CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50
Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50
di [user #16055] - pubblicato il

Mentre i grandi marchi definivano i canoni della chitarra elettrica, uno sciame di sperimentatori testava forme, materiali e configurazioni alternative, destinate a scrivere la storia.
Probabilmente nessun altro marchio che iniziò con strumenti così poveri finì nell’interesse dei musicisti come Danelectro. Il suo fondatore, Nathan I. Daniel, iniziò la sua carriera progettando per Epiphone i primi amplificatori, dal 1934 al 1942.
Nel 1946 venne fondata Danelectro per produrre amplificatori da vendere per corrispondenza, mentre nel 1954 fu la volta delle chitarre elettriche.

Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50

Questi modelli, soprannominati "Danos", furono i preferiti dai giovani musicisti ma anche dai professionisti per via del loro suono molto particolare. I primi modelli erano simili nella forma a una piccola Les Paul, ma con finiture e hardware molto semplice. Erano dotate di uno o due pickup single coil nascosti sotto il battipenna e usavano materiali insoliti come il vinile e la masonite. Oltre che col marchio Danelectro, furono prodotte anche con il marchio Silvertone, leggermente diverse nella paletta.

Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50

Nel 1955 uscì il modello Danelectro C, con il corpo a forma di nocciolina e la paletta a forma di bottiglia di Coca Cola. Il pickup era ben visibile, ma non aveva ancora la classica forma “a rossetto” che poi avrebbe assunto: l’azienda acquistò queste coperture proprio da un produttore di rossetti per labbra.

Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50

Nel 1956 i modelli U-1 e U-2 sostituirono il modello C, proposto in varie colorazioni con forma tipo Les Paul, uno o due pickup a rossetto e prezzi di 75 e 100$.

Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50

Un’altra azienda che secondo me propose cose interessanti fu la Stratosphere, fondata nel Missouri nei primi anni ‘50 ma dalla vita molto breve. Debuttò nel 1954 con chitarre a doppio manico, che furono una novità assoluta, e con la prima elettrica a dodici corde, producendo comunque anche modelli a sei corde.

Le alternative a Fender e Gibson negli anni '50

La doppio manico, chiamata semplicemente Twin, aveva la sezione dodici corde nella parte superiore e paletta finestrata, mentre nella parte inferiore una sezione di sei corde standard e ancora paletta finestrata con sei meccaniche in linea.

L’elaborata tastiera, il corpo di dimensioni ridotte e l’uso di varie placche e battipenna necessari a contenere tutta la parte elettronica erano spesso una caratteristica del tempo ed esprimevano un certo fascino.

Non essendo ancora uno standard l’accordatura di una dodici corde, venne suggerito l’uso dei doppioni accordati in modo che producessero degli accordi, rendendo tuttavia lo strumento difficile da suonare. In seguito, la Rickenbacker stabilì l’accordatura standard per una dodici corde.
chitarre elettriche danelectro gli articoli dei lettori silvertone
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di mdg [user #41663]
commento del 30/08/2020 ore 18:58:22
Articolo molto interessante, grazie!
Magari potresti dire qualcosa in più sulla storia dell'accordatura di una dodici corde, di cui personalmente non so molto; oppure scriverci su un nuovo articolo...
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 30/08/2020 ore 20:35:05
Bell'articolo. Grazie!
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 31/08/2020 ore 01:15:55
bellissimo articolo.. grazie
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 31/08/2020 ore 20:44:52
Molto interessante.
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 03/09/2020 ore 00:19:43
..Oltre a Epiphone, che aveva lunga esperienza con archtop e poi sold body, Gretsch che fece cambiare nome alla prima Fender, e guild che arrivò nei primi 50. E poi kay, airline. Tra i 50 e i 60 spuntavano come funghi e c'erano marchi dedicati alla vendita per corrispondenza.
Rispondi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Altro da leggere
85 Private Stock per i 35 anni di PRS
Una Stratocaster timida
Da Epiphone e Gibson la LP ’59 per tutte le tasche
La Peavey HP2 torna dopo la morte di Van Halen
Fender mostra la Troublemaker Deluxe in video
Jackson mostra in video le Wildcard Limited Edition
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964