CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Peso di una Stratocaster: un fattore da considerare?

di [user #2321] - pubblicato il
Nell'ultimo anno e mezzo ho fatto un paio di cambiamenti nella mia strumentazione di cui alla lunga mi sono un po' pentito. Tra questi c'è stata la vendita di Stratocaster, che avrei fatto meglio a tenere. Sto pensando seriamente in questi giorni di sparigliare di nuovo le carte e di riprendermi proprio una Strato. Per inciso questa volta sarei orientato sul nuovo. Purtroppo l'acquisto (per motivi sia di reperibilità dalle mie parti che di costo) lo dovrei fare per forza a distanza. Ho già in mente la Strato da ordinare. Dalla scheda molto dettagliata del negozio, emerge che l'unica pecca (per me) potrebbe essere il peso che direi non proprio leggerissimo: 7.8 lbs, ovvero circa 3.5 kg. In generale molti considerano il peso medio/ideale della Strato tra le 7.1 e 7.5 lbs. La perplessità non è legata assolutamente alle eventuali doti sonore. Siamo comunque all'interno di un range assolutamente rispettabile, ma pensavo più al  fattore comodità e maneggevolezza, visto che la mia vecchia Strato era si veramente leggera. Per voi il fattore peso potrebbe essere un "deal breaker"?
Dello stesso autore
Scheda audio entry level
Telecaster e truss rod a fine corsa
A proposito di Relic...
La Epiphone Casino Elitist esce di produzione
Vox AC30TB Rose Morris
Link "risposte ai tuoi commenti"
Problema con installazione Reaper (DAW)
EarthQuaker Devices Westwood Translucent Drive
Loggati per commentare

di bulgi81 [user #45146]
commento del 28/03/2019 ore 09:19:22
Si tratta di abitudine. Io suono Les Paul da anni e quando imbraccio la Tele con schiena smussata (non leggera come una Strato forse, ma ci sia avvicina molto) mi sembra di suonare un giocattolino. Non c'è niente da fare, sono abituato a suonare LP e il peso non è mai stato un problema: faccio sessioni di prove anche di 3-4 ore senza battere ciglio, e non sono un ventenne culturista, ma un 38enne con stile di vita sedentario e pancetta.

Ad ogni modo, la differenza di cui parli tu è circa 3 etti: sei davvero convinto di sentire la differenza? O meglio, sei davvero convinto che la differenza sia tale da pregiudicare la suonabilità? Io non credo proprio.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 14:01:59
Probabilmente come dici è questione di abitudine. D'altro canto però la differenza di peso io tendo a notarla. Fino all'anno scorso avevo a casa una Strato molto leggera (sarà stata circa kg 3.1) e una Tele di peso medio (circa kg 3.5) e devo dire la Strato era veramente un piacere da tenere a tracolla. Peccato veramente non avere sotto mano lo strumento che vorrei acquistare, probabilmente mi aiuterebbe a valutare meglio.
Rispondi
di sonicnoize [user #36973]
commento del 28/03/2019 ore 09:52:27
A parità di legni, (immagino tu stia parlando di ontano che generalmente è il più diffuso su body strato) il più leggero dovrebbe essere normalmente il più asciutto (stagionato) a parità di peso di elettronica e manico.

Per esperienza il peso non conta se ti piace come suona non conta altro, queste sono fissazioni un pò da collezionisti.
Se vuoi una strato più leggera per una questione di schiena prova il frassino dovrebbe avere anche un suono più chiaro però.

