SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La chitarra elettrica torna in prima serata: sì, parliamo di Matteo Mancuso
La chitarra elettrica torna in prima serata: sì, parliamo di Matteo Mancuso
di [user #17844] - pubblicato il

Non stiamo dicendo che gran parte del merito sia di Matteo Mancuso, ma questo articolo parla esattamente di Matteo Mancuso.
Non è un segreto: la musica suonata è diventata sempre più marginale sul piccolo schermo quanto sui grandi palchi. Si tratta di mode, magari momentanee, che inevitabilmente spostano l’attenzione su altro, con il dispiacere degli appassionati. Per questo, ogni volta che in TV compare la cara vecchia band di basso, batteria, chitarra e tastiere, è come una boccata d’aria fresca. Accade di tanto in tanto ai festival ed è innegabile come anche una formazione discussa come i Måneskin abbia avuto la sua influenza positiva nell’avvicinare nuove generazioni allo strumento, ma è ancora più affascinante quando la chitarra raggiunge il grande pubblico come puro mezzo di intrattenimento, piacere e arte. Soprattutto quando chi la imbraccia è un idolo per chi è del giro.

Accade che in TV, in prima serata, il 24 novembre Matteo Mancuso è ospite a Propaganda Live. Appena l’emittente lo diffonde online, il video fa il giro del web e il tono dei commenti è uno solo: “finalmente un talento e la sua arte vengono riconosciuti per essere condivisi con tutti”.
Ed è quello che è successo, perché l’esibizione di Matteo diventa spettacolo, piacere per gli ascoltatori, e i commenti dei profani che si leggono sui social ne sono la conferma.
A riguardo, non ci dilungheremo sulle capacità dell’alieno siculo, ormai ben note a chiunque bazzichi l’ambiente. Ci limitiamo invece a richiamare l’attenzione sull’espressione goduta dei compagni di band mentre Mancuso dà sfoggio di tutta la classe di cui è capace con una disinvoltura invidiabile, già nei primi secondi di performance.



Al di là del musicista, è anche il personaggio di Mancuso che funziona e piace. Un ragazzo giovane, alla mano e all’apparenza anche un po’ timido, che regala esecuzioni di altissimo livello come se fossero la cosa più naturale del mondo. È una ricetta capace di mettere d’accordo tutti, per primi i musicisti che - quando lo beccano in TV - non possono fare a meno di esclamare “Quello lo conosco!” richiamando l’attenzione dei familiari manco fossero compagni di merende, con Matteo.

A ben vedere, la sua apparizione sulla TV nazionale ha dei precedenti, e il chitarrista aveva già incantato il pubblico di Rai 3 quando, ospite da Via Dei Matti n.0, ha duettato col padrone di casa Stefano Bollani nel settembre 2022.
Alla trasmissione di Bollani va il grande merito di aver “infiltrato” in prima serata molti altri talenti, riuscendo nell’arduo compito di portare un po’ di bellezza nel pubblico difficile di chi fa della TV un sottofondo mentre cena, o cerca di liberarsi del peso della giornata. Una bellezza di cui c’è sempre bisogno, e che alcuni segnali sembrano vederla pian piano tornare all’attenzione dei più, magari distratti, forse non del tutto preparati, ma predisposti ad accoglierla. E non è cosa da poco.

Certo, gli esempi riportati sono poco più che due mosche bianche, di una rete di servizio pubblico e di una che, per certi versi, sembra voler incarnare un servizio pubblico “alternativo”. Tuttavia, quando si cade nel vortice di nostalgia ricordando i grandi ospiti internazionali alle trasmissioni di Renzo Arbore o quando il mondo scoprì che un italiano faceva tapping decenni prima di Van Halen, pensiamo alle perle che - per quanto rare - ci vengono proposte ancora oggi.
chitarre elettriche curiosità matteo mancuso revstar yamaha
Link utili
Il tapping di Vittorio Camardese in TV
Matteo Mancuso a Via dei Matti Numero 0 su Rai Play
Mostra commenti     29
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Come Gibson antichizza un’acustica
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964