CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Joni Mitchell, The Lady Of The Canyon
Joni Mitchell, The Lady Of The Canyon
di [user #27043] - pubblicato il

Dietro un pianoforte, con in braccio una Martin o il suo dulcimer, Joni Mitchell ha saputo esplorare sonorità innovative e scavare a fondo nei risvolti più intimi della propria sensibilità, condividendo col mondo brani storici e lasciando una traccia indelebile nella musica del secolo scorso.
Dietro un pianoforte, con in braccio una Martin o il suo dulcimer, Joni Mitchell ha saputo esplorare sonorità innovative e scavare a fondo nei risvolti più intimi della propria sensibilità, condividendo col mondo brani storici e lasciando una traccia indelebile nella musica del secolo scorso.

La chitarra acustica, sopratutto la dreadnought, è lo strumento a cui si associa spesso l'immagine dei cosiddetti musicisti impegnati, quelli che cantavano le canzoni di protesta condannando le ingiustizie verso i più deboli e contro la guerra, in particolare quella del Vietnam.
Da Woody Guthrie a Johnny Cash, da Pete Seeger a Joan Baez, da Bob Dylan a Richie Havens, insieme a tanti altri, questi prenderanno parte, chitarra e armonica, alla causa contro il razzismo e per i diritti civili, rappresentando intere generazioni di "fate l'amore e non la guerra" e scrivendo pagine di storia contemporanea.
Ma la chitarra acustica significa anche sperimentalismo, uno su tutti John Martyn, significa open tuning, e quando si parla di open tuning si parla di una folta schiera di chitarristi capitanata da Davey Graham, o band americane, inglesi e irlandesi fino a una delle maggiori esponenti: "The Lady Of The Canyon", alias Joni Mitchell.

Nata Roberta Joan Anderson, Joni Mitchell ha saputo coniugare innovazione e sperimentalismo. Pare che nel corso della sua carriera abbia usato 52 tipi di accordature diverse, molte di sua invenzione, e una scrittura confessionale e sincera.
Destinata sin da tenera età a divenire una delle più importanti e influenti cantautrici della storia della musica, ha spaziato diversi generi dal folk cantautorale dei primi album al blues e al jazz fino alle sperimentazioni degli anni '80, facendo della signora canadese una delle massime esponenti musicali del secolo scorso.

Joni Mitchell, The Lady Of The Canyon

Il suo è un talento vero, puro e sincero, emerso ascoltando Schubert e Mozart. Comincia così a prendere lezioni di pianoforte che interrompe quasi subito mostrando particolare interesse alla composizione di melodie proprie.
Grazie a un carattere determinato e alla madre, riesce a superare la poliomielite, contratta a nove anni, e in breve tempo riesce ad acquisire la salute e tornare alla sua vita a Saskatoon (la sua città natale era Fort Macleod in Canada).
Talentuosa pittrice, dipinge e appende alcuni suoi quadri nella parete della scuola dove viene notata dal suo insegnante di Inglese che non solo la incita a dipingere con un pennello, ma anche a "dipingere" con le parole.
Scrive poesie, e qualche tempo dopo acquista un ukulele con il quale si esibirà in feste e locali a Saskatoon.

