CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
​Pro Serie Monarkh: una single cut estrema
​Pro Serie Monarkh: una single cut estrema
di [user #116] - pubblicato il

Jackson propone da sempre strumenti dall’attitudine metal e con la Monarkh non è da meno. Una single cut con la paletta tagliente, i pick up cattivi e il ponte fisso, perfetta per tutto ciò che è estremo.
La Monarkh è una chitarra senza compromessi. Il body single cut in mogano con top in acero marezzato, ospita il set-in neck in un unico pezzo di acero dal profilo slim. Rinforzato con barre in grafite nascosti dalla tastiera a 22 tasti in ebano con radius compound da 12’’ a 16’’.

Grazie alle barre di rinforzo al manico è garantita una stabilità estrema, in grado di resistere alle variazioni di temperatura e umidità senza battere ciglio. Le meccaniche autobloccanti 3+3 sono realizzate da Jackson e danno subito l’impressione di essere stabili e precise. 

La colorazione alien burst si sposa alla perfezione con i segnatasti Ghostfin, una sorta di dente di squalo in trasparenza, realizzati in madreperla bianca. 

Il ponte di tipo tune-o-matic completa con la giusta solidità l’hardware di questa chitarra che, non lo nasconde, fa del metal il suo territorio di caccia abituale. 

L’elettronica è affidata a Seymour Duncan. Nello specifico sulla Monarkh vengono montati un JB e un ’59, un’accoppiata che sa dire il fatto suo anche quando il gain supera la soglia di guardia. 

​Pro Serie Monarkh: una single cut estrema

Lo strumento non è particolarmente leggero. Il mogano e l’acero insieme si fanno sentire, ma è comodo da imbracciare. Lo scasso al manico permette di arrivare fino al 22esimo tasto con facilità e il profilo sottile non affatica. La scala da 24,75’’ rende le 0.010 montate di serie belle morbide e, complice l’action molto bassa, anche quasi troppo morbide. Si potrebbe passare tranquillamente a una scalatura superiore senza problemi. 

Sulle prime bisogna abituarsi ai tre potenziometri, due per volume e uno per il tono, messi un po’ lontani rispetto a dove li si cercherebbe, ma basta farci un po’ l’abitudine. 

Il sound clean della SCQ è quello che conosciamo bene. Nonostante l’aspetto aggressivo e la verniciatura marziana, sa essere gentile, ma senza mai diventare fredda, pecca che spesso si riscontra in strumenti metallari. 

Se si alza il gain non si tira indietro. I due Seymour Duncan, con la buona dose di output che si ritrovano fanno il loro dovere. Collegata a un Fractal non fatica a diventare in un attimo perfetta per il djent. Il sound preciso con molto attacco è perfetto nelle ritmiche, ma sa farsi falere anche quando si accende il delay e ci si lancia in un bell’assolo. 



Con un prezzo che si aggira intorno ai 900 euro la Monarkh risulta avere un ottimo rapporto q/p. È realizzata con cura, assemblata con buoni materiali e, nonostante l’aspetto da cattiva, sa essere una chitarra versatile e pronta a tutto. 


Visita il sito ufficiale di Jackson

 


 
chitarre elettriche jackson monarkh pro scq
Link utili
Visita il sito ufficiale di Jackson
Mostra commenti     8
Altro da leggere
Svelate le prime chitarre Abasi Concepts
Jackson SL2: Mick Thomson e il ponte fantastma
Powercaster: la prima Fender Alternate Reality
P90 e wrap around per la Custom di Jared James Nichols
Il rumore aumenta se tocco le componenti metalliche
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzione
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964