DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
L’ultima Martin di Kurt Cobain all’asta per cifre record
L’ultima Martin di Kurt Cobain all’asta per cifre record
di [user #116] - pubblicato il

La Martin D-18E imbracciata dal frontman dei Nirvana durante l’MTV Unplugged di New York non era più di proprietà della famiglia Cobain dal 2018.
La Martin D-18E del 1959 suonata da Kurt Cobain durante l’iconico concerto MTV Unplugged tenuto a New York nel 1993 è una delle reliquie più ammirate dai fan dei Nirvana.
Chitarra rara di per sé, in quanto settimo esemplare di soli 302 costruiti, acquisisce un valore notevole per essere stata indicata come l’ultima suonata in pubblico dall’artista prima della sua morte.
L’originalità compromessa dal fatto che Kurt le avesse sostituito i DeArmond originali con dei pickup Bartolini non ne riduce certo la desiderabilità, tanto da renderla una condizione cardine nella contrattazione per il divorzio tra Frances Bean, sua figlia, e Isaiah Silva.
La chitarra ha abbandonato la famiglia Cobain quando la donna ha deciso di cedere lo strumento all’ex marito a condizione che lui lasciasse il tetto coniugale al più presto.



La mossa di Silva, che di certo non ha grossi legami affettivi con la chitarra, non si è fatta attendere: La Martin andrà in vendita all’asta il prossimo giugno. Si prevede che lo strumento possa superare il milione di euro.

L’ultima Martin di Kurt Cobain all’asta per cifre record

Il lotto comprenderà la custodia originale, tre corde usate e un sacchetto scamosciato decorato con tre piccole posate nel quale si dice che Kurt fosse solito tenere l’eroina di cui era dipendente.
La chitarra, visibile con tutti i dettagli del caso a questo link, andrà all’asta il 19 e 20 giugno presso Julien’s Auctions a Beverly Hills.
chitarre acustiche curiosità d18 kurt cobain martin nirvana
Link utili
La famiglia Cobain perde la Martin dell’MTV Unplugged
La Martin D-18E di Kurt Cobain su Julien’s
Nascondi commenti     48
Loggati per commentare

di Tubes [user #15838]
commento del 12/05/2020 ore 08:07:31
I cucchiai dove scioglieva l’eroina? Ma che schifo di reliquia possono essere? Ma che razza di asta può essere questa?
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 12/05/2020 ore 13:06:16
Mi hai tolto le parole di bocca.

E perché non la maglietta vomitata, le mutande smerdate, oppure i vestiti insanguinati dopo la fucilata?



Per il resto, strumento epico, culmine dell'ultima scena musicale significativa
Rispondi
di James007 [user #50761]
commento del 12/05/2020 ore 09:40:11
effettivamente... perche a sto punto non vendere gli escrementi di Elvis qualora esistessero ben integri e coservati da qualche parte.
La gente è strana
Rispondi
di coltrane [user #15328]
commento del 12/05/2020 ore 10:23:2
Una martin violentata e tre cucchiai da tossicodipendenza, ottimo modo di ricordare un musicista.
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 12/05/2020 ore 11:56:35
Personalmente credo sia una gran bella chitarra. Dall'indubbio valore iconico e dal valore in sé. Poi su KC si può dire quel che si vuole, di questi tempi va di gran moda giudicare le persone. Nonostante le sue debolezze è stato un musicista di tutto rispetto che non smetterò mai di avere come riferimento musicale. Per non parlare della band. Per averne ulteriore conferma mi è bastato sentire alcune take dei singoli strumenti di alcuni brani per rendermi conto della precisione, dell'orginalità armonica e del metodo di lavoro della band nella produzione. Oppure ascoltarsi qualche live, anche i primi senza Dave Grohl, per rendersi conto che questi individui avevano TIRO. Se ne dica quel che si vuole ma questi signori hanno inventato un genere ed hanno portato un rinnovamento.

Chi se ne frega dei sacchettini, questa è la chitarra dell'Unplugged in NY!
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 12/05/2020 ore 14:18:37
Straconfermo, musicisti veri, non freddi replicatori, con idee e capacità di scrivere grandi brani e grandi dischi.
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 12/05/2020 ore 21:15:02
Amen.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 12/05/2020 ore 20:34:4
Chissa' a quanto verra' battuto il preservativo bucato che ha portato a Bello Figo....
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 12/05/2020 ore 21:13:36
Ascolta, normalmente non risponderei a questo tipo di interventi, perchè credo sia legittimo esprimere la propria opinione, ed io l'ho fatto in modo civile e non volgare, e sarebbe altrettanto legittimo aspettarsi delle risposte quanto meno attinenti con un minimo di argomentazione. Anche perchè i tuoi interventi li seguo e spesso li condivido.

