SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cinque pedali che non hai capito
Cinque pedali che non hai capito
di [user #17844] - pubblicato il

Effetti nati nell’epoca sbagliata, mal pubblicizzati o semplicemente incompresi: questi stompbox meriterebbero di trovare spazio in molte più pedaliere, e vi spieghiamo il perché.
Betamax contro VHS, Zip Drive contro Floppy, Dreamcast contro PlayStation, la storia è piena di esempi del genere: prodotti assai validi, a volte tecnicamente superiori rispetto ai concorrenti diretti o comunque con qualcosa da dire, ma che finiscono nel dimenticatoio a causa di un cattivo posizionamento sul mercato, pessimo tempismo, scarsa comunicazione o perché male interpretati dal pubblico.
Per gli effetti a pedale, casi simili si sprecano. In un mercato così affollato, a volte delle perle si perdono nel mucchio e vale la pena spulciare un vecchio catalogo per trovare circuiti davvero stimolanti, che ci piacerebbe aver visto più spesso in giro.

Keeley 30ms Double Tracker
Tecnicamente un banale delay con modulazione, nella pratica è l’arma segreta di qualsiasi produttore musicale fin dall’alba dei tempi.
Il pedale è uscito nel 2015, quando la chitarra stereo era ancora un tabù e il digitale stava solo cominciando a farsi prendere sul serio. Pare un secolo fa, ma l’unico setup possibile per suonare in giro sembrava l’amplificatore tradizionale, così doppiare una traccia dal vivo era considerato appannaggio di pochi. Forse è per questo che un processo tipico dello studio come il double tracking restava relegato, appunto, in studio.
Doppiare una traccia e sfalsarla leggermente nel tempo, spostandola nel panorama stereo, rende qualsiasi suono davvero enorme e riempie il mix in modo impressionante. A riguardare ora il pedale Keeley, ci si chiede davvero perché un dispositivo del genere non sia uno standard in qualsiasi pedaliera basata su effetti stereo o sistemi digitali.



Il 30ms non è stato il solo a proporre l’idea, forse in tempi non ancora maturi. Sulla stessa categoria vale la pena di segnalare anche TC Electronics Mimiq Doubler, ancora più semplice da operare, con switch per la quantità di tracce generate e connessioni separate per ingressi e uscite stereo.
Difficile tornare indietro.



BOSS OD-1X
La tecnologia MDP (Multi-Dimensional Processing) è alla base di questo grande classico riveduto nel 2013, un classico già di per sé ingiustamente snobbato dai più.
L’intuizione BOSS è quella di dividere il segnale per bande di frequenza e trattarle individualmente. Potenzialmente, un sistema simile permette di agire in modo chirurgico sulla pasta della distorsione, creando bassi a fuoco, medi dettagliati e acuti mai taglienti, un approccio alla saturazione per la prima volta davvero con un concetto hi-fi. Nella pratica, per quanto la tecnologia sia stata impiegata in numerosi effetti BOSS, non ha mai preso davvero il volo né soppiantato gli overdrive tradizionali. Segno che ci meritiamo davvero l’ennesimo clone di Tube Screamer.



TC Electronic Brainwaves
Il catalogo TC è gigantesco ed è facile farsi sfuggire qualcosa. Il Brainwaves non sarà celebre come i delay e i riverberi della serie TonePrint, ma li surclassa senza dubbio quanto a sperimentazione sonora.
Di base è un pitch shifter, ma i parametri con cui modella il suono ne fanno una macchina ambient per tappeti da synth, permettono di doppiare parti o di far schizzare rampe di pitch usando il footswitch come un pedale d’espressione istantaneo, fino anche ad ammiccare a un pesante chorus.
Escursioni e andamenti programmabili via smartphone rendono il tutto ancora più succulento e, miscelato a un riverbero bello denso e magari a un delay - considerate anche le connessioni stereo - il risultato è da sogno.



EHX Freeze
Tutt’altro che sconosciuto, il Freeze di Electro Harmonix è diventato il banco di prova per molteplici effetti ora in commercio, basati su delay e riverberi che vengono “congelati” per creare un tappeto sonoro con le proprie note.
Non stupisce che a pensarlo sia stato Mike Matthews, tastierista, perché l’impostazione del Freeze è esattamente quella del pedale sustain di un pianoforte.
Lo stompbox permette praticamente di suonarsi addosso da soli, ammorbidire l’esecuzione di guitar solo in cui convivono accompagnamento e solismo, o anche semplicemente di esercitarsi su un accordo da cambiare di volta in volta.
Quando lo si vede in giro lo si riconosce subito, ma lo si sente davvero poco sui palchi e nei dischi. È un incompreso, troppo spesso associato a sonorità sintetiche che non incontrano granché i gusti dei più, e in questo le demo ufficiali EHX non aiutano.



Il Freeze è in realtà un mostro di espressività, soprattutto quando è utilizzato in modalità momentary.
Pensare di bloccare un frammento di suono può dare l’idea di trovarsi davanti a un flusso statico e noioso, ma provate a immaginare cosa può accadere quando si infila l’effetto a sustain infinito in una serie di modulazioni e ambienti a trasformarne organicamente il contenuto.

Di recente ripreso nel Pico Deep Freeze, ci si augura che questa nuova veste - ancora più versatile grazie a tre modalità d’uso e manopole per personalizzare ogni aspetto dei tappeti - gli dia la giusta luce.



Mooer Radar
I prodotti citati finora sono per lo più effetti nati con un cattivo tempismo, che potrebbero dare oggi grandi soddisfazioni. Tuttavia, chi ora è alla ricerca di quel tipo di suoni si rivolge per lo più a pedalboard digitali, avendo ormai digerito l’idea di dover rinunciare al proprio amplificatore.
Qui entrano in scena dispositivi come il Radar, simulatori di cabinet che permettono di reintegrare effetti classici in una concezione di rig moderna, priva di amplificazione tradizionale.
Citiamo il Mooer, ma anche Hotone Omni IR, TC Impulse… sono tutti esempi validi di un accessorio per tutte le stagioni, un incontro tra tecnologie moderne e concezione sonora d’annata che può trasformare il modo in cui ci si approccia alla creazione del suono, ritrovando il piacere di saltellare sulle care vecchie scatolette colorate.
Per quello che costano, anche i modelli più semplici con connessioni mono varrebbero la pena di essere acquistati in coppia per divertirsi con rig stereo fuori di testa, e sono qualcosa che meriterebbe davvero di farsi vedere più spesso nelle pedalboard dei chitarristi.

boss curiosità effetti singoli per chitarra electro harmonix keeley electronics mooer tc electronic
Mostra commenti     9
Altro da leggere
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Keeley con Andy Timmons per il Muse Driver
Come Gibson antichizza un’acustica
I rinnovati NUX Core in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964