CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
La Nocaster di Joe Bonamassa sotto i microscopi del Custom Shop
La Nocaster di Joe Bonamassa sotto i microscopi del Custom Shop
di [user #116] - pubblicato il

Ultime da Instagram: Joe Bonamassa ha consegnato la sua Fender del 1951 al Custom Shop per uno studio approfondito. Una replica potrebbe essere in arrivo.
Non c’è stato un vero e proprio annuncio a riguardo, ma solo delle piccole anticipazioni sul profilo Instagram di Joe Bonamassa. Alcuni giorni fa, sulla pagina dell’artista, compariva una fotografia della sua splendida Nocaster nella tenuta/museo di Nerdville, con didascalia: “Mr Nocaster si gode l’ultima notte a casa in giro per i giardini di Nerdville prima del viaggio per Corona, California, per un’ispezione.”

La Nocaster di Joe Bonamassa sotto i microscopi del Custom Shop

Quella in foto è una chitarra elettrica Fender del 1951, all’epoca nota come Nocaster in quanto proveniente da un periodo di transizione nel quale l’azienda aveva abbandonato per motivi legali il nome originale di Broadcaster e non aveva ancora adottato l’attuale Telecaster.

Ricercata dai collezionisti, tutt’ora usata in maniera intensiva da Joe anche dal vivo, la sua chitarra è stata modificata in passato con un humbucker al manico, montato su una cornicetta in plastica nera sul battipenna. All’apparenza un modello in stile PAF, il pickup dona allo strumento un carattere singolare e altamente riconoscibile, che ne ha fatto uno dei pezzi più invidiati nella collezione di Bonamassa.



Come promesso, la chitarra ha lasciato poco dopo la sua casa per approdare agli stabilimenti del Fender Custom Shop. A testimonianza, una nuova foto la ritrae dinnanzi all’edificio: “Mr Nocaster nella sua casa temporanea per i prossimi mesi”.
Fender non ha ancora condiviso dettagli su cosa stia bollendo in pentola, ma è lecito aspettarsi qualcosa di succoso per il prossimo Namm Show.

La Nocaster di Joe Bonamassa sotto i microscopi del Custom Shop
chitarre elettriche custom shop fender joe bonamassa nocaster vintage
Link utili
Sito Fender Custom Shop
Joe Bonamassa su Instagram
Nascondi commenti     38
Loggati per commentare

di MuddyWaters [user #47880]
commento del 07/10/2019 ore 12:17:21
E che possono fare? L'ennesima vuota signature per collezionisti che costa cifre a ventordici zeri. Che poi a me Bonamassa non mi dice proprio niente.
Rispondi
di maxnumero1 utente non più registrato
commento del 07/10/2019 ore 12:33:5
fossi io,capace di suonare come Bonamassa...
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 07/10/2019 ore 12:43:59
Solo a me ha rotto questa cosa di mitizzare gli strumenti vintage?