Io ho due strato la custom shop è più pesante della classic vibe stramodificata ma le amo entrambe ;)
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 14:09:40
Si tratta effettivamente di ontano e la chitarra in questione è esattamente questa vai al link (sono residente negli USA, per cui la spedizione non è un problema) . Ho premesso nel post che la mia perplessità è solo relativa ad una questione di comodità, non di suono, perché credo che appunto nel range di peso di cui stiamo parlando (tra i kg 3.0/3.5) cambi nulla o poco in termini di resa sonora.
Rispondi
di Diablo01 [user #49509]
commento del 28/03/2019 ore 12:33:01
A parte l'indiscusso fattore del legno che dona alla chitarra una timbrica diversa a seconda della specie usata per costruirla, io credo che non sia proprio il peso a determinare il suono finale, ma la densità del legno stesso e soprattutto il tipo di verniciatura. Le chitarre con il sarcofago esterno non mi sono mai piaciute ho sempre cercato chitarre con verniciature che lasciano "Respirare" il legno che è sempre un materiale vivo e suscettibile di cambiamenti nel corso degli anni. Il legno col tempo stagiona e il suono matura ed a parere mio migliora soprattutto nel sustain ma se lo chiudiamo nel sarcofago, soprattutto nelle chitarre di oggi, questo difficilmente accade. Gommalacca o nitro? Apriamo un altro convegno dai........
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 14:13:53
Sulla Strato e Tele per me la verniciatura deve essere rigorosamente alla nitro, se non fosse per un fatto di veridicità storica. Su altri strumenti vanno bene anche verniciature poliuretaniche, basta appunto sia steso solo un lieve velo e lo strumento non sia appunto incapsulato in una bara di plastica. Ad esempio ho un paio di strumenti giapponesi (Gretsch, Epiphone Elitist) che hanno una verniciatura poliuretanica molto bella e leggera, appena un velo sottile.
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 28/03/2019 ore 15:25:39
Vado completamente OT. Mi sono sempre chiesto, ma la vernice nitro o poliuretanica o gommalacca, da essere spessa ad essere sottile... nessuna credo sia traspirante, una goccia d'acqua non passerà mai attraverso la vernice! O sbaglio?
Oppure ci sono delle vernici traspiranti come quelle che si mettono sui muri?
Capisco lo spessore, che potrebbe influenzare la trasmissione delle vibrazioni (ogni cambio di materiale influisce sulla trasmissione delle onde sonore, infatti le stanze isolate hanno muri fatti da diversi strati di diversi materiali), ma quello di "far respirare il legno" che è stato verniciato mi è sempre sembrata un'ottima trovata di marketing!
Diverso invece il legno che non è protetto da vernice, quello sì che gonfia e si muove come una cosa viva... ma se è ricoperto da vernice non può assorbire l'umidità dell'aria e muoversi.
Ho pensato questa cosa prendendo per esempio il legno esposto agli agenti atmosferici.
Il mio balcone è fatto di assi di legno, non ho dato la vernice negli ultimi 3 anni e le assi si sono mosse tutte a causa dei cambiamenti climatici subiti. Mentre il legno verniciato delle persiane di mio papà, che ci tiene e le rivernicia ogni estate, non si è praticamente mosso in 20 anni. Eppure le venature delle sue persiane si vedono eccome...
Mi manca qualche informazione oppure le cose stanno come penso io?
Rispondi
di Diablo01 [user #49509]
commento del 28/03/2019 ore 15:56:41
Dipende dall'agente plastificante, se si usano olii, resine naturali o cellulose il legno traspira se usi agenti sintetici lo strato plastificante non fa traspirare il legno. Con il tempo poi questi agenti se non sono sintetici si sfogliano e vedi le chitarre perdere pezzetti di verniciatura come ad esempio le ormai blasonate chitarre d'annata!
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 17:13:48
Come scritto nel post sotto, io qualche dubbio sul discorso della traspirazione del legno ce l'ho, però magari se si parla di gommalacca potrebbe essere.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 17:11:24
Anch'io credo che non esista un tipo di laccatura che faccia realmente "traspirare" il legno, tanto meno la nitrocellulosa. Qualche liutaio, anche stimato, l'ho sentito perorare questa causa, ma non credo che fisicamente/chimicamente sia il caso. La verniciatura alla nitro secondo me ha dei pregi estetici, risulta meno vetrosa e più calda rispetto alla poliuretanica e poi invecchia "gentilmente". Dal punto di vista del costo uno strumento laccato in nitrocellulosa viene di più perché il processo di verniciatura risulta più lungo.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 28/03/2019 ore 14:13:10
ho avuto una strato degli anni 70, con body in frassino e il classico palettone, provata e confrontata ai tempi in negozio con altre strato american standard, beh non c'era paragone, era tutta na tra cosa, ma pesava tanto, ma davvero tanto per essere una strato, ma non era quella la pecca.. il problema ero io che non sono un chitarrista da Fender.. infatti dopo 3 anni rivenduta subito senza rimpianti:)
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 14:31:55
Hai ragione, alcune delle Strato anni 70 sono veramente pesanti. Ne aveva una pure il mio vecchio maestro di musica, suonava benissimo, ma volendo si sarebbe potuta usare come àncora per ormeggiare una nave per quanto pesava! Comunque, dopo aver ascoltato (sempre con piacere) i brani che posti, effettivamente non ti ci sento proprio con una Fender!
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 28/03/2019 ore 16:01:43
si si, io proprio non sono da strato, se dovessi prendere una qualsiasi elettrica solo per sfizio, comprerei tutto tranne una strato.. forse una tele, che non ho mai avuto e provato, ma visto che mastico abbastanza il country, credo che con una tele andrei + d'accordo che con una strato;)
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 28/03/2019 ore 17:15:55
Mi ricordo delle prime cose che avevi postato un po' country, si la Tele effettivamente ti calzerebbe a pennello!
Rispondi
di accademico [user #19611]
commento del 29/03/2019 ore 08:27:1
pure io ce l'avevo, del 79, pesava troppo ma suonava molto bene, poi anch'io sono più da humbucker e allora l'ho venduta, ma per e la strato resta quella...
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/03/2019 ore 12:28:21
era per caso natural con battipenna nero?
Rispondi
di accademico [user #19611]
commento del 31/03/2019 ore 14:37:30
Proprio così, con tastiera in acero.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova
Svelate le Bevel Cut: Cort a cassa smussata
B-TWIG 12 Pro: nuovo e ancora più potente
Mic-No-Mo: cab sim Friedman ora stand alone
Piano City Milano, i concerti dei giovani talenti
ACFS580CE: Ibanez da fingerstyle

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964