DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cesareo saluta i lettori di Accordo & Didattica
Cesareo saluta i lettori di Accordo & Didattica
di [user #116] - pubblicato il

Nei prossimi giorni presenteremo una ricchissima intervista a Davide Luca Civaschi da tutti conosciuto come Cesareo, il chitarrista di Elio & Le Storie Tese. Civas, ci ha accolti sul palco dopo il sound check e per quasi un’ora ci ha parlato di chitarre e chitarristi, musica e collaborazioni, lasciandoci poi liberi di curiosare sul palco tra le strumentazioni apparecchiate di tutti gli Elii, documentando il tutto.
Nei prossimi giorni presenteremo una ricchissima intervista a Davide Luca Civaschi da tutti conosciuto come Cesareo, il chitarrista di Elio & Le Storie Tese.
Civas, ci ha accolti sul palco dopo il sound check e per quasi un’ora ci ha parlato di chitarre e chitarristi, musica e collaborazioni, lasciandoci poi liberi di curiosare sul palco tra le strumentazioni apparecchiate di tutti gli Elii, documentando il tutto.
Come lui stesso serenamente ammette, Cesareo sa di essere un musicista fortunato e invidiato: è il chitarristica degli Elio & Le Storie Tese il più grande gruppo italiano degli ultimi vent’anni: ogni loro album è stato disco d’oro, sono idolatrati dai fans e vezzeggiati dalla critica; due volti secondi a San Remo, incoronati artisti italiani del decennio 2001/2010, gli Elii riescono a far convivere in maniera brillante la loro immagine di artisti simbolo della musica indipendente italiana con quella di star che scorrazzano tra televisione, pubblicità, radio e teatro. E tutto questo, con una proposta musicale totalmente unica, delirante e visionaria: esilarante e irriverente per i contenuti e annichilente per la perizia del suonato e il virtuosismo architettonico di parti e strutture, elaborate da veri scienziati pazzi del pentagramma.
Come non invidiare un musicista che arriva a un successo del genere e candidamente confessa pure di suonare solo ed esclusivamente quello che gli piace e lo fa divertire. Bisognerebbe riflettere, però, su cos’è il “solo ciò che mi piace” cui si riferisce Cesareo. Perché, a ben guardare, in un solo brano di Elio la sua chitarra è in grado di rimbalzare tra metal e reggae, prendere il volo su uno swing, scivolare sul liscio e atterrare sul funk. Cesareo nella sua vertiginosa abilità mimetica ci conquista però con la capacità di lasciare comunque evidente e in primo piano una matrice saldamente rock: dalla maniera di pennellare gli accordi alla Hendrix, alle svisate pentatoniche che strizzano l’occhio a Blackmore, fino a impennate di plettrata che tradiscono mal celate passioni Gilbertiane.

Cesareo saluta i lettori di Accordo & Didattica

Eccellente, ieri sera, il concerto a Udine. All’interno dello stipato ed elegante teatro “Giovanni Da Udine” gli Elii hanno giocato con il pubblico: prima scimmiottando siparietti Sanremesi, affidando al jolly Mangoni il ruolo di improbabile presentatore; quindi simulando l’ambiente informale, disordinato e chiassoso di una sala prove da oratorio…Gli Elii, senza false modestie, sono musicisti stellari che con sprezzante fierezza rivendicano il valore di un successo conquistato offrendo, sempre, una proposta musicale di livello altissimo. Lo fanno schernendo e puntando il dito contro quelle tante mostruosità musicali che paradossalmente finiscono per essere alla moda, raccogliere consensi e attenzioni: dai suonatori di bonghi improvvisati e senza ritmo di “Parco Sempione”, alle chitarre acustiche scordate e i testi urlati e incomprensibili - se non per la retorica debordante - dei concerti da 1° maggio. Fino al pop più mellifluo e scontato, come per esempio quello dei Modà, letteralmente crocefissi dagli Elii, che li hanno citati storpiandoli. La stessa “Canzone Mononota”, trionfatrice a San Remo, è una provocazione di Elio che prendendo spunto da uno studio dimostrante come le composizioni musicali degli ultimi ’50 anni siano andate costantemente semplificandosi, ne arriva alle ironiche e paradossali conseguenze. Del resto, come proclamato da Mangoni ieri sera: “In un mondo di analfabetismo musicale, meno note fai, meglio è”.
Merita una nota finale la performance, incredibile, della corista Paola Folli che gigioneggia tra le acrobazie musicali di Elio. Solo dalla bocca della bambina dell’Esorcista abbiamo sentito uscire più voci, sfumature, idiomi e suoni in un una volta sola e così spaventosamente diverse. Con la differenza però che quelle di Paola sono celestiali, intrise di virtuosismo cristallino, sense of humor ed eleganza. Strepitosa!

cesareo
Mostra commenti     33
Altro da leggere
Ibanez: a SHG parata di grandi chitarre e chitarristi
Cesareo, Rojatti & Sfogli: full immersion di chitarra
Cesareo: ci facevamo davvero ridere
25 anni di servitù della gleba
Il gran finale dell'Ibanez RG Tour
Le dirette dell'Ibanez RG Tour da Bologna
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964