SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Registrare la batteria al meglio in home studio
Registrare la batteria al meglio in home studio
di [user #62015] - pubblicato il

La difficoltà riscontrata nella registrazione della batteria è nota a chi si è cimentato almeno una volta nella produzione. I professionisti non hanno problemi nell’ottenere un’ottima resa sonora nei loro studi, mentre per gli amatori potrebbe essere molto più complesso, soprattutto in casa.

Con una strumentazione adeguata e una buona conoscenza tecnica, anche in home studio è possibile ottenere un buon suono di batteria. Di sicuro, il risultato finale presenterà dei compromessi rispetto a ciò che si potrebbe ottenere registrando una performance in uno studio vero e proprio, ma molto spesso anche i professionisti producono in casa tracce impensabili per quello specifico contesto.

Come per ogni altra tipologia di strumento, anche e forse soprattutto per registrare la batteria bisogna seguire una serie di step preliminari. Di seguito, sono stati elencati i più importanti da seguire per una buona sessione di home recording del drum kit.

Accordare la batteria
Primo aspetto da considerare per una performance ottimale sia dal vivo sia in studio è l’accordatura della batteria. Un kit non settato in maniera corretta, infatti, può ledere profondamente al risultato finale. Sia esperti sia principianti, dunque, dovrebbero aver cura di munirsi di chiave per l’accordatura e regolare a dovere ogni elemento del set, con particolare attenzione nei confronti del rullante e dei tom. Con una buona accordatura, è possibile equilibrare il suono della batteria, ottenendo il risultato desiderato in funzione del tipo di musica che si intende registrare.

Microfonare cassa e rullante
Sono diversi i metodi con cui è possibile microfonare la grancassa di una batteria. Tutto dipende dalla strumentazione che si ha a disposizione. La maggior parte dei produttori, comunque, sceglie di posizionare un singolo microfono a poca distanza dalla sezione esterna della cassa. Altri preferiscono posizionarlo all’interno del fusto stesso, in modo da evitare rimbombi. In molti, prediligono microfoni Shure Beta 52 o AKG D112 per la registrazione della cassa.

Sul rullante, invece, bisogna chiarire in primo luogo quanto sia importante per definire il carattere del kit. Per molti artisti, lo snare influenza profondamente anche il suono di intere band. È per questa ragione che è necessario porre estrema attenzione nei confronti della scelta e del posizionamento dei microfoni per questo elemento del set. Generalmente, è consigliato posizionare i microfoni a circa un centimetro e mezzo dal fusto, attraverso aste dedicate. I microfoni più indicati sono lo Shure SM57 e il Neumann KM 84, rispettivamente dinamico e a condensatore.

Microfoni in ambiente
Soprattutto durante le registrazioni in casa e quando non si ha a disposizione una grossa quantità di microfoni, è bene posizionare la strumentazione disponibile in modo strategico. È possibile ottenere buone sezioni di batteria anche solo con quattro microfoni posizionati nell’ambiente. Oltre ai due dedicati a grancassa e rullante, è consigliabile sospenderne due su tutto il kit, in modo da catturarne il suono nella sua interezza, piatti compresi. Un’ottima soluzione on a budget per registrare la batteria a un buon livello è l’Audio Technica 4033.

Effetti
La maggior parte delle registrazioni di batteria presenta un compressore utile a livellare le dinamiche. Gli addetti ai lavori aggiungono l’effetto al termine delle sessioni di incisione, in modo da rendere l’operazione completamente reversibile durante il mixing. I suoni iniziali dovranno essere quanto più puliti possibile. Con un buon preamp, inoltre, è possibile generare una leggera distorsione o ripulire il suono, impreziosendo ulteriormente la performance nel complesso.
batterie acustiche home recording tecniche di registrazione
Link utili
Home recording strumentazione essenziale su Accordo
Tipologie di microfoni su Accordo

Mostra commenti     2
Altro da leggere
Sessioni di studio/play con la chitarra elettrica in cuffia: quale setup?
Parte da 35mila euro il violino autografato da Lennon e Ono in un’asta di Strumenti Esclusivi
Home recording: come produrre un brano step by step
Home recording: plugin entry level da avere
Come le dimensioni del drum kit influiscono sul sound e sullo stile
Quali microfoni usare per registrare la chitarra elettrica
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964