CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

simonec78
utente #13803 - registrato il 18/12/2007
Città: Trieste
Genere: Blues, Folk, Jazz, Punk, Reggae, Rock.
Sono interessato a: Chitarra acustica, Chitarra elettrica, Home recording.
Sito Internet: www.inorganicdub.com
Artisti preferiti Album preferiti
+ Vedi altri
+ Vedi altri
Attività Risposte ricevute Commenti effettuati Post su People Articoli

Attività

Spartiti e notazione musicale
di simonec78 | 19 febbraio 2009 ore 23:44 da (Chitarra)

Accordiani ed accordiane. Vi scrivo per introdurre e , soprattutto , chiedere la vostra su un argomento non molto trattato , a mio avviso molto importante. Mi piacerebbe condividessimo le rispettive esperienze ed i propri metodi di lavoro. Il tema e' la NOTAZIONE MUSICALE. Chiunque di noi al prima o poi condivide qualcosa , che sia un demo o che sia un album con tanto di contratto discografico poco cambia. A livello molto teorico anche il classico demo (o i singoli brani che lo compongono) , che si regala al' amico o alla propria meta' dovrebbe essere depositato . In ogni caso molti autori preferiscono tutelare le proprie opere in modo ufficiale. Senza contare poi che nel nostro paese qualunque pubblicazione , sia a scopo di vendita , sia come copia omaggio , dev' essere provvista di bollino.
Mesa Boogie Mark I combo
di simonec78 | 27 gennaio 2009 ore 10:09 da (Chitarra)

Un po' di storia : la Mesa Boogie nasce dal genio di un certo signor Smith Randall che si mise, come dice lui, per gioco, a modificare gli amplificatori della Fender. Incomincio' la distribuzione proprio dalla serie Mark. E il Mark I ne è il capostipite. L' impressione effettivamente e' quella di avere un "Fender +". Un Fender più asciugato e compatto. Potremmo dire che andiamo a perdere 10 su cento del morbido Fender, per avere nel compenso un sostanziale aumento in incisività , compattezza e, soprattutto, versatilità.
un ottimo acquisto
di simonec78 | 08 gennaio 2009 ore 18:26 da (People)
felicita'...
Laika - Silver apples of the moon e divagazioni
di simonec78 | 19 dicembre 2008 ore 12:01 da (Chitarra)

I Laika vengono solitamente, a mio avviso in modo azzardato, associati a quel genere definito "post". Qualche cenno soltanto per capire cosa intendo. Il termine viene ormai strausato, consumato , se vogliamo svuotato o forse troppo riempito, ha delle origini meno recenti di quello che si pensi. In architettura si parlava di post-modernita' gia' nella prima meta' di questo secolo. In ambito sociologico e stato adottato come (non)spiegazione per una certa angolatura della globalizzazione vista dall' uomo. In politica rappresenta il superamento delle ideologie. Il termine post , in senso musicale e' un termine privo di senso.
Scheda audio / interfaccia M-Audio 1814
di simonec78 | 09 novembre 2008 ore 09:49 da (Chitarra)

La scheda audio che mi appresto a recensire è uno dei pochi strumenti "superstiti" ai miei momentii di Gear Acq. Syndrome che mi portano periodicamente a rinnovare le mie attrezzature di apprendista stregone. Un' altra premessa : il mio approccio nell' analizzare questo oggetto non sarà di tipo prettamente tecnico , bensì un analisi funzionale dal punto di vista dell'utente medio. Nel nostro caso, vediamo cosa può fare questa scheda per un chitarrista che si vuole registrare e cosa può fare per un gruppo che vuole farsi il demo o il cd. Lascio le specifiche tecniche ampiamente trattate nel sito della M-audio linkato tra le risorse.
Riedizione Boss Space Echo RE-20
di simonec78 | 07 settembre 2008 ore 19:26 da (Chitarra)

Prendete un giovane chitarrista affetto dalla g.a.s. , qualche soldo messo da parte e la mancanza di un delay , costui , che sarei io , suona un genere che potremmo definire post (post ?) o psichedelia (psichedelia ?) con qualche strana attitudine ad insoliti attacchi dub. In passato ebbi l' occasione di trovarmi davanti ad uno Space echo degli anni '70. Mi innamorai ma dovetti prendere coscienza della sua difficile gestibilita'. Poi seppi dell' esistenza di una sua moderna riedizione digitale. Mi informai. Vidi una foto. Il pedalino mi piacque. Non avevo piu' un delay perche' il mio si era rotto. Cosi', una mattina d' estate, andai a provarlo e lo comprai...
Overdrive T.C. Electronic
di simonec78 | 30 agosto 2008 ore 00:03 da (Chitarra)

Sento di avere il dovere morale nei confronti di voi tutti di condividere una bellissima scoperta. Una piccola premessa : in generale non amo i fuzz o i distorsori. Tutto e' partito da questa considerazione. Avevo finalmente preso coscienza di questo. Quando mi sono trovato ad avere un Big muff e un Rat deucetone o capito che c' era qualcosa che non andava. Avevo toccato il fondo. Ma avevo capito di avere un problema. Che e' il primo passo. Ho venduto tutto e ora posso dire di esserne fuori. (oh si scherza eh..) Io uso una Telecaster made in U.s.a e un Hot rod deluxe della Fender , anch' esso fatto negli Stati uniti , e difficilmente cambiero' queste due cose , a meno di un clamorosa svolta economica della mia vita.
2 di 2   «« Precedente  Successivo »»
Cerca Utente
Seguici anche su:
People
Jack White confessa: "erano chitarre insuonabili" e la Wolfgang divent...
TC miniaturizza gli ambienti con TonePrint
Chitarra ritmica Metal: nello stile dei Meshuggah
TV Jones e Tyler Sweet spiegano la Smoke di Brian Setzer
Colombo Novanta: distorsore in stile Marshall JCM900
L’ultima Rarities del 2019 è una Strat Thinline con top fiammato
Gibson Custom Shop: la rivoluzione di Tom e Sergio
Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione
Super Black: versatilità americana a pedale
Quadriadi tra Accordi e Arpeggi
SAM Systems Integral: un modo originale di microfonare l'ampli
Baby Audio Super VHS, il nuovo plugin per gli 80s lover
RME svela la nuova Babyface Pro FS
La storia del Tech 21 di Steve Harris
Godin LGXT: una versatile scoperta








Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964