Alla luce di questo ti rispondo: lo vieni a chiedere a me ?

Non mi sembra di aver in alcun modo elogiato questo tipo di mercimonio, mi limito a parlare in generale del musicista e della chitarra in questione, verso la quale ognuno può legittimamente avere opinioni diverse, e ci sta. Francamente non credo che Cobain avrebbe approvato questo episodio (o magari sì, che ne so io), non ce lo può venire a dire, e sono dell'idea che chi ha preso l'iniziativa di mettere in vendita questa sorta di "pacchetto completo" non credo sia una persona di valore. Poi va bene, possiam parlare del fatto che Cobain Kurt era dipendente dall'eroina. Benissimo, lo era, come la stragrande maggioranza dei jazzisti che hanno fatto la storia, o dei musicisti a seguire. Sicchè se vuoi argomentare bene, ascolterò.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 12/05/2020 ore 22:48:44
Guarda, la mia era solo una battuta. Il mio pensiero in merito alla chitarra ed al disco (stupendo) lo ho espresso in un altra risposta. Al di la' del fatto che considero Bello Figo il punto piu' basso della musica, lo strumento in questione e' per me una Martin stuprata. ed anche il suono sul disco in questione di acustico in senso stretto non ha molto. La questione eroina o meno non mi tocca, che fosse divorato da chissa' quali demoni e' noto ed io cerco di relazionarmi alla musica e basta. Ripeto, bellissimo album, con la cover di Bowie in primo piano. Per il resto non ho mai amato troppo i Nirvana, ma di Smells like teen spirit ancora oggi amo la produzione. Bleach non lo ho e In Utero non lo conosco a fondo.
Ciao!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 12/05/2020 ore 22:59:41
Ciao a te. Bleach secondo il mio parere è un grande album. Fresco, sfacciato, che non ha nulla da perdere. Forse uno dei miei preferiti della loro, a dire il vero non vastissima discografia.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 12/05/2020 ore 23:02:52
Grazie! Lo ascoltero' volentieri!
Rispondi
di agos [user #31752]
commento del 15/05/2020 ore 17:51:21
Brutta risposta, che insulta la persona e non dice nulla sul musicista. Pessimo intervento. Non ti piace BelloFigo? affari tuoi, non lo ascolti, ma il preservativo bucato da cui, secondo te, sarebeb nato, è di una bassezza che non vorrei leggere su accordo.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 16/05/2020 ore 21:16:43
Ok, accetto la critica. Detto questo, non ritenendomi all'altezza dello standard morale del forum credo che mi cancellero' e terro' la bassezza per me.... La mia e' ovviamente una critica a quello che Bello Figo rappresenta musicalmente e non. La stessa bassezza di chi vende cucchiaini per eroina di una persona che non puo' difendersi dalle critiche.
Saluti
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 12/05/2020 ore 12:04:45
Quella chitarra mi ha sempre affascinato, non nascondo che ho cercato fin dalla mia prima adolescenza di riprodurne le fattezze prendendo una chitarra classica, mettendoci le corde da acustica ed un pickup nella buca.
Il suono non era quello, ma lo spirito sì!
Detto questo non credo sia giusto venderla, dovrebbe starsene in un museo, quel concerto è entrato nella storia ed è stato, nel bene e nel male, uno degli eventi culturali più importanti di quel periodo. Il kit di posate può andare all'asta, non è così importante ai fini della storia e qualche svitato disposto a spenderci una fortuna lo si trova sempre, ma quella chitarra no.
Rispondi
di Ghesboro [user #47283]
commento del 12/05/2020 ore 12:24:59
Il capotasto è in eroina rappresa?
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 12/05/2020 ore 12:26:57
la chitarra mi piace indipendentemente dal fatto che sia di Cobain.. i tentativi antichi o all'antica di amplificare l'acustica con pick up da elettrica mi affasciano ...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 12/05/2020 ore 13:57:16
La chitarra ha certamente una sua meritata storia, a me non attira/affascina, certamente è una chitarra violentata, come credo sia stata violentata in molti modi la vita del suo padrone.
Non giudico Cobain, come dice simonec78 è la moda del momento (è la moda da molto tempo) e credo sia il vero male del nostro tempo.
Però non posso non notare il suo volto malinconico (si nota bene anche in quel video) che è sintomo di un grosso disagio, evidente.
Lui lo ha espresso, raccontato, in musica, ma la cosa triste è che non ne è uscito, e come lui un'infinità di altri.
Questa è la vera violenza, e si vede sul suo volto e su quella chitarra, e in un certo senso lo è anche questa mercificazione di "reliquie".
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 12/05/2020 ore 14:43:05
Vabbè i Nirvana non sono in discussione per ogni appassionato di musica rock, caxxo!