Abbandonato il college, dove non troverà stimolanti le materie insegnate, decide di trasferirsi a Toronto per diventare una cantante folk, ma alcuni problemi di inserimento nei circuiti folk locali (non era iscritta al sindacato dei musicisti) le impediranno di trovare ingaggi. Si mantiene quindi lavorando per i grandi magazzini Simpsom-Sear.
In quel periodo ha inoltre l'occasione di incontrare gli allora sconosciuti Neil Young e Leonard Cohen e tante persone che gravitano intorno alla scena delle coffe-house, fulcro della scena musicale folk.
Nel 1966 si esibisce al famosissimo Newport Folk festival ricevendo una standing ovation e aumentando così la sua reputazione tanto da trasferirsi nel 1967 a New York, optando per una carriera da solista e chiudendo il sodalizio artistico con il suo ex marito Chuck Mitchell.
A New York conosce Tom Rush che, riconosciute le sue doti musicali, decide egli stesso di registrare una sua canzone, proposta un in primo momento a Judy Collins che declinò però l'offerta.
"Urge For Going", questo il titolo del brano, diventerà una hit e darà occasione a Joni di acquisire maggiore popolarità, portando numerosi cantanti a incidere i suoi pezzi.
Nel quartiere degli artisti di Chelsea a New York, prende residenza e incontra Elliot Roberts che diviene presto il suo manager e la inserisce nel circuito degli artisti e dei locali più frequentati.
Durante un'esibizione in Florida, conosce David Crosby con cui nasce una relazione sentimentale e che convince la Reprise Records affinché Joni possa registrare un album totalmente acustico.
Song To A Seagul, primo album, esce nel marzo del 1968 e sarà un successo sia da parte della critica sia del pubblico, portandola a esibirsi al Troubador di Los Angeles, alla Royal Festival Hall di Londra e al Miami Pop Festival.
Il secondo LP, Clouds, viene rilasciato nell'aprile del 1969. Contiene le versioni delle proprie canzoni registrate da altri e include: "Chelsea Morning", "Both Sides Now" e "Tin Angel".
Nello stesso anno, dopo aver accantonato il progetto per un album live si trasferisce, insieme al futuro compagno Graham Nash, a Laurel Canyon, dove la coppia acquisterà una casa che verrà affettuosamente descritta in "Our House" di Crosby, Stills, Nash and Young.
Il 1969 è anche l'anno di Woodstock, dove Joni programma la sua presenza per celebrare quello che sarà il più grande raduno della storia musicale all'insegna dell'amore e della pace, ma Elliot Roberts la dissuade consigliandole di non andare, sopratutto dopo aver visto alla televisione le immagini del traffico sulla strada verso Bethel, e perché il giorno dopo avrebbe dovuto presentarsi al celebre programma televisivo "The Dick Cavett Show".
Malgrado non vi avesse preso parte, l'atmosfera di quell'epocale evento non le impedisce di comporre la sua "Woodstock", canzone che meglio di tutte ne rappresenta lo spirito, diventando un vero e proprio simbolo: le immagini di amore a pace, di aerei da guerra che si trasformano in farfalle e l'esigenza di "fare ritorno al giardino" (And we've got to get ourselves, back to the garden) dipingono alla perfezione l'evento.
Nel 1970, riceve un Grammy per la miglior performance folk del 1969 con l'LP Clouds e la Reprise pubblica il suo terzo album: Ladies Of The Canyon, che contiene alcuni tra i brani più popolari del periodo folk della Mitchell come la già citata "Woodstock", "Big Yellow Taxi" e "The Circle Of Game", diventando primo disco d'oro vendendo ben 500mila copie.


Parlando di quel periodo affermerà: "Ero isolata e mi sentivo come un uccellino in una gabbia dorata. Non avevo occasione di incontrare le persone, il successo può emarginarti in tante maniere".
A gennaio aveva preso infatti la decisione di prendersi una pausa di un anno per dedicarsi solo alla scrittura e alla pittura, e di compiere un viaggio in giro per l'Europa passando per Francia, Spagna e Grecia.
A Matala, sull'isola di Creta (meta ambita degli hippy che vi si stabilirono alloggiando nelle grotte che si affacciano sulla spiaggia, e dove peraltro soggiornarono Bob Dylan, Janis Joplin, Joan Baez e Cat Stevens), impara a suonare il dulcimer con il quale comporrà "California" e "Carey" che finiranno successivo album And they’re playin’ that scratchy rock and roll.
 Beneath the Matala Moon, dal testo di "Carey".


Dopo pochi mesi fu convinta all'ultimo momento a partecipare al Festival dell'Isola di Wight (agosto 1970), e mentre suona "For Free" al pianoforte, un pubblico ostile inveisce contro la security che gli impedisce di entrare a vedere il Festival senza biglietto. Joni non ce la fa e, quasi in lacrime, si rivolge al pubblico dicendo: “Dovete avere rispetto di noi artisti, siamo qui a comunicarvi le nostre emozioni con la musica, mettendo a nudo la nostra anima, non potete comportarvi in questo modo".
Il pubblico zittisce e Joni suona, con il suo dulcimer, una magnifica versione di "A Case Of You", uno dei brani più belli e poetici del suo repertorio.

Blue verrà pubblicato nel giugno del 1971 e verrà considerato uno dei primi album "confessionali", infatti le canzoni presenti in questo disco rappresentano la voglia dell'artista di liberarsi dell'immagine di regina hippie quale era diventata agli occhi del pubblico. 
Come ripetuto in molte interviste, voleva mostrarsi per quella che era veramente, quali emozioni provava: "In quel periodo della mia vita non avevo difese personali, dunque difficilmente troverete una nota di falsità in quell'album".
Blue diventa un clamoroso successo di critica e pubblico per la sua particolarità e innovazione raggiungendo la Top 20 nella classifica di Billboard.

Il quinto album, For the Roses, viene pubblicato per la Asylum Records nell'ottobre 1972. 
In fatto di stile musicale, rappresenta l'ennesima svolta musicale, incorporando ai suoni tipicamente folk arrangiamenti orchestrali sino ad allora estranei alla Mitchell, con sfumature più pop e commerciali, mettendo le cose in chiaro col pubblico, mostrandosi coi suoi difetti e i suoi pregi ed eliminando ogni artificio che la faceva sentire fasulla e a disagio.

