solo nelle mani di chi suona e trova una sostanziosa parte anche di un legno ben congegnato.
Chris Broderick è noto al mondo della chitarra elettrica per la sua carriera nei Megadeth e per il suo ruolo primario negli Act Of Defiance, super-gruppo fondato nel 2014 insieme al batterista Shawn Drover dopo l’abbandono della formazione di Dave Mustaine da parte di entrambi. Le sue influenze trovano però le radici nei generi musicali più disparati. Tra le maggiori fonti d’ispirazione, Chris accosta nomi come John Petrucci a Django Reinhardt: bambino prodigio, ha imbracciato la sua prima chitarra all’età di 11 anni e la sua formazione classica con chitarra, violino e piano ha contribuito ad ampliarne gli orizzonti fino a dare vita a un musicista stilisticamente ben connotato eppure ancora pieno di sorprese. Non c’è da sorprendersi se oggi Broderick è il titolare di un’intera gamma di strumenti signature, tutti accomunati da uno shape inedito e da una serie di accorgimenti capaci di attirare l’attenzione del metallaro più convinto quanto del virtuoso in cerca di un’ascia malleabile ed equilibrata.

L’inaspettata versatilità di Chris Broderick e la sua Jackson

La collaborazione tra Chris Broderick e Jackson ha inizio con un singolare modello signature basato sulla Soloist, il cui corpo è stato reso bombato e asimmetrico, con una forma progettata per una maggiore ergonomia sul braccio destro e col fine di tenere il manico ben inclinato verso il soffitto sia che si suoni da seduti sia in piedi. Tale impostazione, presumibilmente una vestigia della formazione classica del musicista, sarebbe ideale per agevolare i passaggi veloci nei registri più alti. Al contempo, la presenza di due contour sui bordi interni delle “corna” agevolerebbe l’accesso alle sezioni più acute della tastiera con la mano sinistra e fornirebbe un riferimento confortevole per la mano destra nei passaggi in tapping, tecnica in cui Broderick ha dimostrato di eccellere nelle derive più rock quanto negli approcci jazzistici tradizionali.



Sebbene sfoggi un’estetica aggressiva e moderna, la sua Jackson riassume aspetti costruttivi tipici della liuteria da metal quanto dei filoni più moderati. Il progetto è neck thru, con un manico in acero rinforzato da sbarre in grafite che si abbina alla profondità e al calore di un body in mogano. Il profilo del manico è tondeggiante, a C, non schiacciato e largo come molti shredder contemporanei preferiscono e la tastiera preferisce un raggio da 12 pollici fisso per tutta l’estensione, che si contrappone al più consueto compound radius, uno standard per il catalogo Jackson.

Nel 2016, alla prima signature di Chris Broderick fa seguito una versione con ponte fisso tipo hardtail. Disponibile a sei a e sette corde, spicca per la presenza di sellette indipendenti per ogni corda, fissate individualmente al body per una trasmissione più consistente delle vibrazioni.

Declinata per le due principali linee in catalogo e per altrettante fasce di prezzo, adotta una tastiera in palissandro per le edizioni Pro Series e opta per dell’ebano sulle USA Signature, dove si aggiunge anche un ricco top in acero fiammato.

L’inaspettata versatilità di Chris Broderick e la sua Jackson

Non meno attenzione è riservata al comparto elettronico, dove una coppia di pickup DiMarzio customizzati garantisce una voce potente eppure dinamica, con tutta la flessibilità di un doppio split pensato per adattare lo strumento non solo ai clean in ambito metal, ma anche ai territori più soft e retrò.
I modelli sono basati su un D Activator per il ponte e un PAF Pro al manico, modificati per un timbro più improntato sulle frequenze medie, in modo che le note fossero più a fuoco con le fondamentali in maggiore evidenza rispetto alle armoniche superiori. Per ampliarne la palette espressiva, Chris ha richiesto anche un killswitch e un selettore per bypassare l’equalizzazione al fine di spedire dritta all’uscita tutta la potenza dei pickup da soli, senza filtri.

chitarre elettriche chris broderick jackson
Link utili
La storia della Jackson Randy Rhoads
Le signature di Chris Broderick sul sito Jackson
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Nuovo shape single-cut da Solar Guitars
David Gilmour racconta la Black Strat
Phil Demmel mostra le sue due Fury
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964