VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Artisti diversi, scalette diverse, suoni diversi: come gestire tutto?
Artisti diversi, scalette diverse, suoni diversi: come gestire tutto?
di [user #17404] - pubblicato il

Senza dubbio, andare in tour è una delle espressioni più gratificanti e ambite della professione del musicista. Ma cosa succede quando gli impegni si sovrappongono e, magari, nello stesso circoscritto lasso di tempo, i tour da gestire sono due?

Perchè non c'è unicamente lo sforzo - titanico - di imparare due repertori diversi: bisogna coordinare e ottimizzare la strumentazione. Infatti, visto che pochi possono concedersi il lusso di avere tutto doppio, non si può immaginare di dover muovere e spostare ogni volta amplificatori, chitarre, pedaliere... E tantomeno, rischiare di trovarsi la strumentazione bloccata in viaggio con una produzione, mentre noi si è a suonare con l'altra. Per non parlare poi, appunto, di viaggi, spostamenti, backup, scalette...
Ne abbiamo parlato con Claudio Bruno, chitarrista eccellente che, qui su Accordo, abbiamo conosciuto come solista armato di chitarra acustica per poi scoprirlo in prima linea, nella nuova scena pop cantautoriale italiana con Gazzelle e Fulminacci.
 
Artisti diversi, scalette diverse, suoni diversi: come gestire tutto?

"Per mia fortuna, negli scorsi mesi mi sono trovato a gestire, tra aprile e settembre, un periodo nel quale avrei dovuto seguire in tour due artisti Gazzelle e Fulminacci. Come se non bastasse, nello stesso lasso di tempo, si è sovrapposto un altro lavoro, al fianco di un cantautore chiamato Alfa. Ovviamente, questa mole di impegni, va sempre considerata in aggiunta alle attività parallele che ognuno di noi musicisti porta avanti: dal lavoro in studio di registrazione, alla didattica...
Portare sul palco, tre repertori, tre scalette, richiede un notevole sforzo mentale e di concentrazione. Negli ultimi periodi, per aiutarmi, mi sono abituato ad avere sempre con me la registrazione di una delle ultime scalette ripresa durante l'allestimento del tour. (Per allestimento si intende la sessione di prove che band e artista compiono a ridosso del tour, durante la quale ogni dettaglio dello spettacolo viene definito e ottimizzato. NDR). Questa registrazione è una ripresa multi traccia, supportata dalla presenza del Click. Posso quindi ripassare le mie parti in maniera ottimale: spegnendo la mia chitarra e suonando con il resto della band, scegliendo persino quali strumenti privilegiare nell'ascolto. Non solo, anche se può sembrare una cosa da poco, ascoltare l'intera registrazione della scaletta - magari durante i lunghi spostamenti e viaggi che essere in tour comporta - ma aiuta a essere sempre calato nei suoni, nell'atmosfera, nellae parti che dovrò suonare.

Artisti diversi, scalette diverse, suoni diversi: come gestire tutto?

Poi, facendo un passo indietro, c'è il lavoro di studio vero e proprio dei tre repertori. È impossibile pensare di imparare (tra apprendimento, pratica, creazione dei suoni) tre scalette, magari molto diverse tra loro, durante l'allestimento: è un lavoro che va fatto prima, a casa!
Proprio dal punto di vista dei suoni, io da anni lavoro con il Kemper che, in questo senso è straordinariamente efficace. Preparo i suoni dei tre spettacoli e li salvo su una pennetta. Chiedo alla produzione di trovare in ogni allestimento un Kemper residente, così è sufficiente importare i suoni, perchè io mi ritrovi, identico, quanto ho preparato. Risparmiandomi complicatissime gestioni di spostamento della strumentazione!

Artisti diversi, scalette diverse, suoni diversi: come gestire tutto?

Viceversa, non transigo sulla chitarra: non posso rinunciare alla mia Stratocaster N° 1 che devo portarmi, necessariamente su tutti i palchi.  Ha una versatilità che mi permette di eseguire al meglio tutti i repertori. Quella mi servirà sempre! Viceversa, sulle seconde chitarre, quelle complementari, deciderò (a seconda dell'artista) quale è più funzionale io mi porti appresso. Per esempio, con Gazzelle alla Stratocaster affianco una Danelectro; con Alfa una Les Paul. Portarle entrambe, con entrambe gli artisti non avrebbe senso."



Per chi volesse esplorare l'aspetto più acustico del chitarrismo di Claudio, suggeriamo la lettura di questa intervista in cui racconta
scrittura e produzione del suo brano strumentale "Between The Tides".
claudio bruno lezioni
Link utili
Segui Claudio Bruno su Instagram
La pagina di Claudio Bruno sul sito EKO GUITARS
Il canale youtube di Claudio

Mostra commenti     1
Altro da leggere
Esercitarsi con un suono da Rockstar!
Eric Johnson tour & strumentazione
Matt Schofield: esercitarsi sulle scale è uno schifo
Cesareo: quanto studiare
Fare i dischi. E poi studiare.
Scrivere e studiare in tour
Paul Gilbert: che meraviglia poter cantare quello che si suona
Sting dal vivo
Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.
NAMM: Polyphia dal vivo
Inizio a studiare chitarra
Billy Gibbons: esercitarsi a casa
Claudio Bruno: la musica è lo specchio dell'anima
Claudio Bruno: in tour con Gazzelle e Fulminacci
Luca Mantovanelli, nuova chitarra sul palco di Eros Ramazzotti
Yvette Young: due consigli per studiare chitarra
In tour con Steve Vai? Ecco il segreto
Strumenti vecchi per musica nuova
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964