DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il master clock dalla Abendrot
Il master clock dalla Abendrot
di [user #28271] - pubblicato il

Durante la mia ultima trasferta giapponese sono stato contattato dalla Abendrot, piccola (a livello di distribuzione ma non di esperienza) e promettente azienda produttrice di una unità audio decisamente di nicchia -se non altro tenendo conto del fatto che in pochi lo usano come unità esterna- ed ancora meno persone ne conoscono la natura: il master clock.
Premettendo che io stesso sono stato colto da un dubbio amletico una volta ricevuta questa richiesta di un mio parere personale e che non sono mai stato un geek o, come alcuni direbbero scherzosamente, un nerd, del mondo digitale, della diatriba con il mondo analogico e dell' elettronica in genere, mi reco incuriosito sul luogo dell' appuntamento per il test: l' intrigante ed accogliente studio Red Bull nel cuore vibrante di Tokyo, il quartiere di Shibuya.
Proprio lei, la Red Bull, in un palazzo tutto suo che nel basement ospita un ottimo studio recante numerosi richiami alla famosa bibita, compresa la console SSL marchiata con il logo dei due tori!
Prima di continuare nel racconto, due cenni sull' uso e necessità (per molti inutile) di avere una unità dedicata al clocking li devo fare.
Conscio io stesso del mal di testa che per molti possa generare la teoria Analogico/Digitale cercherò di essere il più leggero possibile.
Come sappiamo nel processo di digitalizzazione di un segnale analogico, il cosidetto campionamento agisce come una sorta di macchina fotografica del segnale continuo analogico, generando microscopiche foto del suono in singoli istanti di tempo infinitesimali ("foto" sempre più precise con l' aumentare del coefficiente di sampling).

Il master clock dalla Abendrot

Questo campionamento avviene, quindi, nel tempo, in real time: sia in acquisizione, quindi in digitalizzazione di un segnale audio, ma anche in playback, riportando il messaggio digitale nel dominio analogico acustico.
Diventa -per i puristi- quindi di fondamentale importanza la precisione della gestione del tempo cronologico in cui questo processo avviene e qui fa, o dovrebbe fare, la sua parte da leone, il master clock. 
Una unità non necessariamente adibita alla sincronizzazione di più elementi di un studio (come molti possono pensare) ma solamente nella gestione di questo scopo.
Test hanno evidenziato che un clock impreciso (anche detto jittering, se diventa cronico)  e discontinuo genera distorsioni armoniche, cambiando la forma d'onda e quindi il suo contenuto musicale. 
Questa la teoria. 
Domanda ovvia: è realmente percepibile la differenza tra varie unità di clocking in un contesto di alto livello come quello di uno studio professionale...?
Torniamo a noi: una volta entrato in studio, dopo le presentazioni obbligatorie, mi si chiede con un gran sorriso di fare un confronto tra il master clock della (ottima) Antelope e questa unità rack Abendrot.
E qui cado ancora di più nel panico immaginando la difficoltà reale nel poter valutare differenze nel suono di queste unità di grande pregio tecnologico (e prezzo...), anche considerando il fatto che per poter effettuare questo test comparato saremo costretti a fermarci ogni volta, scablare una unità per far posto alla successiva, ri-settare il multitraccia e riprendere l' ascolto di uno stesso brano (Adele, dall' album 25) con un intervallo di 2-3 minuti... un delirio per qualsiasi test audio dove la velocità di "passaggio" dev'essere nell'ordine di 1-2 secondi (pensiamo ad una prova comparata, ad esempio, tra monitors i quali vengono settati su uscite parallele richiamabili con un semplice pulsante sulla console...).

Il master clock dalla Abendrot

Non mi rimane che sfoggiare il mio motto "Scettico ma sorridente" o, forse ancora meglio in questo contesto, "smarrito ma sorridente", mi siedo al banco.
E via con il primo master clock: il brano lo conosco, ne conosco la qualità di produzione. La riconosco, tutto piacevolissimo.
Arriva il momento del test reale, la valutazione dell' Abendrot, motivo per il quale sono stato invitato: strizzo gli occhi per concentrarmi meglio sull' ascolto di quelle minime variazioni,  al limite dell'impercettibile, che dovrei riscontrare su alcune frequenze alte, rispetto all' ottima unità precedente.
Dalla modalità "smarrito" passo a quella "in panico"... che differenze percepirò? Saranno degne di nota? Sarò lì pronto a coglierle?
Ed invece un mondo nuovo mi si apre: la voce di Adele parte e tutto è diverso ma non cambiato, più trasparente: voce più limpida sulle alte ed altissime frequenze, più in faccia ma ancora più avvolgente.
Il fonico residente si mette a ridere: lui per i fatti suoi il confronto l' ha già fatto e si diverte a vedermi sorpreso della scoperta. Parliamo, lui condivide con me il fatto di aver percepito anche maggiore calore (nel senso di presenza, sempre avvolgente) nel range delle super basse. 
Io, ancora sognante immerso nelle prime note della voce, riprendo contatto con "tutto" il brano e noto anche questa caratteristica. "Impressive".
Fermo la musica dopo forse neanche 40 secondi: non ho bisogno di altro, ho capito tutto.
Mi giro verso il direttore marketing della Abendrot, un ragazzo nipponicamente cortese e gradevole, e fermamente gli dico: "grazie per avermi chiesto un parere ma farò di più, voglio recensire questa unità!"
Missione compiuta, torno alla mia vita audio, torno a mixare sperando che i miei "prodotti", magari, durante il loro processo di mastering, abbiano la fortuna di passare attraverso una di queste piccole perle tecnologiche. Arigatou gozaimasu!

Il master clock dalla Abendrot
enrico sesselego master clock recensioni
Link utili
Il sito di Enrico Sesselego
Mostra commenti     11
Altro da leggere
"In studio con Nervo" - Pre & Microfoni
"In Studio con Nervo" - Sessioni & Registrazioni
Racer Café: intervista a Enrico Sesselego
Paul Gilbert: la velocità nasconde le schifezze che suoni!
Paul Gilbert: studenti senza espressività
Federico Poggipollini: ottavi in Nero
Chitarristi dal mondo: Koco Dhavale
Yuya Maeta: tra Marty Friedman e Babymetal
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
"Star Of Sirrah" nuovo video degli Ayeron con un Paul Gilbert incontenibile
Ensemble Futur, l'album d'esordio di John Wheatcroft
Suonare e registrare gli ottavi
Ibanez RG Tour 30Th Anniversary: Sfogli, Rojatti, Salati e Martongelli
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964