DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Carl Verheyen: la chitarra moderna che parte del blues
Carl Verheyen: la chitarra moderna che parte del blues
di [user #14881] - pubblicato il

"SWAT Blues" è il metodo didattico realizzato da Carl Verheyen per Truefire, ora disponibile anche con sottotitoli in italiano. Non facciamoci condizionare dalla parola blues: l'abilità e lo sconfinato bagaglio tecnico e teorico di Verheyen traghettano questo metodo verso l'esplorazione delle più moderne possibilità di fraseggio chitarristico.
"SWAT Blues" è il metodo didattico realizzato da Carl Verheyen per Truefire, ora disponibile anche con sottotitoli in italiano. Non facciamoci condizionare dalla parola blues: l'abilità e lo sconfinato bagaglio tecnico e teorico di Verheyen traghettano questo metodo verso l'esplorazione delle più moderne possibilità di fraseggio chitarristico.

In questo articolo vorrei parlarvi del corso SWAT Blues di Carl Verheyen, disponibile con i sottotitoli in italiano su TrueFire.it.
SWAT è l’acronimo di Special Weapons And Tactics, in questo caso dedicate ai chitarristi blues.
Non fatevi condizionare troppo dalla parola blues! Carl Verheyen porta dentro di sé un tale bagaglio tecnico, teorico e musicale da riuscire a portare qualunque argomento a un livello superiore. Per questo motivo non aspettatevi un corso in cui potete imparare i classici e infallibili lick blues che da sempre caratterizzano il playing dei più grandi di questo genere. Per questo vedremo in futuro i corsi realizzati da gente come Jeff McErlain e Corey Congilio, delle vere bibbie del fraseggio blues!

Carl Verheyen: la chitarra moderna che parte del blues

Carl Verheyen è un musicista estremamente evoluto, uno che può vantare una tale padronanza del suo strumento da riuscire ad imporre il proprio approccio su qualunque stile, rendendolo davvero unico e particolare. I suoi consigli sul fraseggio sono davvero preziosissimi: lui insiste molto sul suo approccio legato agli intervalli, per questo motivo tende ad evitare sempre di muoversi su una scala suonandola in senso ascendente o discendente, preferisce invece esplorare gli intervalli in essa contenuti trovando tutti gli arpeggi possibili e mettendo in evidenza intervalli anche molto distanti tra loro. Questo dà vita ad uno stile davvero particolare che offre tantissimi spunti da incorporare nel nostro playing. Secondo me il prezioso valore di questi corsi sta proprio nel dare la possibilità di fare propri solo gli elementi che ci interessano maggiormente; in questo modo ogni chitarrista potrà forgiare il proprio stile in maniera personale evitando il rischio di suonare come centinaia di altri studenti dello stesso corso, nella stessa scuola, con lo stesso insegnante e con lo stesso metodo.

Carl Verheyen: la chitarra moderna che parte del blues

Io ho trovato interessantissimo anche l’argomento in cui Carl spiega come emulare il suono di una chitarra slide, utilizzando però una chitarra diteggiata in maniera tradizionale. Al contrario di chi è convinto che per fare una determinata cosa servano per forza certi strumenti, Verheyen dimostra che saper raggiungere un ottimo controllo del proprio strumento vi permette di interpretare qualunque genere, stile e suono solo con l’aiuto delle vostre mani.
Questa specifica lezione è tra l’altro parte delle 14 lezioni gratuite che potete scaricare registrandovi sul sito TrueFire.it, perciò credo valga veramente la pena farci un giro.
Carl Verheyen è uno di quei chitarristi che ti fanno capire quanta strada da percorrere ci sia ancora nello studio della chitarra, ma questo rappresenta il fascino di qualunque strumento. Più si studia, più ci si accorge di non conoscere ancora moltissimo, ma la voglia di imparare sempre di più e di poter ascoltare i nostri progressi rappresenta lo stimolo ad andare avanti e ad esplorare sempre di più!


Carl Verheyen sarà tra pochissimo in Italia per una serie di concerti e una clinic, accompagnato da una eccellente sezione ritmica: Stu Hamm al basso e John Mader alla batteria. Gran parte dello show sarà composto da pezzi dell'ultimo album "Mustan Rung" album che c'era piaciuto moltissimo e del quale avevamo parlato in questa recensione
Ecco l'elenco completo delle date. Segnaliamo che nel concerto di Milano sarà presente come special guest, Stef Burns. (Redazione)

LIVE:
2 Novembre: Milano – Blue Note – Info: www.bluenotemilano.com
3 Novembre: Amandola (FM) – Teatro La Fenice – Info: www.comune.amandola.fm.it
4 Novembre: Lugagnano di Sona (VR) – Club Il Giardino – Info: www.clubilgiardino.org

CLINIC:
3 Novembre: Amandola (FM) – Lizard - Info: mliverotti@gmail.com
carl verheyen truefire
Nascondi commenti     6
Loggati per commentare

Non lo conosco.
di ciun [user #15167]
commento del 27/10/2014 ore 14:43:26
Non lo conosco, ma ci darò un'occhiata.
Fra l'altro mi sollazzano quelle 14 lezioni gratuite, non per tirchieria, ma vuoi vedere che a 45 anni suonati mi fanno venire di nuovo voglia di imparare?
Rispondi
Re: Non lo conosco.
di roccog [user #30468]
commento del 28/10/2014 ore 11:02:05
Te lo raccomando Carl!...E' bravissimo. Suona bene tutto e insegna sempre in maniera chiara. Il metodo sembra realizzato benissimo. In stile truefire
Il disco è uno spasso poi...aspetto di vederlo live.
Rispondi
che influenza..
di scottt [user #5541]
commento del 27/10/2014 ore 15:57:30
..non nel senso virale del termine però!!!Che si faccia jazz,blues,country ecc. lui c'è sempre!Con gusto,competenza e un con un suono con i controca..i.Il suo intervallic rock (consigliatissimo) l'ho divorato!
Rispondi
Un chitarrista che apprezzo in ...
di Carrera [user #31493]
commento del 28/10/2014 ore 08:02:02
Un chitarrista che apprezzo in maniera sconfinata.
Moderno ma con il tocco della "vecchia scuola".
Il fatto di trovare il metodo sottotitotato in italiano è cosa ghiotta....
Rispondi
Carl e' semplicemente fantastico ! ...
di qualunquemente1967 [user #39296]
commento del 28/10/2014 ore 13:12:55
Carl e' semplicemente fantastico ! L'insegnante dei miei sogni ! Ciao
Rispondi
grandissimo professionista, elegante ed eclettico. ...
di giuseppe40 [user #18743]
commento del 28/10/2014 ore 21:31:04
grandissimo professionista, elegante ed eclettico. ma inizio a pensare che a certe cose bisognerebbe trovare un altro nome. Di Blues, non c'è nulla. E non parlo solo dal punto di vista musicale.
Rispondi
Altro da leggere
Beyond The Blues - Le pentatoniche di Carl Verheyen
Beyond The Blues - Tra slide e blue note con Carl Verheyen
Scala blues & corde a vuoto con Carl Verheyen
Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen
Carl Verheyen e i suoni di chitarra più belli del mondo.
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964