CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Chitarra Cayman: non è poi così male
Chitarra Cayman: non è poi così male
di [user #34481] - pubblicato il

Una vecchia Cayman elettrica scovata a poco prezzo può rivelare piacevoli sorprese grazie a una progettazione sopra le righe e una propensione al custom.
L'anno scorso la mia ragazza mi ha regalato una chitarra che avevamo visto appesa in un negozio di cianfrusaglie usate, con ancora il cartellino di chissà quale rivenditore attaccato. Stavo cercando una chitarra economica su cui fare esperimenti di setup, modding, liuteria da bar sport. Purtroppo però ho un'innata avversione per le chitarre da due soldi con la forma impoverita e banalizzata di chitarre costose, che è il caso del 99% delle chitarre economiche. È questa la cosa che mi ha colpito di questa chitarra: non assomiglia a nulla che io conosca o che abbia suonato e ha un po' di richiami a mille cose diverse. Vorrei quindi riabilitare un marchio, nonostante sembri non esista più, del quale prima che mi fosse regalata avevo letto solo cose tremendamente negative.
La mia esperienza è molto diversa, trattandosi di una chitarra economica ma tutto sommato curata e abbastanza originale.

Chitarra Cayman: non è poi così male

Si tratta di una Cayman, marchio che da quello che ho capito produceva i pezzi delle chitarre in Paesi tipo Cina o cose simili e poi li assemblava in Italia. La forma del body richiama quella di alcune Cort (qui si vede il genio, fare una chitarra economica copiando una chitarra economica), le smussature sembrano quelle di alcune PRS SE (vedi sopra), ci sono due humbucker con due potenziometri per tono e volume, un selettore a tre vie e c'è un ponte mobile tipo Stratocaster. I dot elittici sul manico che sembrerebbe di palissandro sono un vero tocco di classe. Tutto l'hardware è Wilkinson, quindi devo dire che come base non mi è neanche andata male.
La paletta bucata (slotted se vogliamo fare i fighi), forse non bellissima, è una buona idea perché permette di avere un buon angolo tra nut e meccaniche senza doverla inclinare, con i casini che comporta.
Il manico, avvitato (o bolt on se vogliamo tirarcela), inspiegabilmente è dritto. I tasti suonano tutti, anche se una rettificata non ha mai fatto male a nessuno.
Il ponte ha solo due molle e questo non va bene, sarà mia cura comperarne altre per averne almeno tre.

Il suono è da humbucker, bello nervoso se serve e bello caldo e pulito se non serve. I pickup mancano forse un po' di carattere ma, con il mio finto Mod Duo attaccato, ci suono di tutto. Il sustain non è molto anche a causa della scarsa massa del ponte wilkinson.
Le meccaniche non sono male, l'accordatura tiene abbastanza bene ma hanno una ratio tale per cui servono 460 giri per salire di mezzo tono e altrettanti perscendere.

Chitarra Cayman: non è poi così male

Devo dire che come chitarra economica da personalizzare è una buona base di partenza e il risultato finale non sembrerà la Les Paul di uno che non si poteva permettere una Les Paul.

Le modifiche che farò nel tempo, e accetto consigli al riguardo, sono:
- sostituzione delle due molle del ponte con tre molle che abbiano un senso
- sostituzione del blocco del ponte se riesco a capire dove e come trovarne uno compatibile (non volevo sostituire tutto il ponte perché le sellette sono carine e funziona bene l'intonazione)
- sostituzione del nut in plastica con un nut di lusso, tipo Tusq o osso di unicorno
- eventuale sostutuzione a lungo termine dei pickup, che comunque non suonano male, con degi humbuker a quattro contatti perché mi piacerebbe l'idea di poterli splittare così da avere più possibilità di suoni diversi
- rewiring con push pull per splittare i nuovi humbucker
- Eventuale sostituzione delle meccaniche se ne trovo che mi convincano e che vadano bene usate su una paletta col buco (o slotted per fare i pazzeschi). Anzi colgo l'occasione per chiedere se esistono meccaniche autobloccanti per palette col buco (o slotted per esagerare).

Sarebbe bello se qulcuno avesse informazioni su questa marca di chitarre per capire, per esempio, di che anno possa essere la mia o perché un marchio italiano che ha prodotto una cosa che, per quanto economica, è sicuramente risultato di un pensiero e di un progetto, sia totalmente sconosciuto e introvabile oltre a essere sopravvissuto gran poco.
cayman chitarre elettriche gli articoli dei lettori
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Game Of Thrones suona Fender
Gibson: conto alla rovescia per il nuovo catalogo
Noce fiammato e mogano caramellato: Phil Collen mostra la sua Jackson
Le tentazioni del Diavoletto
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964