Per buona parte del 1973, invece cerca dei musicisti capaci di suonare i suoi "strani accordi" e capire i ritmi che vuole ottenere.
Ingaggia così gli LA Express in cui milita un giovanissimo Robben Ford, gruppo di Tommy Scott, col quale aveva già collaborato per l'album  For the Roses, per le sessioni di registrazione che porteranno al celeberrimo album Court and Spark.
Pubblicato nel gennaio nel gennaio del 1974, Court and Spark si avvicina a sonorità più pop senza però compromettersi.
Il singolo "Raised on Robbery" viene pubblicato prima del Natale 1973, mentre la canzone "Help Me" è il primo e unico singolo a raggiungere la Top 10.
Il suono, radicalmente diverso rispetto alla produzione passata, sconvolge ed eccita gli animi, e l'album raggiunge la seconda posizione nella Billboard Chart rimanendoci per quattro settimane.
Il tour promozionale comincia nel febbraio 1974 toccando Stati Uniti, Canada e Inghilterra, salutato da recensioni entusiastiche. Gli spettacoli del 14 e 17 agosto allo Universal Amphitheater di Los Angeles vengono registrati per un album live che verrà messo in commercio in novembre col titolo Miles of Aisles.
Il successo di questo album live chiude un anno d'oro nella carriera di Joni Mitchell.

Nel novembre del 1975 viene pubblicato, sempre per la Asylum, il sesto album in studio: The Hissing of Summer Lawns.
L'album è una commistione di generi: tocca il folk, il jazz, il blues e il pop. 
La canzone "The Jungle Line", è un trionfo di sperimentazione per quell'epoca, comprendeva un primo esempio di campionamento del suono di alcuni tamburi suonati dalla popolazione indigena del Burundi.
Il disco, a cui seguirà il tour nel gennaio 1976, vedrà ancora una volta l'accompagnamento degli L.A. Express, verrà accolto abbastanza bene senza però l'entusiasmo dei precedenti. 
L'album infatti vende pochissime copie e l'artista smette di comporre canzoni introspettive preferendo rivolgere la sua attenzione verso la società, operandone una tagliente critica. Alcune recensioni demoliscono l'album considerandolo un passo falso, e questo ferisce Joni. 
Con questo album si conclude quello che è stato il suo periodo più cantautorale, quello che ha ancora radici folk e che riesce in qualche modo a essere più popolare.
Nonostante anche il periodo che va dal 1976 con l'album Hejira al 1979 con l'album Mingus abbandoni il folk a favore del jazz e lo sperimentalismo con ritmi tribali, è da considerarsi eccezionale e non meno complesso dei primi dischi erano tutt'altro che "semplici".
Anzi, la cantautrice era considerata una musicista e compositrice di straordinario livello. 


Le sue canzoni, gli accordi della sua chitarra, grazie all'utilizzo di particolari accordature, le complesse linee melodiche erano considerate straordinariamente avanzate nell'ambiente musicale californiano dei primi '70, e perciò era inevitabile che fosse spinta a cercare nuovi stimoli musicali insieme a musicisti che potessero condividessero la profondità delle sue concezioni musicali.
Musicisti come Jaco Pastorius, apparso in ben quattro album (Hejira, Don Juan's Reckless Daughter, Shadows And Light Live e Mingus) e che ne caratterizzerà il sound, Wayne Shorter e Joe Zawinul dei Weather Report, un giovane Pat Metheny e il tastierista della sua band Lyle Mays, il sassofonista Michael Brecker, conosciuto al tempo come grande session man e considerato come uno dei migliori emuli di John Coltrane e il percussionista Don Alias, anche lui con i Weather Report e presente in Mingus.
Consiglio quindi vivamente di ascoltare tutto il periodo che va dal primo album Song To A Seagul a Mingus.

Joni Mitchell, The Lady Of The Canyon
gli articoli dei lettori joni mitchell
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Quik Lok A/492 BK Asta Microfonica Serie 400
di Centro della Musica
 € 29,90 
 
Fender Usa Custom Shop Rory Gallagher Stratocaster Relic 3-Color Sunburst + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.749,00 
 
Cort AD880CE
di Guitars & Co
 € 239,00 
 
EKO S-300V VINTAGE BLACK
di SLIDE
 € 159,00 
 
LENCO Giradischi LBT-188
di Personla Sound
 € 249,00 
 
Mooer 010 TWO STONES Preamplificatore a due canali
di Music Island
 € 80,00 
 
Jackson Ampworks Fullerton
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.100,00 
 
MUTA PER BASSO GALLI STRINGS RSB40100 4 CORDE Regular
di SL MUSIC
 € 26,00 
Mostra commenti     25
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
Un design originale e premiato per il basso elettrico
AmpliTube 5 alla prova
Flip Out: fuzz made in Canada davvero particolare
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
JTM 45 fatto a mano sullo stile del 1963
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Custom Shop Custom Authentic Historic 68 VOS
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964