DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La maestra di Heavy Metal
La maestra di Heavy Metal
di [user #116] - pubblicato il

Al via un ciclo di lezioni dedicate alla chitarra heavy metal. Pensate soprattutto per i principianti o per chi - magari già esperto - non si è mai misurato con questo genere, queste lezioni si concentreranno soprattutto sull'aspetto ritmico: si affronteranno scale e sonorità tipiche del genere, triadi, arpeggi e possibilità di armonizzazione. Conosciamo, l'insegnante, Giulia Coletti.
Una buona maniera per conoscere un nuovo insegnante di chitarra è chiedergli chi sono i suoi chitarristi di riferimento. Dicci i tuoi…
Di sicuro Paul Gilbert, Dimebag Darrel dei Pantera e Jeff Waters degli Annilator
 
Dimebag Darrel resta "il chitarrista" dei chitarristi metal...
Darrel aveva uno stile unico con un’impronta, un approccio alla plettrata meraviglioso, anche invasivo se vuoi, visto che il suono, l’attacco era così irruento, sfacciato. Ma tutto il lavoro della sua mano destra era fenomenale, nella pronuncia solistica e soprattutto nell’incisività e articolazione ritmica dove resta un riferimento per certi versi ancora ineguagliato.

La maestra di Heavy Metal
 
Jeff Waters, invece, forse è un chitarrista un po’ sottovalutato...
Sì! E invece è un musicista molto completo capace di fondere una matrice chitarristica molto tradizionale, alla AC/DC per intenderci, con inserti modernissimi di speed metal. L’ho sempre trovato estremamente stimolante.
 
Di Paul Gilbert, immagino, tu sia legata al periodo più metal, quello neoclassico dei Racer X...
Sì, ma non solo. Gilbert è riuscito a dare visibilità e lustro al suo fraseggio, anche quello più tecnico, in ogni sua fase e avventura musicale anche quelle che sulla carta sembravano meno propense a ospitare virtuosismi e shred. Se penso al neo classico, però, i miei preferiti restano i Cacophony. Adoro Marty Friedman…
 
 Cosa ti piace?
Il neo classico è una corrente musicale nella quale il metal ha attinto a piene mani dalla musica di compositori come Bach, Paganini, Vivaldi per creare un fraseggio solistico molto tecnico che si serviva di elementi legati più alla musica classica che al rock blues: e quindi scale minori armoniche, triadi, arpeggi diminuiti. Friedman riusciva comunque a inserire in questo contesto degli elementi personali, sonorità esotiche, inquietanti. E poi ha un bending eccezionale, emozionante…

La maestra di Heavy Metal
 
Cosa rende così unico il bending di Friedman?
L’espressività: il modo in cui tira le note ti attacca letteralmente al cuore. Tirandole le trascina dentro e fuori dalla tonalità creando quel suono melodrammatico, intensissimo…
 
Parliamo ancora degli elementi che il metal neoclassico ha portato nel solismo chitarristico…
L’inserimento e utilizzo di un certo tipo di scale e l’utilizzo intenso di sequenze di triadi, l’articolazione di arpeggi su più ottave ha reso necessario un ampliamento dei mezzi tecnici espressivi a disposizione del tradizionale chitarrismo rock blues. La tecnica chitarristica tradizionale non supportava l’esecuzione di materiale così complesso e lontano dai cliché rock, blues, tutti pentatonici. Nelle lezioni che affronteremo cercherò proprio di fornire i primi elementi per gestire queste nuove sonorità.

La maestra di Heavy Metal
 
Su cosa ti sei concentrata in particolare?
Vari aspetti. Primo tra tutti il suono, quello delle scale minori, del modo frigio: scale e sonorità caratteristiche di questo genere. Poi l’approccio ritmico, l’utilizzo delle triadi, la possibilità di armonizzare. E quindi, necessariamente, un approccio basico allo sweep picking.
 
A chi ti sei rivolta?
Soprattutto ai principianti o a chi, già in possesso di un chitarrismo solido, non ha ancora mai sperimentato ed esplorato sonorità e soluzioni vicine al metal. Fermo restando che, proprio perchè di natura abbordabile, gli studi che proporrò credo che, a prescindere dal genere suonato, risulteranno utili per i meno esperti che devono assimilare, per esempio, il modo frigio, la triadi e i rimi approcci alle armonizzazioni...
 
Ultimamente in ambito rock e metal si ascoltano ottime chitarriste…
Una delle mie preferite, da sempre, è Jennifer Batten che da trent’anni è un riferimento in questa scena. È una vera icona. Venendo al presente, una delle mie preferite è Nili Brosh; anzi, mi esalta l’idea di condividere questo spazio didattico su Accordo con lei, dal momento che è una delle columnist che leggo e seguo sempre.
 
In questi video imbracci una Jackson. Chi è nel metal il chitarrista che associ di più a questa chitarra?
L’ho nominato prima: Marty Friedman! Il binomio Friedman Jackson ai tempi dei Megadeth era semplicemente perfetto. Davvero suggestivo!

intervista lezioni
Link utili
La chitarra Jackson di Giulia
La pagina di Giulia
Tystnaden, la band di Giulia

Mostra commenti     3
Altro da leggere
Marty Friedman: due buone ragioni per iniziare a suonare la chitarra
Endless Sweeping Technique
Luca Mantovanelli, nuova chitarra sul palco di Eros Ramazzotti
Daniele Gottardo e Laney LA Studio
Claudio Bruno: in tour con Gazzelle e Fulminacci
Intervista a Mark Lettieri, Snarky Puppy
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964