DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta
Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta
di [user #13803] - pubblicato il

Un piccolo congegno di solo legno amplifica in maniera passiva una fonte sonora con stile e qualità, e per una giusta causa.
“Un anno fa la tempesta Vaia ha messo in ginocchio le Dolomiti: più di 42 milioni di alberi sono stati abbattuti nella notte tra il 28 e il 29 ottobre 2018”. Questo è quanto leggo sulla brochure della Start-up Vaia Wood.

Naturalmente l'ho acquistato. Ero molto interessato all'idea di poter dare un contributo concreto alla rinascita delle foreste abbattute dalla tempesta dell'ottobre 2018 senza necessariamente andare a imboscarmi in qualche malga munito di sega per i sentieri alpini. Non che ci sia nulla di male, ben inteso, ma quello che mi ha attratto mggiormente è stata la possibilità di accaparrarmi un oggetto che, oltre a essere molto bello e ricercato, funziona. E funziona alla grande. Il concetto è quello di usare il legno per amplificare un suono che altrimenti se ne resterebbe inascoltato.
Suppongo sia stato oggetto di studi di acustica almeno quanto lo è stato di design. Cosa infatti potrebbe far risuonare meglio una vibrazione come il legno di un abete del Trentino? Un pensiero ricco di suggestione per qualunque musicista.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Avremmo preferito tutti, credo, non aver conosciuto questa creazione a causa di una catastrofe di tale portata, ma una delle cose belle di quest'oggetto è proprio quella di poter dare un contributo fattivo, toccabile, con un oggetto molto particolare. Infatti, per ogni cubo acquistato, la Start-up trentina si impegna a piantare un albero per mettere in sicurezza le zone colpite dalla tempesta. Intorno a questo progetto si sono raccolte tutta una serie di realtà che vanno dall'artigianato, al design fino allo sviluppo sostenibile.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Veniamo a noi, esploratori di suono. Il nostro amplificatore passivo si presenta come un piccolo cubo di legno, grande il giusto. La casa dichiara di aver realizzato il Vaia Cube con due essenze: larice e abete. Nella faccia superiore il Vaia Cube mostra una fessura, perfetta per inserirci il telefonino. Ora, la base del telefonino, da dove si presume esca il suono della musica del telefonino, va a far vibrare una sorta di cono in legno più scuro da quella che costituisce il resto del cubo. Questa è l'anima del meccanismo. Il resto è fatto dal legno più chiaro con alcuni simpatici accorgimenti estetici che lo rendono, se non altro, un oggetto davvero elegante nella sua impressione di naturalità. Lascio a chi se ne intende di più dirci quale sia l'abete e quale il larice.

Il suono che ne esce è già ampiamente definibile come "musica" e non ha nulla a che vedere con quel buffo ronzio che emettono i telefonini. Non aspettiamoci i bassi di un sound-system londinese durante un rave party, ma si riescono a sentire distintamente anche certe medio-basse altrimenti impossibili da percepire da un telefonino senza accorgimenti elettronici. Perché sì, Vaia Cube non ha elettronica, è passivo nel più autentico senso del termine. È un pezzo di legno nel quale si infila un telefono e ne esce musica. È assolutamente fattibile predisporre l'apparecchio e starsene lì ad ascoltare o fare altro. Non solo si sente, ma si sente bene e con un'ottima definizione.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Una cosa che mi ha particolarmente suggestionato di quest'iniziativa è stata la filosofia di fondo. Il progetto si prefigge di andare a riciclare materiali risultanti da questo tipo di disastri. Quindi, oltre a produrre con della materia che altrimenti andrebbe sprecata, si impegna a dare un contributo concreto alle comunità vittime di questo tipo di situazioni in giro per il mondo, in questo caso reimpiantando degli alberi nel luogo dove sono venuti meno. Il progetto quindi non è limitato al “cubo di legno che fa suonare il telefonino”, è un modo di pensare a mio avviso molto valido in qualunque settore.
accessori amplificatori curiosità gli articoli dei lettori vaia
Link utili
Sito Vaia Wood
Mostra commenti     19
Altro da leggere
Il mito del Jazz Chorus in edizione limitata
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
La sottile inesistenza del vintage
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
Il punch degli AC/DC in un pedale
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964