CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Shure SLXD: rice-trasmettitore wireless spiegato facile
Shure SLXD: rice-trasmettitore wireless spiegato facile
di [user #17844] - pubblicato il

Il sistema senza fili SLXD racchiude la qualità professionale Shure in un pacchetto pratico e facile da usare. Esploriamone caratteristiche e funzionamento con un tutorial video.
Professionalità ed efficienza non devono per forza andare di pari passo con complessità e difficoltà d’uso. Shure lo insegna con l’SLXD, sistema di rice-trasmettitori wireless capace di mettere a disposizione di musicisti e fonici una trasmissione senza fili consistente, pulita e potente, programmabile in una manciata di passaggi.

Il kit SLXD si basa sul ricevitore SLXD4 e consente l’abbinamento con trasmettitori palmari e bodypack come i modelli SLXD1 e SLXD2.

Shure SLXD: rice-trasmettitore wireless spiegato facile

Il ricevitore, responsabile di un segnale digitale ad alta fedeltà, garantisce una risposta lineare da 20Hz a 20kHz, con la trasparenza di una conversione a 24bit e ben 120dB di dinamica.
Il sistema si muove in una larghezza di banda di 44Mhz. Nella nostra versione, la J53, il range di frequenze UHF è compreso tra i 562 e i 606MHz.
32 canali permettono di inserirsi nei sistemi audio più elaborati senza soffrire particolari vincoli né temere interferenze di sorta. Due antenne garantiscono una ricezione sempre ottimale e la possibilità di associare un secondo ricevitore con un cavo Ethernet raddoppia di fatto le potenzialità del setup.

Solido, compatto e consistente, l’SLXD4 trasmette all’istante una sensazione altamente professionale. Una scocca in metallo e accorgimenti come il fissaggio a vite per la presa d’alimentazione e quello a scatto per le antenne - per assicurarsi che i cavi non si disconnettano per errore negli spostamenti involontari - sono i piccoli plus che possono fare la differenza tra un oggetto consumer e uno dedicato a chi il palco lo calca per lavoro.

L’interfaccia si basa su un display, due soli pulsanti e un cursore rotativo con bottone integrato per tenere l’esperienza d’uso sul semplice, senza comunque lasciare niente al caso. Per la felicità degli appassionati di nuove tecnologie, il ricevitore è inoltre compatibile con il software Wireless Workbench e con l’app per dispositivi mobile ShurePlus Channels, per supervisionare con maggiore praticità tutto ciò che avviene all’interno del sistema di trasmissione.

Shure SLXD: rice-trasmettitore wireless spiegato facile

I complementi per l’SXLD4 sono i trasmettitori SLXD1 e SLXD2.
L’SLXD1 è un trasmettitore bodypack, ideale per microfoni lavalier con attacco mini TA4F.
L’SLXD2 è la versione palmare, qui abbinata a un classico microfono SM58, ma disponibile con una varietà di capsule di riferimento per il catalogo Shure.
Entrambi i trasmettitori sono dotati di un interruttore per l’accensione e due pulsanti per navigare tra i menu, che danno accesso a regolazioni rapide per il guadagno, filtri e funzioni come l’Auto Lock per prevenire operazioni involontarie.
Con un raggio di 100 metri, i due assicurano un’operatività cristallina e affidabile pressoché su qualsiasi palco o studio.

Entrambi lavorano con una coppia di pile stilo tipo AA per un’autonomia fino a 8 ore. La predisposizione per montare la batteria ricaricabile Shure e la relativa base di carica SBC203 con presa USB rendono il sistema sempre pronto all’uso e particolarmente pratico, grazie al sistema di ricarica in stile “dock”, con i due trasmettitori che alloggiano comodamente negli slot sagomati del caricabatterie.

Nel video, affrontiamo il processo di abbinamento tra il ricevitore SLXD4 e un trasmettitore.
Il procedimento è rapido, quasi del tutto automatico e alla portata di chiunque, per affrontare il palco con la massima qualità e il minimo sforzo.

microfoni shure slxd tutorial
Link utili
Sistema Shure SLXD
Stazione di ricarica SBC203
Trasmettitore Bodypack SLXD1
Trasmettitore palmare SLXD2
Ricevitore SLXD4
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Miniature Clip Mic System: il sound Neumann in miniatura
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
Come scegliere la pedalboard perfetta
Le offerte continuano con il Natale di MusicalStore2005
EW-D: lo smart wireless Sennheiser spiegato
Microfonare la voce? Quando e perché scegliere dinamico o condensatore
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964