CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Duesenberg Fullerton Elite: lusso Art Deco in prova
Duesenberg Fullerton Elite: lusso Art Deco in prova
di [user #17844] - pubblicato il

Le tavole bombate in abete e acero della Fullerton Elite richiamano la tradizione semihollow della prima ora e l'abbinamento humbucker e P90 con due file di poli sfalsati mette sul piatto una versatilità notevole. Tra rockabilly e alternative, abbiamo messo alla prova il gioiello di casa Duesenberg.
Scintillante, sfarzosa, esagerata. La Fullerton Elite è presentata da Duesenberg come la quintessenza dell'eleganza e della versatilità in un formato da chitarra semihollow di stampo vintage. L'estetica non lascia dubbi in merito, e la thinline tedesca a cassa bombata fa ben immaginare anche in che direzione viri la sua voce.

Non è un caso che Duesenberg fosse anche il nome di una casa produttrice di auto di lusso attiva negli USA fino agli anni '30 del secolo scorso, perché la Fullerton Elite sembra arrivare proprio dalla scuola stilistica dell'Art Deco newyorchese, tra finiture brillanti e particolari abbondanti in metallo cromato, più di quanti siano realmente necessari per il funzionamento dell'insieme ma mai abbastanza per quanto luccicano sotto i riflettori.
La tradizione Duesenberg però non passa in secondo piano sotto l'aspetto sonoro, e la Elite stupisce già alla prima plettrata per il volume abbondante che sprigiona ancora da spenta. Rapiti dal suo fascino, abbiamo voluto testarla per voi.

Duesenberg Fullerton Elite: lusso Art Deco in prova

Retrò nell'estetica e tradizionale sul piano costruttivo, la Fullerton Elite trasmette subito una sensazione d'altri tempi. Solo a guardarla, sembra voler far risuonare nell'aria i toni caldi e tintinnanti al tempo stesso del primo rock n roll.
L'humbucker Grand Vintage al ponte, con un output non esagerato e una risposta improntata sulle medio-alte, è esattamente quello che serve per il genere. Al manico viene invece scelto un single coil. Anch'esso costruito da Duesenberg, è un modello PH90, un pickup a due bobine affiancate con due triplette di poli sfalsati, che pendono verso gli acuti. Lui suona caldo, ma conserva un buon attacco e un timbro legnoso che si accentua nella posizione centrale.
Le bobine di stampo retrò, insieme alla costruzione a cassa cava e alla scelta di montare un ponte con sistema Radiator Tremolo, parlano da sole. Il suono amplificato, anche usando un valvolare moderno come il DV Mark Maragold della prova, è un trionfo di "twang" e "chung" ben noto ai fan di Bigsby e dintorni.
C'è però un tocco di versatilità che consente alla Fullerton di affacciarsi senza noie anche in stili non troppo vintage, e abbiamo strizzato l'occhio con una certa soddisfazione al rock alternative dei Radiohead o anche a quello più duro dei Foo Fighters: d'altra parte, con una semihollow Catalina-Blue tra le mani, non troppo lontano dal Pelham Blue di casa Gibson, la tentazione di imitare il buon Dave Grohl è forte.
La madreperla sintetica che compone il battipenna e disegna la paletta, però, mostra un carattere ben più complesso della storica concorrente a base di humbucker. Le meccaniche Art Diego si ispirano da vicino al mondo dell'Art Deco, richiamato anche dai segnatasti Duesenberg Wing color crema, in tinta con i binding che corrono sul fondo, sul top e sul bordo del manico. La D in metallo fissata sul corno superiore, accanto all'unica buca a effe, è un vero tocco di classe.

Duesenberg Fullerton Elite: lusso Art Deco in prova

I legni usati palesano il desiderio di ammiccare alla tradizione delle archtop d'annata, piuttosto che rifarsi al mondo delle solid e hollow body moderne. Incollato a un sottile ma voluminoso top in abete laminato su fasce e fondo in acero, il manico è in un pezzo di acero abbinato a una tastiera in palissandro indiano dal raggio di dodici pollici. Il profilo è comodo, non esagerato nelle dimensioni, ma abbastanza largo e leggermente schiacciato nella sua forma a D.

Duesenberg Fullerton Elite: lusso Art Deco in prova

La costruzione ne fa una vera macchina retrò. I legni sembrano trasparire anche attraverso l'amplificazione, e il ponte mobile - forse con qualche scordatura di troppo imputabile al setup, ma tutto sommato comprensibile per la categoria - ci mette la sua firma inconfondibile.
Il tono è sempre reattivo e piuttosto squillante, mai sordo o intubato. È di stampo decisamente vintage, ma capace di sopportare bene anche le distorsioni. Gli acuti percussivi e presenti, ma sempre un po' smussati in cima, permettono di ottenere timbriche dettagliate, soprattutto sugli accordi, senza rischiare di suonare troppo penetranti. Questo rende la Fullerton Elite una buona arma anche in distorsione, con crunch sempre caratterizzati da una buona intelligibilità senza suonare mai eccessivamente frizzanti. La saturazione non è il terreno naturale di una chitarra del genere, eppure la Duesenberg ci si muove con una certa agilità. Inoltre, la costruzione semihollow e la buca a effe sono perfette per raccogliere il suono dell'ampli sul palco, guadagnando sustain e innescando un discreto feedback anche senza ricorrere a volumi spropositati, ma senza scadere in fischi incontrollati grazie al blocco centrale in legno massello nascosto dentro la cassa.



Profonda, articolata e aggressiva quanto basta, la voce della Fullerton Elite è esattamente quella che ci si aspetta appena la si guarda per la prima volta.

La thinline Duesenberg è uno strumento di fascia alta e come tale si comporta. È solido, scorrevole e piuttosto leggero considerato l'equipaggiamento. Perfettamente immerso nella sua peculiare dimensione, saprà fare la felicità di qualunque appassionato di rock n roll e blues, ma non deluderà chi ama calcare un po' la mano col gain.
Se vi capita di fare un salto presso un negozio servito da Aramini Strumenti Musicali, che distribuisce le chitarre Duesenberg in Italia, fatevi un favore e non fatevi mancare una prova sul campo.
chitarre semiacustiche duesenberg elite fullerton
Link utili
Fullerton Elite sul sito Duesenberg
Sito del distributore Aramini
Mostra commenti     3
Altro da leggere
Starfire I-12: la Guild a 12 corde più economica di sempre
La GAS colpisce ancora: Harley Benton Big Tone Trem Orange
Starfire I Jet90: P90 più che mai
Junior Jet P90 e due Center Block rinnovano le Gretsch Streamliner
Le Gretsch 2022 sono nei negozi: ascoltale all’opera
Gretsch Electromatic Classic: vintage accessibile rinnovato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964