DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
di [user #116] - pubblicato il

Discutiamo assieme assieme a Gianluca Palmieri circa le differenze tra l'essere un musicista in America piuttosto che Italia. Gianluca che lavora in America da tanti anni dividendosi tra l'insegnamento al Musician Institute di Los Angeles e l'attività di session man, ci spiega la natura di tali differenze e sprona la scena italiana a prendere d'esempio quella americana per un aspetto preciso: la meritocrazia. "Bisognerebbe dare più spazio a chi vale piuttosto che a qualcuno che ha un amico importante"


Se vogliamo ragionare sulle tante e rilevanti differenze che intercorrono tra la musica, l’essere musicisti, lavorare nella musica, in Italia e America, in primo luogo va chiarito che tali differenze interessano più un discorso di quantità di possibilità lavorative che di qualità musicale in sé.
Lavorando e insegnando a livello professionale da anni in America, posso serenamente fare un confronto e dire che il livello musicale in Italia è altissimo: ci sono musicisti e strumentisti eccellenti, dotati di un talento enorme e le scuole presenti nel nostro paese sono ottime, tanto da non avere nulla da invidiare a quelle d’oltreoceano per il livello di preparazione che sono in grado di offrire. E questo è frutto anche di una società, quella italiana, in cui la cultura della musica è profondamente radicata. Al contempo, però, il mercato della musica in Italia è in crisi e come conseguenza immediata, questo riduce le possibilità e occasioni lavorative, i budget; possibilità che invece, sono molto più numerose in America. 
Los Angeles, per esempio, è la capitale mondiale dell’intrattenimento e in una città del genere esistono tanto le possibilità per batteristi preparatissimi che puntano a una carriera prestigiosa e importante, tanto per batteristi, comunque bravi, che semplicemente ambiscono a lavorare con continuità e successo nel quotidiano, in circuiti più piccoli ma che consentono comunque loro una certa stabilità e costanza lavorativa.

Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti

L’America poi, offre un altro beneficio: la grande commistione di culture presenti favorisce il fatto che si creino in maniera molto spontanea, progetti musicali che, naturalmente, hanno una proiezione internazionale, mondiale.
L’altra sostanziale differenza è una conseguenza proprio dalla disparità di possibilità lavorative dei due paesi: la maggiore tranquillità professionale che esiste in America concilia tra i musicisti un clima più collaborativo, di scambio e confronto; cosa che, invece, in Italia è meno presente. L’eccessiva competitività che si respira in Italia, dovuta all’esigenza di accaparrarsi le poche possibilità di lavoro, si riverbera in maniera non positiva nella musica, vista l’atmosfera a volte nervosa che si genera nel mondo del professionismo musicale.
Da ultimo, un grande consiglio che la scena italiana potrebbe lasciare che quella americana gli suggerisse, interessa la meritocrazia. In America ci sono costantemente audizioni e provini che fanno sì che, di continuo, si dia spazio e lavoro a nuovi musicisti. Musicisti che si guadagnano i lavori sul campo, grazie alla loro bravura e preparazione. Rinvigorire questo approccio in Italia, permetterebbe a tanti musicisti che valgono, che meritano di trovare spazi e avere visibilità, di lavorare a scapito di quelli che lo fanno, prima ancora che per le loro capacità, per qualche contatto o amicizia importante.



Gianluca Palmieri è un giovane e brillante batterista italiano che sì è ritagliato un posto al sole nella scena batteristica internazionale. Dal 2013 è docente di batteria al prestigioso Musician Institute di Los Angeles e collabora in pianta stabile con il chitarrista Greg Howe che accompagna live e nell'attività discografica. Da qualche mese su Accordo dispensa dritte, spunti e consigli su come gestire al meglio la propria vita e attività di batteristi professionisti.
Ecco alcuni dei suoi precedenti articoli.

LETTURA & VERSATILITA'  (Clicca per leggere)

I MUSICISTI IMMODESTI E PERMALOSI RESTANO A CASA (Clicca per leggere)

TRE COSE INDISPENSABILI PER SUONARE LA BATTERIA  (Clicca per leggere)

SUONARE CON GREG HOWE (Clicca per leggere)
gianluca palmieri lezioni lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Gianluca Palmieri
Il sito del Musician Institute
Mostra commenti     5
Altro da leggere
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: copiare da tanti
Ellade Bandini & le spazzole di Paolo Conte
Fare i dischi. E poi studiare.
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di Pino Daniele
Linear Fill: il metodo di batteria
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Batteria: 50 dischi fondamentali. Nevermind dei Nirvana
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Toto IV" dei Toto
Tre cose indispensabili per suonare la batteria.
I musicisti immodesti e permalosi restano a casa
Matt Garstka: rudimenti, tecnica & personalità
Tenere il tempo: facciamoci delle domande
"Life" il disco di Federico Malaman
Batteria, 50 dischi fondamentali: "Rage Against The Machine"
Gianluca Palmieri: suonare con Greg Howe
Federico Malaman: Triadi & Quadriadi
Federico Paulovich: la musica è divertimento, riflessione e leggerezza
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964