PS:
Bonamassa : SRV = Satriani : EVH
tuttavia vorrei suonare io così...
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 07/10/2019 ore 12:47:47
a me va bene mitizzare gli strumenti vintage, il problema è che le copie spesso catturano solo l'aspetto, o per lo meno non tutta la parte sonora. Ho sentito qui su accordo paragoni proprio di Esquire vintage vs Custom Shop e la differenza è notevole.
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 07/10/2019 ore 13:27:06
Che palle 'ste operazioni
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 07/10/2019 ore 17:06:42
Vi prego non la buttiamo sulle solite stupide idiote critiche personali nei confronti di Bonamassa......
Ci sta commentare la chitarra, le operazioni commerciali, ecc. Ma un ennesima infinita discussione Bonamassa Vs. SRV/Hendrix/ecc. ecc. ecc. NO, please!!!
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 07/10/2019 ore 17:21:21
Sono d'accordo.
Non lo annovero fra i miei 10 chitarristi preferiti...anzi, forse nemmeno fra i primi 20.
Ma darei un rene per suonare come lui.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 07/10/2019 ore 19:04:58
Cosa può avere una eventuale replica della Nocaster di Joe bonamassa, rispetto alla mia Nocaster replica del Custom Shop fender?
A parte l'humbucker al manico.
Legni di qualità ancora maggiore?
Elettronica studiata ad arte?
Mi piacerebbe provarla ma temo che non sarà possibile.
Sarà un pezzo da collezione con tutti gli esemplari già venduti prima di trovarli nei negozi.
Rispondi
di Bedrock [user #46342]
commento del 07/10/2019 ore 20:57:43
Io non mi vergogno a dire che il caro Joe mi piace e pure parecchio :)
Della Nocaster invece non mi frega nulla :)
Rispondi
di Lucifer [user #46960]
commento del 08/10/2019 ore 06:13:52
E ci mancherebbe che te ne vergognassi! Tutti quelli che lo attaccano è o per partito preso o perchè non hanno capito niente dell'evoluzione del Blues! Sono arciconvinto che se anche Joe facesse un CD di solo blues acustico vecchia scuola avrebbero lo stesso da ridire per vari ed eventuali motivi... Ciao.
Rispondi
di swing [user #1906]
commento del 08/10/2019 ore 09:01:15
Ne avrà una anche lui per sostituire la originale più preziosa. Non ho nulla contro il collezionismo, lo fa chi se lo può permettere, piacerebbe anche a me averne la possibilità!! Invece mi ritrovo a vendere tutto ciò che non uso più ed a volte me ne pento (anzi spesso).
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 08/10/2019 ore 09:18:53
A me Bonamassa piace. Mi riferivo all'ennesima replica della Fender..
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 08/10/2019 ore 09:30:18
La cosa sa tanto di operazione pubblicitaria. Se, infatti, il custom shop di Fender non è in grado di ricostruire la nocaster di Bonamassa senza doverla "studiare per mesi", i casi sono solo due: o la chitarra ha qualcosa di magico, oppure quei liutai abili come uno che sa appena cambiare le corde.
Come già scritto sopra, anch'io immagino ne uscirà la solita replica di una chitarra Fender che siccome fu imbracciata da Tizio costerà zilioni, vedasi la Hendrix o la Jimi Page, solo per rimanere nell'anno 2019.
Mah
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 08/10/2019 ore 16:14:38
Credo sia un'operazione tipo Collector Choice di Gibson, quindi hanno bisogno della chitarra in mano per replicare esattamente al millesimo le specifiche e dettagli dell'originale. Così si potrebbe soiegare la necessitá di avere la chitarra in mano.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 08/10/2019 ore 09:32:22
Su Bonamassa, che reputo ottimo chitarrista, ma non mi appassiona più di tanto, ho solo un dubbio: ma non era endorser Gibson? Non è che 'sta pantomima serve a preparare il terreno al salto di staccionata?
Ciao
Rispondi
di mrnippo [user #31138]
commento del 08/10/2019 ore 17:49:1
endorser di chi non lo so...ma in una intervista bonamassa diceva candidamente che gli piace fare i "guitar safari", e colleziona ampli fender tweed, e chitarre fender strato/tele e gibson les paul perchè a lui piacciono queste.
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 08/10/2019 ore 10:48:37
Gran bella chitarra da sogno e gran chitarrista.
Ma detto questo, da articoli del genere che si pretende da noi appassionati? Dobbiamo empatizzare con chi o cosa esattamente? Né possiamo metterci a sperare che al NAMM venga presentato questo o quello, tanto sarebbe un prodotto non per pochi, ma per pochissimi. Io poi sono anche disposto ad ammirare prodotti fuori dalla mia possibilità, però qui non è neanche stato presentato nulla quindi è mera speculazione.
Non metto in discussione la super chitarra, né il prezzo di un prodotto replica (li varrà tutti sicuramente), né il chitarrista (ce ne fossero altri come lui in giro!), ma non pretendete troppo da noi commentatori.
Non mi lascerò provocare, quindi non trascenderò scrivendo qualche sparata critica.
Rispondi
di esseneto [user #12492]
commento del 08/10/2019 ore 11:16:29
Bonamassa può piacere o meno ma è innegabile che grazie a lui la chitarra elettrica continua ad essere la protagonista indiscussa del Rock/Blues di cui Bonamassa è il re .
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 08/10/2019 ore 11:42:13
A dispetto del suo aspetto, che ha tutto fuorché del rocker (questo sta ad indicare che tutti possono fare rock/blues, non solo chi si veste e atteggia da rocker), lui è veramente fenomenale.
Uno dei tanti punti di riferimento per la chitarra rock/blues.
La chitarra è bellissima, ma non credo troppo all'aurea che sta intorno agli strumenti vintage, inteso come suono.
Rispondi
di gian37 [user #29984]
commento del 08/10/2019 ore 17:10:52
..è
..la classica operazione commerciale per ricchi gonzi danarosi
.la fanno a fettine con lo scanner e la ricostruiscono in numero limitato e con firma autografa con il 3D come è stato fatto con la 335 di Clapton con tecnologia ormai obsoleta. Suonerà ne più ne meno come una buona custom shop ma con il costo 5 volte di più.. ricordatevi sempre che una buona mano fa suonare bene anche un manico di scopa..
Rispondi
di mario60 [user #9182]
commento del 08/10/2019 ore 20:48:00
Bonamassa non piace nemmeno a me, fra i contemporanei preferisco JD Simo o Marcus king, questione di gusti. Come già risaputo non è lo strumento che fa il musicista, ennesima operazione commerciale
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 08/10/2019 ore 21:08:30
Marcus King!
Fantastico!
Il suo stile/suono/voce/attitudine mi fa impazzire.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 08/10/2019 ore 21:11:41
Comunque ragazzi, io un'altra Nocaster con hb al manico (o ancora meglio con un Charlie Christian) me la farei molto più che volentieri.
Solo che non posso (:-/
Rispondi
di Logan72 [user #20857]
commento del 09/10/2019 ore 07:22:34
Concordo sul fatto che sia un operazione commerciale e onestamente non ci vedo niente di male..... anzi, tenendo conto che in casa Gibson ogni modello Bonamassa ha avuto la sua versione economica Epiphone, mi aspetto una scelta analoga di Fender. Una Classic Vibe o una MIM potrebbe essere interessante.....
Rispondi
di esseneto [user #12492]
commento del 09/10/2019 ore 09:55:11
Spero anch'io in una versione "umana" di un eventuale signature .
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 09/10/2019 ore 11:08:15
Anche io non adoro le canzoni del buon Bonamassa, tuttavia ho grande rispetto per il suo immenso talento. Detto questo, non capisco il senso di chitarre signature di artisti di questo tipo. Cioè, Bonamassa è sicuramente bravo e talentuoso, ma sfido chiunque a riconoscere il suo sound! Secondo me hanno più senso chitarre signature di artisti il cui suono è inconfondibile, le cui chitarre sono riconoscibili dopo tre secondi di ascolto, e le cui repliche permettano a fan e musicisti amatoriali di replicare quel suono
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/10/2019 ore 11:34:35
In realtà replicare il suono dell'artista di riferimento tramite l'acquisto di strumentazione signature è pura illusione.

