DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cesareo: uscire dalla stanzetta
Cesareo: uscire dalla stanzetta
di [user #116] - pubblicato il

Una grande lezione di musica. Cesareo sprona i giovani strumentisti a confrontarsi con altri musicisti per imparare quello che da soli si fatica a concepire: valutare ciò che si suona non sulla base di quanto bello ci possa sembrare ma in virtù dell'efficacia che riveste all'interno della band.
 
L’unica maniera per crescere, se non addirittura per diventare veramente un musicista è confrontarsi con altri musicisti. Suonare assieme ad altre persone.
Uscire dalla gabbia dorata della propria stanzetta per entrare in una band, affrontare una sala prove, significa confrontarsi con dinamiche ed esigenze che non sono più solo e unicamente le proprie ma sono quelle del contesto musicale in cui ci si trova calati. Significa che la maniera perfetta con cui eseguivamo o avevamo composto una parte di chitarra suonandocela da soli, potrebbe non esserlo più quando ci si ritroverà e eseguirla con altri musicisti.
 
Cesareo: uscire dalla stanzetta
 
Le diteggiature degli accordi potrebbero essere troppo estese, invasive, finendo per disturbare quelle scelte e suonate dalle tastiere o dall’altra chitarra, rischiando di negare ai compagni di band la necessaria libertà e margine armonico di azione. La pulsazione ritmica potrebbe essere non affine e calzante con quella scelta da basso e batteria, finendo per ingolfare e appesantire il respiro ritmico del pezzo.
Il musicista quindi, inizia a ragionare mettendo come fino ultimo nell’elaborazione delle sue parti il bene dell’insieme musicale nel quale è coinvolto, l’amalgama armoniosa con gli altri strumenti. Il tutto ovviamente senza sminuirsi, cercando di garantirsi uno spazio che lo gratifichi e sia commisurato alle sue capacità. Suonando con altri musicisti, il chitarrista imparerà semplicemente a smettere di pensare che quello che fa alla chitarra funzioni senza prima averlo provato con il resto della band. In una parola, si inizia a concepire un arrangiamento.
 
 
In questa lezione Cesareo parla di rivolti di un accordo che possono sovrapporsi o scontrarsi con quelli scelti da altri strumenti. Da qui, in fase di arrangiamento, si capisce quanto sia importante per un musicista una conoscenza degli accordi e dei loro rivolti che permetta di avere più posizioni e alternativa sempre a disposizione.
Un buon pretesto per invitare i nostri lettori a ripassare le tante lezioni che abbiamo dedicato allo studio degli accordi: ci siamo occupati di Maj7, Min7, 7 e Min7/b5.
cesareo engl grazie per la domanda ibanez lezioni
Mostra commenti     13
Altro da leggere
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
Più opzioni, meno lavoro
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma in VST
Luca Mantovanelli alla sua prima signature: Ibanez LM1
Pentatone: massimo controllo sulla distorsione da Ibanez
Dyna-MIX e alter-switch: i tanti suoni delle Ibanez Q in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964