La chitarra,... La figlia non avrebbe dovuto darla via...a parte che la potrebbe pure ricomprare.
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 12/05/2020 ore 16:19:38
Sono d'accordo con chi ha detto che quella chitarra dovrebbe stare in un museo. E invece probabilmente finirà nel salotto di qualche fortunato miliardario cinese.
Rispondi
di Jumpy [user #1050]
commento del 12/05/2020 ore 16:29:54
Kurt Cobain guitar pack insomma, capisco il valore storico di una chitarra immortalata in uno degli MTV Unplugged più rilevanti, ma stiam parlando di una Martin massacrata solo per essere finita in quelle mani, le posatine per l'eroina son la ciliegina sulla torta... mah...
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 12/05/2020 ore 20:35:5
Avendo il disco in questione, mi chiedo cosa sia rimasto del suono acustico Martin in questa chitarra stuprata
Rispondi
di c9 utente non più registrato
commento del 12/05/2020 ore 22:44:28
Io penso solo che Kurt Cobain abbia scritto una pagina indelebile della storia della musica, che piaccia o no, che sia scomodo o no, che sia steve vai o no, che fosse eroinomane o no.
Tutto il resto sono stupidaggini... E vorrei vedere a chi non piacerebbe mettere una volta le mani su quella chitarra.
Tra l'altro se dovessi togliere dai miei dischi tutti gli artisti che hanno abusato di sostanze mi rimarrebbe solo lo zecchino d'oro.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 12/05/2020 ore 22:49:42
Non puoi lasciare neanche quello, magari il direttore del coro o dell'orchestra era fatto come una prugna...
Rispondi
di c9 utente non più registrato
commento del 12/05/2020 ore 22:53:3
Sinceramente a questo giro non capisco i tuoi commenti, né al mio né a quelli degli altri... Bho
Rispondi
di agos [user #31752]
commento del 15/05/2020 ore 17:54:41
o magari no.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 13/05/2020 ore 00:01:30
capisco poco la questione della chitarra "stuprata", se una chitarra viene usata per mettere su un progetto epocale come i Nirvana non è uno stupro, è una gloria.. Va bene, il suono che di solito ci interessa ottenere da una martin è un'altro, ma chissenefrega .. :-)
Rispondi
di sugizo [user #5478]
commento del 13/05/2020 ore 12:26:26
Tra l'altro quella chitarra dovrebbe essere uscita amplificata (quindi aggiunti pickup e potenziometri) già dalla Martin...quindi perchè mai parlare di stupro...è un modello nato così
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 13/05/2020 ore 13:38:22
Anche a me sembra di aver capito che in definitiva le sono solo stati cambiati i pickup.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 16/05/2020 ore 21:14:29
Cioe' e' nata cosi'? mmmmm
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 17/05/2020 ore 10:10:00
Ma no. Nessuno lo ha affermato. E' scritto anche nell'articolo, i pick-up DeArmond sono stati sostituiti con dei Bartolini. A mio avviso rientra nella categoria modifiche, poi se chi di dovere abbia fatto bene o meno non ho metri di confronto per affermarlo. Credo che ci saranno ben state delle buone ragioni.
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 13/05/2020 ore 14:09:13
vai al link

vai al link


L'originale.

Non mi sembra che Cobain si sia esattamente messo lì sconvolto dai fumi dell'eroina a deturparla tipo liutaio pazzo.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 13/05/2020 ore 14:59:16
Esatto, ma anche se fosse, visto il risultato, avrebbe avuto comunque ragione, dal mio punto di vista meglio deturpare una chitarra anche esteticamente per perseguire i propri obiettivi sonori piuttosto che le nostre chitarre preziose, nuove, intonse, a prova di graffio ma che servono solo per suonare cover in cameretta... O al bar sotto casa per i più fortunati
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 14/05/2020 ore 01:10:03
Concordo.
Le modifiche spesso rendono proprio e personale uno strumento.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 14/05/2020 ore 01:24:40
esatto, soprattutto se identificano un artista..
chi mai direbbe ad esempio che la old black di Neil Young è una Gibson violentata?