Anche perché i vari Hendrix, Gilmour, EC, Knopfler ecc avevano comuni strumenti standard per l'epoca..

Se uno sa suonare bene riproduce quelle sonorità con strumenti standard.
Sennò non c'è signature che tenga..
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 09/10/2019 ore 12:28:21
Certo, hai perfettamente ragione. Però se uno vuole replicare alla perfezione il suono di un determinato chitarrista, magari per una cover band o in quanto fan sfegatato, sicuramente un modello signature può aiutare. Nel caso di Bonamassa, non capisco che senso abbiano i suoi modelli signature, visto che ad ogni concerto imbraccia 30 chitarre diverse e, per quanto sia un musicista straordinario, non è certo famoso per un sound particolare. A differenza di chitarristi magari meno dotati, ma con un sound caratreristico: in tal caso l'acquisto di una signature secondo me ha più senso. Poi, che uno bravo possa replicare più o meno ogni suono anche con una harley benton, siamo perfettamente daccordo!
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/10/2019 ore 12:44:14
Certo.
Joe utilizza di tutto e non mi viene in mente un suo suono riconoscibile..

Certo che se uno apprezza Brian Setzer una 6120 o simile può aiutare, poi chissene se non è la sua signature, che però mi farei all'istante!!
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/10/2019 ore 12:48:54
Probabilmente le signature di Joe esistono per vendere chitarre ai suoi fans, oppure perché il nome Bonamassa può essere ritenuto una garanzia di qualità.
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 09/10/2019 ore 16:16:45
Ti garantisco che non è così. Bonamassa se non lo riconosci dopo 3 secondi è perché non lo conosci bene. E purtroppo avere il modello signature di un artista non ti avvicina nemmeno un po’ al suo sound. Tutti i più grandi chitarristi sono riconoscibili per il loro modo di suonare.. compra una Landau signature, sai come suona? Come una buona strato.. ne più ne meno... e lo riconosci quando suona con Suhr, con Tyler, con telecaster, e tutte le chitarre che usa... avere lo stesso suono di Landau? Impossibile. Nemmeno usando la sua strumentazione. Saremmo solo dei tizi che usano gli strumenti di Landau.
Una signature di Hendrix? Uguale.... una mark Knopfler? Indovina...!

