CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Namm 2019: Mezzabarba Trinity
Namm 2019: Mezzabarba Trinity
di [user #116] - pubblicato il

Mezzabarba al Namm con tre canali, una flessibilità sufficiente a coprire le necessità dei chitarristi patiti dei clean dinamici fino ai fan delle distorsioni hi-gain e controlli approfonditi.
Pierangelo Mezzabarba presenta alle telecamere di Accordo la Trinity, ultima arrivata nel catalogo di casa con un carico di versatilità e tono.
Rigorosamente made in Italy, la testata mostrata in anteprima al Namm 2019 sfoggia tre canali e un pannello ricco di manopole e switch con cui personalizzare ogni aspetto del suono.

Il primo canale dispone di un’equalizzazione a tre bande dedicata, controllo di gain e manopola per il volume. Responsabile di suoni puliti brillanti e ricchi di armoniche, produce con note dall’attacco deciso e promette una sensibilità elevata sotto le dita.
Un secondo tonestack a tre bande è in comune tra i due canali distorti, che conservano però regolazioni indipendenti di volume e drive.
Il secondo canale è dedicato ai crunch dal sapore vintage e con una spiccata risposta dinamica, fino ad arrivare a suoni rock presenti e articolati quando si aziona il boost.
Il terzo canale comincia laddove il secondo giunge a fine corsa. Moderno e aggressivo, dà vita a una distorsione pura che può passare da un suono più asciutto per le ritmiche a uno più rotondo e pieno per il solismo con l’attivazione del boost.

Loop effetti valvolare a scelta tra seriale e parallelo, due master separati sul retro insieme a Presence, Feedback e Depth, programmazione MIDI e USB completano la dotazione tecnica per un amplificatore dal timbro deciso e riconoscibile ma al contempo malleabile a sufficienza da accompagnare sul palco e in studio musicisti di ogni estrazione ed esigenze.

amplificatori mezzabarba namm show 2019 trinity
Link utili
Trinity sul sito Mezzabarba
Nascondi commenti     12
Loggati per commentare

di francesco72 [user #31226]
commento del 31/01/2019 ore 18:51:42
A sentirla raccontare e conoscendo la qualità dei prodotti precedenti si direbbe una bomba, aspetto di sentirla suonare. Tuttavia (sarà che ormai vado di digitale) ritengo che questi prodotti siano destinati alla nicchia. Da un lato costano parecchio (giustificatamente, per carità) dall'altro pesano ed ingombrano come delle bare piene per cui li vedo interessanti solo per chi ha qualcuno che glieli trasporta oppure per sale prova e studi di registrazione. Sinceramente non mi ci vedo più a scarrozzare 20 kg (solo la testata) pronti a sparare 100w di potenza per poi usare l'ampli a 1, 1/2, avendo speso quasi 2.000 euro.
Ciao
Rispondi
di c9 [user #37327]
commento del 31/01/2019 ore 21:45:00
Pienamente d'accordo.... Guardavo oggi un video live degli alabama shakes dove suonavano con una tiny terror belli tranquilli :-)
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 31/01/2019 ore 23:53:26
Quando ho letto 2000 euro ero già pronto con la carta di credito per ordinarla...poi altri 100 al mese per andare in palestra e rinforzare i bicipiti.
In realtà qui negli States la testata costa 4,199 dollari...
Svanito il sogno :-) e pienamente d’accordo con te.
Rispondi
di esseneto [user #12492]
commento del 01/02/2019 ore 09:37:49
Penso che l'utilizzo di queste testate a più canali strapiene di valvole e con trasformatori da 10 kg sia ormai arrivato quasi al capolinea . Sempre più musicisti che necessitano timbri moderni e versatili adatti a diverse situazioni si affidano ai suoni delle pedaliere e/o testate modelling bypassando notevoli costi di manutenzione , pesi , usufruendo di tantissimi suoni . Per chi come me suona Rock /Blues nudo e crudo una testata valvolare monocanale e una cassa continuano a rimanere indispensabili .
Rispondi
di Ghesboro [user #47283]
commento del 01/02/2019 ore 14:38:28
Mi trovi d'accordo, strano a dirsi ma più si va avanti e si guarda alla modernità e più sono le testate moderne a diventare desuete e poco appetibili rispetto ad un ben più pratico, aggiornabile e totalmente personalizzabile dispositivo digitale. Perché diciamolo, chi é cresciuto con il mito della superlead attaccata ad una 4x12 con LP/strato al seguito e giusto un OD e un delay difficilmente si lancerà su un kemper, mentre i possibili fans della testata di cui sopra puntano spesso proprio ad un discorso di praticità e versatilità tipiche di kemper, axefx e simili.
Rispondi
di francescolomunno [user #38311]
commento del 01/02/2019 ore 17:37:43
E questa cosa l'hanno capita bene alla Marshall, visto cosa hanno presentato al NAMM
Rispondi
di esseneto [user #12492]
commento del 01/02/2019 ore 21:11:12
Alla Marshall marchio a cui sono fedele dal 1986 hanno capito che dovevano inventarsi qualcosa di nuovo restando contemporaneamente nel glorioso passato di cui giustamente vanno fieri . 20 watt sono più gestibili di 100 inoltre hanno ridotto dimensioni e peso mi sembra un ottima scelta !
Rispondi
di lorenzof [user #17952]
commento del 13/02/2019 ore 14:15:05
Sui "costi di manutenzione" a parte le valvole, una head ben fatta dura 40 anni e la rivendi ottimamente se la tratti bene. La vita di un modeler non arriva a 1/4 del tempo e comunque dopo 10 anni varrebbe zero.
Rispondi
di lorenzof [user #17952]
commento del 13/02/2019 ore 14:07:53
Sono orgoglioso di questo talento che abbiamo in casa, ma sono passato qui per leggere i commenti :-D
Rispondi
di Jerry487 [user #47054]
commento del 14/02/2019 ore 04:23:59
avendo letto i vostri commenti rispondo e diro la mia! Beh i classici 20 w 50 marshall sono ad uso giocattolo nei pub! La marshall é andata bene fino alla plexi! Purtroppo oggi abbiamo difficolta a suonare nei spazi grandi dove una testata da 100 w ti permette di dire la tua! Che dire ... é vero mezzabarba costa e pesa , io preferisco spezzarmi la schiena per poi tirare fuori il Suono! Non la solita "zanzara"
Rispondi
di noiseblind [user #38966]
commento del 14/02/2019 ore 18:35:23
Se vi spezzate la schiena con 20 kg il problema è da ricercare in voi, non nella testata troppo pesa... capirei una ragazza ma i commenti mi sembrano tutti maschili. Si son sempre portare in giro testate di quel peso, che fate gli smidollati ora? E' questo il rocker moderno? Ci credo che sia un genere morente!!
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 17/02/2019 ore 21:39:47
Io vorrei tanto avere il problema del non farcela a scarrozzarmi un ampli simile.
Rispondi
Altro da leggere
Valeton Asphalt: un chilo di rock n roll
Schertler in Italia con Aramini
Quaini si dà al Kemper, o quasi
Paoletti: “Non abbiate paura di provare cose nuove”
Il Supergroup diventa un mini-ampli smart
NUX nel ring dello smart modeling
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964