la chitarra serve solo a produrre suoni, a fare musica, siamo noi che ne abbiamo fatto un oggetto di culto intoccabile.
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 14/05/2020 ore 10:58:00
La Old Black...sbav...che esempio gustoso hai fatto!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 14/05/2020 ore 11:47:42
Assolutamente. Inoltre, a voler far caso, nel video dell'Unplugged in NY la chitarra di Pat Smear sembra essere dotata di una soluzione simile, mi riferisco a quella specie di supporto sulla buca (1:40), che è l'unica differenza estetica di rilievo tra la Martin originale e quella di Cobain. Credo che i tecnici dei Nirvana (e i Nirvana stessi) fossero gente ben consapevole del suono che volevano e come ottenerlo.
Il suono di quel concerto, di quelle chitarre, lo si riconosce dopo pochi secondi.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 14/05/2020 ore 13:07:03
Esatto, ma qui (intendo nel mondo dell'appassionato chitarrista amatoriale) resta un argomento intoccabile. Certo io non mi metterei a modificare le mie chitarre, perché ciò di cui ho bisogno è già lì, però, per farti un esempio, ho visto in un paio di occasioni chitarre acustiche con doppi o tripli sistemi di amplificazione con le fasce tranquillamente bucate per ospitare gli ingressi Jack, oppure il preamp on board, chiaramente erano musicisti di professione, di talento che con quelle chitarre ci girano il mondo.
Mica pensano alla rivendibilità!
Gli esempi, da Eddie Cochran in avanti nella storia del rock si sprecano.
Rispondi
di saviour30 [user #18139]
commento del 16/05/2020 ore 09:21:53
Ciao a tutti...che dire...sappiamo che il cobain era un disagiato...Ho sempre pensato che i nirvana sono uno dei gruppi piu sopravvalutati della storia e Cobain non è un chitarrista. Era un uomo problematico che cercava qualcosa nella musica e non possiamo giudicare il dolore di chi si mette una canna di fucile in bocca. Tuttavia, non sono mai riuscito a trovare nulla di interessante nei brani e nei singoli componeneti. Le canzoni mi sembrano tutte uguali, cobain e company non mi entusiamano, anzi, mi deprime il loro modo di apparire, di esprimersi, di suonare, sempliciotto, sporco, scontato. Dopo tutti questi anni ancora se ne parla. Tempo fa fecero anche uno speciale in TV. Fui sbalordito. 4 disagiati che fanno musica spiccia, tutto questo successo. Ce qualcosa che non va. Penso che non sia merito di grandi musicisti, ma il demerito di tanti altri disagiati e improvvisati conoscitori di musica che li hanno seguiti portandoli immeritatamente cosi in alto. Ma questa é solo una mia personale considerazione.
Ma Davvero qualcuno spenderà un milione per quella chitarra?
Rispondi
di palu67 [user #50792]
commento del 06/06/2020 ore 17:57:00
il loro modo di apparire, di esprimersi, di suonare, sempliciotto, sporco, scontato, sì chiama Grunge,
ed i Nirvana ne sono gli artefici, hanno creato un nuovo stile di musica .
Se non ti si rizzano i peli delle braccia ascoltando un brano a caso, di cui i testi sono storie vere, vissute da Kurt , un ragazzo sensibile e ....mi fermo qui, parole sprecate, GRUNGE, Non ti si rizzeranno mai i peli sulle braccia perchè non li hai, sei solo geloso, ti rode.
Rispondi
di saviour30 [user #18139]
commento del 06/06/2020 ore 19:07:34
Sei ridicolo...e non vado oltre
Rispondi
di palu67 [user #50792]
commento del 06/06/2020 ore 19:28:42
da che pulpito !
Rispondi
di palu67 [user #50792]
commento del 06/06/2020 ore 19:28:55
da che pulpito !
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 03/01/2022 ore 10:55:04
"4 disagiati...improvvisati conoscitori di musica"