Sul fatto che fare uno strumento signature di bonamassa sia complicato sono d’accordo. In fondo lui è anche un collezionista e non c'è, ad oggi, un solo strumento “caro” che possa identificarlo. Quindi, considerato che il signature esiste SOLO ED UNICAMENTE per vendere le chitarre ai fan dell’artista, io avrei fatto più una vecchia strato come la sparkle gold o una les Paul 59. Sono quelle che usava agli inizi 2000, che erano un po’ le sue uniche chitarre, facenti parte del periodo di ascesa di Bonamassa, che oggi lo ha reso quello che è
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 09/10/2019 ore 18:35:19
Ragazzi, sono un collezionista di signature ma l'idea che con una signature si possa riprodurre il suono di un artista mi fa sganasciare dalle risate. :)
Acquistare una signature è un omaggio a un chitarrista che si apprezza, è un atto di passione verso uno dei protagonisti della musica che ci piace. Personalmente mi affascina l'idea di avere lo strumento che un marchio ha deciso di creare collaborando con un'artista. L'artista comunica all'azienda le sue richieste, ciò che desidera avere su una chitarra e questo oggetto viene messo in commercio, con un sovrapprezzo per il nome che porta su. Alcune si dimostrano molto riuscite, altre no.
Tutto qua. La questione non va oltre, perché se il suono nasce da un'infinità di fattori che occorre mettere assieme per arrivarci. E tra questa infinità di fattori la chitarra signature è quello meno importante e, anzi, perfettamente surrogabile.
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 09/10/2019 ore 21:13:31
Ripeto quanto scritto sopra in quanto sembra che qualcuno non abbia afferrato il concetto. Una cosa è lo stile, un'altra il sound. Come ho scritto in precedenza, un bravo chitarrista saprà, usando la tecnica e gli strumenti adeguati, avvicinarsi a qualsiasi tipo di sound. Se un chitarrista ha intenzione di replicare esattamente il SOUND di un determinato artista, acquistarne la chitarra signature lo aiuterà a raggiungere tale scopo. Non si parla di tecnica, ma di sound. Sto pensando ad esempio alla Squire J. Mascis, o alla telecaster di Joe Strummer, o alla parker di Adrian Belew e molte altre. Con queste chitarre sarà oggettivamente più facile avvicinarsi al loro sound. Se chiedi a chiunque quale sia il suono di bonamassa, forse non saprebbe risponderti neanche lui (e non è detto che sia una cosa negativa, anzi).
Rispondi
di Rock_N_Roller [user #44314]
commento del 11/10/2019 ore 13:18:43
Ah però! Chi sa che bolle in pentola? Comunque per essere una chitarra degli anni 50 nel video di quel live suona mooolto "contemporanea"
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 15/10/2019 ore 18:12:00
Il divertente è che i pickup come quelli di Esquire-Broadcaster-Nocaster-Telecaster erano avvolti a mano e mai avevano lo stesso numero di giri - era tutto aprossimativo e certi erano "hot", altri deboli. A parte il legno, c'era la differenza pickup a fare il sound. I PU Fender della Bonamassa saranno esattamente come la sua Tele, però avvolti da robot fotocopia.
Rispondi
di coltrane [user #15328]
commento del 18/10/2019 ore 01:33:
La verità è che nel futuro prossimo uno del calibro di bonamassa, con sto sound e ste chitarre ve lo sognate. Godetevelo invece di fare i fighetti.
Rispondi
di jester017 [user #47432]
commento del 21/10/2019 ore 12:36:4
Completamente d'accordo.
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 21/10/2019 ore 17:08:35
La Telecaster è una chitarra con le palle! Grande chitarra!
Solo in Italia viene snobbata...tutti stereotipati con la Strato (ce l'ho anche io ma ormai la Tele è la mia preferita)
Rispondi
Altro da leggere
Scopri le rinnovate Charvel Pro-Mod DK24 in video
Dave Mustaine inarrestabile: arriva la Flying V Alien Tech Green
Se la base è valida...
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Fender Stratocaster #0015 del 1954: il restauro ToneTeam
GTRS P800: la chitarra smart Mooer diventa Professional
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964