CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Ragazze Precoci

di [user #12346] - pubblicato il
Scateniamo l'ormone in Accordo.
Non è vero che i giovani non suonino e non apprezzino i classici...forse in Italia.
P.S.
Il gruppo si chiama Precocious




 
Dello stesso autore
Rumble: the indians who rocked the world
Ho appena guardato RUMBLE un documentario sui nati...
E mentre in Italia i giovani si rimbambiscono col trap, in Inghilterra...
Pearly Gates: Pearly Happy children Blues
Un salto nel passato...Focus.
Pearly Gates: Pearly Deep Blue Waters (Hagstrom Viking)
Pearly Gates: Pearly Sailing The The South Seas
Pearly Gates: Pearly Loops
Loggati per commentare

di adriphoenix [user #11414]
commento del 16/04/2019 ore 10:40:55
Sicuramente all'estero c'è maggiore attenzione per la musica e poi si sa...USA e UK hanno una cultura musicale innata, i ragazzi a scuola non suonano il flauto dolce, nelle scuole ci sono corsi di diversi strumenti, musica d'insieme, recitazione...etc. In Italia purtroppo questo manca da sempre e infatti da sempre soffriamo ad imporci sul mercato musicale, poi per carità ci sono sempre le eccezioni ma sono episodi, non la costante. Lo vedo con mia nipote, 13 anni, italiana iscritta in una scuola media tedesca (siamo a Bolzano-Bozen), con indirizzo musicale-teatrale. Lei suonava la batteria dai 9 anni e una volta iscritta ha potuto inserire batteria nelle ore di insegnamento musicale, coltivando la sua passione, non solo a casa, ma anche come materia di studio. La differenza con i compagni/e di altre scuole dove questi corsi non ci sono è lampante....gli altri tutti col cellulare a guardare tutto il tempo minchiate di influencer, youtubber etc mia nipote, oltre al cellulare (è pur sempre una 13enne), ascolta musica (del papà e dello zio) e a volte facciamo un po' di jam per ridere, ma che soddisfazione vedere della vita nei suoi occhi..
Rispondi
di MTB70 [user #26791]
commento del 16/04/2019 ore 13:14:53
Sottoscrivo in pieno.
A proposito di cellulari...verso i 3:20 del video di Sweet Home Alabama il tizio che filma fa una panoramica sul pubblico. Tutti un po' agee, comodamente seduti su seggiolini da picnic extra-large e non esattamente iperattivi, ma al tempo stesso solo due col cellulare in mano, gli altri sembrano tutti ascoltare. E sono troppi per essere solo genitori e zii delle quattro ragazze. Il che vuol dire che stanno a sentire, anche se SHA l'avranno sentita un milione di volte. Anche questo e' rispetto, e anche questo incoraggia a suonare.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 16/04/2019 ore 14:15:44
Sante parole...rispetto per il musicista: a Londra e a NY in più occasioni sono andato in piccoli e medi pub ad ascoltare musica live, così a scatola chiusa...e il livello di attenzione era veramente alto, indipendentemente da chi suonasse (c'erano alcuni molto bravi altri oggettivamente meno), ma il pubblico ha apprezzato, tra una birra ed un cheeseburger, tutti gli artisti, tributando il giusto applauso alla fine di ogni pezzo. Dove abito io invece, l'unico pub che propone musica live ha un pubblico indecente, a parte le prime file la gente ai tavoli o al banco bar ride e chiacchiera beceramente come fosse alla festa della salsiccia..anche quando magari al microfono c'è un/una cantante chitarra/voce che si deve sgolare per farsi sentire nella bolgia...rispetto zero, cafoneria a 1000..
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 16/04/2019 ore 15:17:08
quando andai io a Londra per la prima volta, era il 1998, per andare a sentire in un pub della musica live, pagai 3 sterline, il pub era fatto in maniera che se rimanevi nella parte iniziale prendevi le consumazioni senza pagare altro, poi c'era una porta con un omino davanti che se volevi andare dall'altra parte ad ascoltare dovevi sganciare i soldi.
che fosse una cosa giusta o no, preferisco non dilungarmi, di sicuro chi non aveva voglia di ascoltare, senza fare il cafone poteva starsene libero nella parte iniziale a chiacchierare e a farsi i fatti suoi
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 16/04/2019 ore 11:46:1
mah, che mondo strano.. siamo nati in Italia dove se suoniamo live non ci caga nessuno perche la musica live non interessa + alla gente.. se nascevamo in America? forse anche li non ci cagava nessuno, perche sono in troppi a suonare , e anche in tanti bravi e fenomenali, e le schiappe come noi anche li non se le caga nessuno.. che destino infame.. ahahahahahahahahahahah
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Boomwhackers: la didattica innovativa
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964