CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Brian May e il delay: evoluzione e genio
di [user #22026] - pubblicato il

Il fenomeno dei Queen ha usato (e usa) una varietà di effetti piuttosto contenuta sia in studio sia sui grandi palchi. Oltre all’ormai celeberrimo Treble Booster (un vero e proprio marchio di fabbrica del sound di Brian), al vecchio fOOX Phaser (usato nelle registrazioni di Bohemian Rhapsody, We Will Rock You e White Man) e all’abbondante chorus, il suo effetto più famoso è senza ombra di dubbio il delay.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964