DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fender Mustang I: poca spesa tanta resa
Fender Mustang I: poca spesa tanta resa
di [user #39785] - pubblicato il

Anello fondamentale per il suono di un chitarrista, l'amplificatore può mirare a fornire un unico suono bene a fuoco oppure può puntare sulla versatilità, contenendo una miriade di suoni ed effetti talvolta a prezzo contenuto, come il Fender Mustang I.
Anello fondamentale per il suono di un chitarrista, l'amplificatore può mirare a fornire un unico suono bene a fuoco oppure può puntare sulla versatilità, contenendo una miriade di suoni ed effetti talvolta a prezzo contenuto, come il Fender Mustang I.

Il Fender Mustang I è un amplificatore piuttosto economico, che però può riservare molte sorprese a chi lo acquisterà.
Possiamo trovarlo in un range di prezzo che va dai 100€ ai 180€, è un ampli che nella versione I ha una potenza di 20W e monta un cono da 8 pollici.

Al suo interno possiamo trovare 24 banchi di memoria suddivisi per colore, otto per ognuno. I colori sono verde, arancione e rosso e, nei preset di fabbrica, fanno riferimento alla saturazione del suono.
Ogni preset potrà essere gestito direttamente nell'ampli per quanto riguarda l'aggiunta di effetti o dal programma Fender Fuse, dal quale potremo scegliere anche i vari modelli di amplificatore da simulare.

Fender Mustang I: poca spesa tanta resa

Quando l'ampli viene tirato abbastanza per il collo i suoni che produce sono molto molto interessanti. 
Il suo punto a favore è sicuramente la versatilità, possiamo tranquillamente suonare del jazz per poi passare al metal più duro con un semplice gesto.
Cosa molto comoda è l'uscita USB che, oltre a permettere un controllo completo dell'amplificatore e dei suoni contenuti in memoria, fa sì che il Mustang venga riconosciuto dal computer come una scheda audio per registrare in diretta senza microfoni o cavi audio e senza che il suono si deteriori in alcun modo.

Fender Mustang I: poca spesa tanta resa

Con l'acquisto ci verrà fornita una versione di AmpliTube e una molto lite di Ableton. Possiamo trovare simulazioni dei marchi storici tra cui: Fender (di cui vengono riportati i nomi originali), Marshall (anche se questi, come tutti i prossimi marchi, verrano riportati sotto "falso nome" come "British 60" per ovvi motivi di copyright), Vox, Mesa eccetera.


In definitiva, il Mustang I è un ampli molto molto versatile, economico che però rende molto nei suoni in relazione alla spesa affrontata.

Fender Mustang I: poca spesa tanta resa
amplificatori fender gli articoli dei lettori mustang
Mostra commenti     55
Altro da leggere
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Spoiler: a Natale tutto sulla Stratocaster
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Fender American Original '50s Stratocaster Inca Silver
Ascolta in video i single coil Fender più amati
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964