CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Quanti cantautori e giornalisti devono ringraziare De Andrè

di [user #15902] - pubblicato il
Non sono mai stato un fan di De Andrè anche se nè riconosco l'importanza ecc.....
Quello che mi chiedo in questi giorni per l'anniversario della morte,( in realtà me lo sono chiesto più volte) è :

Avete mai fatto caso tra cantautori più o meno famosi,  giornalisti , gente dello spettacolo e intellettuali sopravvalutati in quanti usano la sua figura per fare o spettacoli teatrali o concerti tributo e roba varia ?

Io lo trovo un pò troppo abusto ma magari mi sbaglio....

Un altro è Giorgio Gaber.

Niente era solo un impressione.

Ciao.
Dello stesso autore
Boss ms-3
Per chi avesse ancora dei dubbi sulla qualità del digitale chieda a Knopfler........
Novita dalla Fractal.
Jonathan Kreisberg
T.Rex Pedals dichiara bancarotta.
"Nuova " linea di pedali Moog looking.
Questo è un truffatore occhio, leggete.
Stasera in tv c'è un bel Doc. sui turnisti
Loggati per commentare

di TidalRace [user #16055]
commento del 11/01/2019 ore 14:09:26
Ci sono le tribute band di molti artisti che serve anche a farli conoscere ai più giovani, ci sono giornalisti e critici che hanno denigrato un artista finchè era in vita salvo in seguito tessere le loro lodi e poi ci sono artisti scomparsi da poco o da anni di cui nessuno più parla. Ad esempio il grande Ivan Graziani se non fosse per il premio "Pigro" non so se sarebbe ancora ricordato.
De Andrè è stato un poeta prima che un cantautore e le sue opere potevano anche essere ascoltate senza musica, solo leggendo le parole
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 17:25:08
Si concordo, con Graziani è davvero il caso di usare il termine artista sottovalutato.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 11/01/2019 ore 15:08:02
Per forza amico mio, De André e Gaber sono imprescindibili per chiunque voglia approcciare al cantautorato italiano.
Le loro canzoni verranno ricordate anche fra 50 o 100 anni.
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 17:22:39
Si si, è che a volte mi da l'impressione che quando qualcuno non sa cosa fare si inventi un tributo a De Andrè, ahahah. è solo una mia deviazione mentale......
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 11/01/2019 ore 15:55:18
non so perche, nonostante Faber e Guccini, siano stati i migliori cantastorie con i testi + colti e tuttaltro che superficiali o banali, io non sono mai riuscito ad ascoltarmi un loro disco per intero, cosa che con Dalla, Graziani o Battisti non mi è mai successo.
di Gaber, apprezzo molto invece la sua ironia e la sua comicità del vecchio cabaret.
sinceramente però, dalle mie parti non ho visto tanti tributi a Faber, ne ho visti molti di + per Lucio Battisti
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 17:23:36
Io ho sempre preferito Battisti e Dalla sia a De Andrè che a Gaber.....
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 11/01/2019 ore 17:29:22
Per me è stato lo stesso per anni.
Poi ho capito che il disco andava contestualizzato.
Ad Es Storia di un impiegato.
Lo devo ascoltare per forza per intero, non riuscirei ad ascoltare solo una o due canzoni e basta.
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 17:40:11
Si è giustissimo però di Battisti per esempio ho sempre preferito tutta la parte musicale rispetto a Faber, questo include parte armonica, arrangiamenti, suoni e soluzioni melodiche, i testi non sono paragonabili, De Andrè era davvero un grande in questo però il mio rapporto con le canzoni si basa primariamente sulla musica, al testo do meno importanza, non che non lo sia però se di una canzone mi piace il testo e non la musica difficilmente la ascolterò, al contrario se tutta la parte musicale di una canzone, melodia compresa ovviamente mi piace anche se il testo non è da premio Nobel non è che mi interessi gran che, non so se mi spiego.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 11/01/2019 ore 17:46:23
Certo che sì, capisco ci mancherebbe, ci sta , sono gusti. Tra l'altro uno non esclude l'altro,anche a me piace molto Battisti per alcune cose e l'ho suonato molto alla chitarra invece De Andrè poco e niente
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 17:50:17
Si certo, più o meno è la stessa cosa con Guccini, grandi testo però mi annoia molto presto, Dalla invece per me ha delle canzoni che musicalmente spaccano e anche i testi sono belli.....
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 11/01/2019 ore 18:05:35
Dalla al top, ha fatto cose meravigliose.
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 11/01/2019 ore 18:07:47
È si, concordo........
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 11/01/2019 ore 18:40:29
e dei tributi a Dalla non è che ce ne siano tanti, o per lo meno dalle mie parti non ne ho mai sentiti, ed è un vero peccato.
è stato il + grande cantautore che abbiamo avuto in Italia, non riesco a pensare a nessuno che sia stato + profondo di lui, sia nelle musiche, sia negli arrangiamenti, sia nei testi, non a caso era anche un polistrumentista, un genio a dir poco
Rispondi
di Oblio [user #43248]
commento del 11/01/2019 ore 21:16:33
Per me de Andre' e' stato uno dei piu' grandi poeti che il nostro paese abbia mai generato ,veramente rivoluzionario per i temi trattati in un'epoca dove il perbenismo forcaiolo si esprimeva ai massimi livelli e quindi merita di essere ricordato e tributato.Tuttavia non l'ho mai apprezzato da un punto di vista stettamente musicale, l'ho sempre visto quasi piu' come un cantastorie d'altri tempi......esperienza PFM a parte...li tutti a casa De Andre' ha preso il volo (tengo quel doppio come un'oracolo)
Rispondi
di wo [user #11945]
commento del 12/01/2019 ore 01:51:04
Grande rispetto per De Andrè, ma per me il più grande di tutti in Italia resta il maestro Franco Battiato. Buona notte a tutti
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Studiare Jaco Pastorius
Mark Knopfler spiega perché scelse Sting per "Money For Nothing"
FireBrand: mini-hi-gain da Joyo
30 Vintage Hot per l’anniversario Fralin: già rarità da collezione...
Alex Lifeson: la chitarra alata dei Rush
Nel nuovo album dei Queens of the Stone Age anche Dave Grohl e Billy G...
Adam Hall Pad Eco 1: fine delle trasmissioni
Torna il primo catalogo Charvel per i 40 anni
Lavorare con la musica all'estero
Galaxy: versatilità Supro a valvole
Il suono del sud in un combo: Club 40 MkII Kentucky Special
Chase Bliss Mood trasforma il suono con micro-loop e ambienti eterei
G290: la super-Strat Cort fa la voce grossa
Una performance di Levante apre da Malpensa il viaggio verso la Milano...
Life Pedal: distorsore, octaver e boost in serie limitata

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964