Non è che la storia della musica moderna sia strapiena di agiati esponenti della classe nobiliare e che l'ascoltatore medio di musica rock solitamente sia diplomato al conservatorio. Anch'io a volte non comprendo al volo il perché del successo di una band o di un artista, però i parametri che porti mi sembrano abbastanza superficiali. Credo che un musicista abbia successo quando la sua opera tocca culturalmente ed emotivamente un ampio pubblico, e questo vale sia per i Nirvana che per i King Crimson. Poi logicamente non arriva a "toccare" tutti, infatti a te i Nirvana non dicono niente e non c'è niente di male.
Rispondi
di saviour30 [user #18139]
commento del 03/01/2022 ore 13:48:21
La tua premessa è fuori luogo. Inoltre Io non porto nessun parametro, ma riporto un fatto. È un fatto che il cantante fosse un disagiato eroionomane, e che abbia fatto presa sui suoi simili. Personalmente mi dispiace, anche tanto, per la sua sofferenza e per la sua fine. Un ragazzo che si uccide è sempre qualcosa di orribile. Ma mi sembra che proprio questo disagio abbia contribuito e alimentato il suo successo fino ad oggi, più che un contenuto chitarristico-musicale vero e proprio. Si parlava, infatti di chitarristii! Da quello che scrivi capisco che sei ancora giovane, e che di chitarre, ne sai poco. Per quanto riguarda il Coban, anche se la sua viata può essere stata toccante, è un fatto oggettivo che non si può paragonare ad es., ad uno come Holdsworth....
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 14/01/2022 ore 14:50:58
Il fatto che Cobain fosse eroinomane e disagiato, e che la triste fine della sua vicenda abbia contribuito a diffonderne la fama, sono dei fatti, su questo non si discute. Ma non credo che basti a giustificare il successo di cui tuttora gode la MUSICA dei Nirvana, più che l'immagine. Altrimenti saremmo qui ad osannare ogni singolo artista che non sta bene e si uccide.

Il disagio personale fa sì che tanti artisti creino...e la storia della musica è piena di gente non proprio morigerata e in pace col mondo. Sta poi a noi premiare l'opera o rifiutarla.
Di certo conta il "momento": non credo che tutti nel 1991 fossero illetterati musicalmente e portati all'uso di eroina e al suicidio. Più probabilmente tanti si rispecchiavano in quello che l'offerta dei Nirvana portava, ne venivano colpiti, in quel momento storico-culturale quella musica diceva loro qualcosa di grande. Probabilmente c'era il bisogno di un linguaggio più semplice, grezzo, ma intenso. E la cosa ha fatto scuola, non perché è semplice e non c'è più voglia di studiare, ma perché a tanti "arriva".

Di anni ne ho 39, e la chitarra la mastico da quanto basta per aver capito, grazie al cielo, che non avrebbe senso paragonare chitarristicamente Cobain a Holdsworth. Chiaro che vedere Cobain eseguire brani di Holdsworth avrebbe fatto ridere...ma anche il contrario. Ad ognuno il suo.
Holdsworth è un gigante, ma quando si parla di queste cose ci si sofferma sempre su pulizia esecutiva, eleganza, velocità, ma non sono solo gli unici parametri tecnici.
Quello che tanti non prendono mai in considerazione è che i Nirvana avevano TIRO, e il tiro non te lo danno gli anni di studi. La sezione ritmica era un TRENO, Cobain suonava senza perdere colpi (quasi sempre) e contemporaneamente cantando, con voce graffiante e magari sgraziata, ma potente e precisa, buttando fuori tutto senza risparmiarsi. Non è l'unico, chiaro, ma permettimi di dire che non è da tanti. E questo non lo dico solo io, conosco diversi chitarristi molto più bravi e colti di me che quando parlano di Cobain ne riconoscono meriti di suono, stile ed esecuzione.

Rimango sinceramente affascinato a guardarmi un concerto dei G3, abbagliato da tanta perizia tecnica e vastità stilistica. Giù il cappello.
Poi però ammetto che mi bastano due secondi dell'intro di "Breed" per ricevere un pugno nello stomaco e sentirmi a casa. Sono un disagiato? Forse. Sicuramente musica di questo tipo mi tocca nelle parti disagiate che, come tutti, ho.

Poi tutto è filtrato da gusti e attitudini personali, ognuno ha il suo linguaggio musicale e io non devo convincerti per forza :-)
Anzi, chiedo scusa per la lungaggine, in forma scritta è più difficile farsi capire. Sarebbe più bello farsi una chiacchierata.
Rispondi
di saviour30 [user #18139]
commento del 14/01/2022 ore 20:23:16
Beh, sei piu giovane di me allora 😁...nulla da dire su quanto hai scritto. Solo che dispiace però sapere che tipi come Scott Mishoe, prodotto da Varney, siano sconosciuti, o sapere che Holdsworth sia morto quasi in povertà. E comunque non mi dire che ascolti i nirvana perche non ci credo 😂
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 01/02/2022 ore 22:57:05
Devo andare a conoscere meglio i chitarristi che nomini...anche se non so se mi piacerebbero, credo siano troppo poco rozzi per me 😁
Come non ci credi?? Perché? 😁
Rispondi
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro? Eccolo
Il calore della noce per le Taylor American Dream 2023
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964