DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La sindrome del Most Underrated
La sindrome del Most Underrated
di [user #50760] - pubblicato il

Amici, con l’approssimarsi del Natale arriva anche il consueto momento dei buoni propositi. Comprare meno chitarre? No dai, non scherziamo, che poi l’ipocondria ci sale oltre il livello di guardia. Magari comprarne di più abbordabili, questo potrebbe essere alla portata.
Ecco, per esempio io qualche giorno fa ho acquistato da un conoscente - prima o poi vi parlerò di lui, personaggio totalmente fuori dagli schemi - alla folle cifra di 50 euro, una chitarra classica marca Yasuki, made in Japan anni ’70, in condizioni pari al nuovo che mi sta divertendo da matti, anche se servirà un po’ di tempo per rimuovere alcuni automatismi da “fingerstyler acustico” e ricalibrarmi su uno strumento classico.
Altri propositi che potremmo darci per migliorare... mumble mumble, vediamo. Me ne viene in mente giusto uno: studiare musica! Ok dai, scherzavo, non fate sempre quella faccia, personalmente continuerò a ritenere il pentagramma un nemico e a credere che Armonia sia la figlia di Ares e Afrodite, non certo una materia di studio.
(Ragazzi si scherza, so bene che voi siete assai più preparati del sottoscritto e vi invidio molto per questo)

La sindrome del Most Underrated
Il Marchese del Grillo non è d'accordo con il contenuto di quest'articolo!

Ma veniamo all’unico, vero buon proposito di cui mi faccio portatore, in ossequio a questo clima che comincia a farsi mellifluo e presto virerà verso la stucchevolezza del bianco Natal. Ve la dico piatta piatta: perché dobbiamo sempre pensare che quello che piace a noi debba piacere anche agli altri? L’essere umano è ben strano, amici chitarristi. E riconoscere il problema è il primo passo di ogni buona terapia, no?
Io credo che tutti noi - chi più, chi meno - abbiamo la sindrome del “most underrated”. Esempio fulgido nella sua banalità: andate a prendere un video su YouTube, un video musicale qualsiasi. Nei commenti sotto al video, intendo i commenti più in alto e in evidenza, proprio perché sono quelli che hanno raccolto più like e hanno generato più engagement, l’artista sarà definito come “il più sottovalutato di tutti i tempi”, “il migliore di sempre”, oppure "il secondo migliore dopo X ma comunque davanti a Y".
Si applica a tutti. Dall’ex componente di una boy band anni ’90 al cantautore di protesta di morto in miseria venticinque anni prima, dall’eccentrico solista hair metal invecchiato male, al cerebrale jazzista di provincia conosciuto solo da sua zia. Fino, ovviamente, alle superstar che hanno sempre fanbase agguerritissime, veri hooligan che hanno la verità in tasca e una mazza ferrata tra le mani.
Il senso generale è che, quando a noi piace molto qualcosa, spesso non resistiamo all’impulso di etichettarlo come “migliore”. Tradotto fuor di lettera, “most underrated” significa “voi non capite un cazzo, io invece sì”. Siamo esseri buffi e, se avete bisogno di qualcuno che tenga alto il vessillo delle piccole (e grandi) miserie umane, tranquilli: potete contare su di me.

Ora sfogatevi: anche voi cedete al meccanismo del “most underrated”? E se sì, questo è il vostro momento: liberatevi e fate outing, raccontandomi chi è il più sottovalutato di sempre!
curiosità
Mostra commenti     24
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Tele Classic Vibe: un tema scottante
In tour con Steve Vai? Ecco il segreto
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Come dev'essere la TUA chitarra?
La chitarra giusta è quella che fa schifo
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964